Il Benetton Treviso ha annunciato la lista dei partenti

Francesco Minto lascia il club biancoverde dopo otto anni. Dice addio anche Zanusso

benetton treviso minto

ph. Ottavia Da Re

Il Benetton Treviso ha comunicato la lista dei cinque giocatori che lasceranno la squadra in vista del prossimo anno. Non saranno più in Ghirada dalla stagione 2018/2019 gli azzurri Francesco Minto e Matteo Zanusso, i neozelandesi Marty Banks, Whetu Douglas e il figiano Michael Tagicakibau.

Per Minto, l’addio arriva dopo otto anni in biancoverde, in cui il terza linea ha collezionato 110 cap, segnato 25 punti e conquistato la maglia della Nazionale nell’ormai lontano 2012; quattro le stagioni nella Marca per Zanusso, con il pilone grande protagonista nelle prime due annate e poi uscito dai radar anche a causa di alcuni infortuni (71 cap, 5 punti).

Decisamente travagliata anche l’esperienza di Marty Banks, ma per altri motivi: il neozelandese sarebbe dovuto arrivare a Treviso già nell’estate 2016, ma lo sbarco in Italia fu posticipato di un anno a causa di alcuni problemi personali del giocatore. Nella stagione appena conclusa, in ogni caso, il neozelandese ha dimostrato di saper essere un valore aggiunto per la squadra di Crowley, segnando 83 punti in 16 presenze. Il suo futuro sarà in Giappone.

Ha portato un grande impatto alla squadra anche Whetu Douglas (13 cap), cresciuto con il passare dei mesi a suon di ottime prestazioni e di ritorno in Nuova Zelanda per motivi familiari, stando alle indiscrezioni delle ultime settimane.

Per Tagicakibau, infine, i due anni trascorsi in Veneto sono stati caratterizzati dai tanti infortuni, che lo hanno reso indisponibile di fatto per la maggior parte del tempo, tant’è che il 33enne è sceso in campo appena 10 volte (con 2 mete).

“L’intento era quello di mantenere salda l’ossatura della squadra, andando ad inserire soltanto i tasselli reputati validi per sostituire coloro che andranno via perché non reputati idonei al nostro progetto, o coloro che avremmo voluto confermare ma che per motivi economici o familiari non è stato possibile trattenere – ha dichiarato il ds Antonio Pavanello – Ed è proprio ai ragazzi che ci lasceranno che a nome di tutta la società auguro un proseguo di carriera e di vita ricco di soddisfazioni, ringraziando in particolar modo chi come Francesco e Matteo hanno indossato i nostri colori per più stagioni dimostrando impegno e grande professionalità”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Benetton Rugby, Gianmarco Piva: “Rappresentare la propria città al massimo livello è un sogno”

Abbiamo parlato con il giovane mediano di mischia trevigiano del suo percorso professionale e degli obiettivi per la prossima stagione

14 giugno 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: le prime dichiarazioni di Ian Keatley a Treviso

L'irlandese ha visitato "La Ghirada", incontrando anche il presidente Amerino Zatta

13 giugno 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: intervento chirurgico per Luca Sperandio

Il trequarti dei Leoni è stato sottoposto ad un intervento di microdiscectomia cervicale

12 giugno 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby: prosegue il lavoro di preparazione in Ghirada

Il club veneto pianifica già la prossima stagione. Focus sui permit players

12 giugno 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, Michele Lamaro: “La mia riabilitazione sta proseguendo bene”

Il giovane flanker dei Leoni ha parlato del suo recupero e delle sue ambizioni a BEN TV

5 giugno 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Le presenze allo stadio Monigo per il Benetton nella stagione 2018/2019

Un'annata divisa in due: prima della riapertura della tribuna Est e dopo, quando la media è stata superiore ai 4.000 spettatori in Pro14

5 giugno 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
  1. LiukMarc 18 maggio 2018, 09:31

    Per Minto sarei curioso di capirne le motivazioni, se societarie, personali del giocatore. Certo, un lottatore che in campo non si è mai tirato indietro. Alle Zebre uno come lui farebbe solo che comodo. Oltre a non perderlo dai radar della nazionale (come è succesos invece a Furno). Douglas perdita “feroce” proprio, questo aveva numeri di altro livello (cosi come Banks quando aveva voglia). Zanusso lascia una lacrima a tutti i tifosi, speriamo di continuare a vederlo da qualche parte.

    • massimiliano 18 maggio 2018, 12:33

      concordo sulla perdita feroce! Giocatore che con un po’ di fortuna ai Crusaders potrà sbocciare. Un grande in bocca al lupo a tutti i partenti, certamente con mano sul cuore per Zanusso e Minto!
      P S
      Ho sentito che Tagi andrà a giocare in Francia, al Lourdes 🙂

    • martin 18 maggio 2018, 16:42

      dispiace molto per Minto, avrebbe meritato maggior fortuna.

