Una superlega professionistica per il Sudamerica

Il progetto prevede di dare alla luce un campionato internazionale per club a partire dal 2020

ph. UAR/ Emi Raimondi

Dietro il motto #AmericaCrece la federazione sudamericana della palla ovale, Sudamérica Rugby, sta lavorando alla realizzazione di un progetto di sviluppo molto ambizioso: la nascita di un campionato internazionale per club sul modello del Pro14 che riunisca squadre provenienti da alcune delle nazioni dove il rugby è maggiormente in crescita.

L’obiettivo è quella di dare vita alla competizione nel 2020, con le squadre partecipanti che dovrebbero provenire da Argentina, Uruguay, Brasile, Cile, Paraguay e Colombia. Questo almeno quanto emerso da alcune riunioni tenute in tempi recenti sia da Sudamérica Rugby che da Americas Rugby, organizzatore dell’Americas Rugby Championship dove partecipano anche Stati Uniti e Canada.

Altre opzioni che sono allo studio della federazione latinoamericana comprendono la possibilità di inserire squadre dal Messico e dal Perù.

Proprio Sudamérica Rugby ha rilasciato martedì 22 maggio un comunicato ufficiale che ha comunicato il concreto progresso dei lavori di sviluppo del progetto che per il momento va sotto il nome di Liga Americana de Rugby.

 

Il presidente di Sudamérica Rugby Sebastiàn Piñeyrúa ha dichiarato: “Stiamo lavorando con varie federazioni per realizzare la Liga Americana de Rugby. Abbiamo parlato con tutti i presidenti di queste federazioni e c’è la convinzione che sia il modo migliore per continuare a crescere e avere delle squadre nazionali ogni giorno più competitive.”

Le squadre partecipanti saranno franchigie gestite in larghissima parte dalle federazioni nazionali, che avranno un controllo forte sulle proprie squadre. Pare infatti che il programma sia quello di non concedere ai soci privati la possibilità di acquisire più del 49% delle società. Questo suggerisce inoltre che le squadre saranno create ad hoc per la competizione, invece di puntare su club privati già in essere.

Con l’appoggio di World Rugby e di Americas Rugby, peraltro presieduta da Agustin Pichot, già vicepresidente della federazione internazionale, il campionato punta a inserirsi nel quadro del nuovo calendario internazionale che entrerà in vigore proprio nel 2020.

Una opportunità di sviluppo enorme per un continente dove negli ultimi anni il rugby sta crescendo in maniera esponenziale non solo in Argentina e in Uruguay, che già possiede una relativa notorietà internazionale, ma anche in Brasile e in Cile, per fare un esempio. Le possibilità di ulteriore crescita sono immense.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Argentina: per la successione di Hourcade una corsa a due

I nomi di Gonzalo Quesada e Mario Ledesma sono i più quotati per diventare i nuovi selezionatori dei Pumas

20 giugno 2018 Emisfero Sud
item-thumbnail

Argentina: il CT Daniel Hourcade ha rassegnato le dimissioni

Decisive le due pesanti sconfitte contro il Galles. Resterà in carica fino alla prossima partita contro la Scozia

17 giugno 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Super Rugby: Ronan O’Gara rinnova il suo contratto con i Crusaders

L'irlandese sarà l'allenatore dei trequarti della franchigia sino al termine della stagione 2019

14 giugno 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Il calendario del Super Rugby 2019

Stabiliti date ed orari del prossimo torneo australe

12 giugno 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Nations Cup: l’Uruguay vince contro l’Argentina XV e conquista il titolo

I Los Teros sfruttano la doppia superiorità numerica nel secondo tempo per rimontare lo svantaggio

11 giugno 2018 Emisfero Sud / Altri tornei
item-thumbnail

Immaginate di ritrovarvi Jordie Barrett nella vostra casa alle 5 di mattina

Il 21enne è entrato nell'appartamento sbagliato all'orario sbagliato insieme ad un suo amico

4 giugno 2018 Emisfero Sud