  2. Appassionato_ma_ignorante 18 maggio 2018, 10:27

    Ma Zanusso e Minto si sa dove vanno?

    • Baloo 18 maggio 2018, 10:43

      Per Minto si parlava di una trattativa con Medicei …

  3. mauro 18 maggio 2018, 10:56

    Visto che si parla di rose penso si possa dire che, con l’addio a chi se ne va, cadono alcuni petali che fanno sfiorire la rosa, appassendola. La prossima stagione rifiorirà, speriamo più bella e corposa di questa.
    Ciao fioi!

  4. Unforgiven79 18 maggio 2018, 11:20

    Spererei che Minto e Zanusso andassero alle Zebre, sono entrambi di alto livello.
    Se non entrambi, allora almeno Zanusso che è giovane ed ha una potenziale, secondo me, anche per la Nazionale.
    Poi, può darsi che Crowley, da neozelandese, non potesse concepire un pilone lento…

    • Turch 18 maggio 2018, 11:59

      La parabola discendente inizio` con il primo tour di O’Shea. Zanusso era convocato ma venne scartato dopo i test fisici, da quel momento non ha avuto piu` molto spazio neppure a Treviso

      • onit52 18 maggio 2018, 12:24
      • giomarch 18 maggio 2018, 12:45

        La parabola discendente di Matteo e Francesco coincide con quella della nazionale azzurra..
        Non vinciamo piu’ una chiusa e “contestiamo” passivamente le ruck.. Evidentemente nel rugby di cos di certe fasi del gioco(e quindi di certi giocatori) si puo’ fare a meno. Io non sono daccordo e sinceramente mi divertivo di piu’ con un altro tipo di rugby, spero che lo snaturamento del dna rugbystico nazionale porti almeno a qualche risultato.
        Qualcuno si ricorda prima della partita con la scozia dove ne ho contate due dell’ultima controruck provata dagli azzuri?

  5. eurobatman 18 maggio 2018, 12:41

    L’uscita di scena di Minto e Zanusso e’ un cattivo colpo per gli appassionati

  6. Airone valle Olona 18 maggio 2018, 13:06

    Ma in entrata l’arrivo Duvenage è sicuro?
    Sulla pagina Wikipedia del giocatore è segnato Benetton 2018…

  7. try 18 maggio 2018, 13:08

    Un grosso abbraccio a Francesco e Matteo.
    Due grosse perdite per treviso.
    Buona fortuna

  8. Sidepass 18 maggio 2018, 14:11

    Incomprensibile come un giocatore come Minto venisse utilizzato costantemente in ogni partita all’inizio di stagione, in maniera quasi esagerata, mentre da Gennaio non è stato più preso in considerazione e sostituito da un centro nella posizione di flanker.
    Forse i motivi sono extra sportivi altrimenti difficile comprendere le motivazioni che hanno portato ad escludere una bandiera del club anche in riferimento ai giocatori che hanno già lasciato il club.

    • Unforgiven79 18 maggio 2018, 14:16

      Occhio a quello che non vediamo noi, e che invece Crowley può notare durante la settimana: magari c’è stato un caldo di forma fisica come intensità/resistenza/velocità.

    • Nuvole! 19 maggio 2018, 07:25

      Si, effettivamente la vicenda di Minto e Zanusso é proprio difficile da capire per chi non é addentro nelle dinamiche di squadra di Treviso.
      Zanusso, senza aver fatto il solito anno giocando poco o niente che quasi tutti quelli che passano dall’Eccellenza a Treviso fanno, ha fatto reparto da solo per due stagioni (disastrate per la squadra) giocando a sinistra, e poi, improvvisamente, non si é quasi piú visto, e quanso si é visto era spesso a destra, dove non ha mai reso.
      Minto fatto giocare anche troppo fino alla prima parte della stagione (sia da Treviso che dalla Nazionale) e poi, di punto in bianco, messo quasi sempre in tribuna.
      Boh…

  9. balin 18 maggio 2018, 15:35

    Peccato salutare Zanusso e Minto, peccato non essere risusciti a fermare Banks e Douglas. Peccato per i troppi infortuni di Tagi. Auguri a chi parte, ma chi arriva? Sarebbe tempo di dire qualcosa.

  10. cammy 18 maggio 2018, 16:30

    Ricapitolando:
    Banks=Rizzi
    Zanusso=Appiah
    Douglas=?
    Minto=?
    Tagikakibau=?

    • xnebiax 18 maggio 2018, 17:18

      Penso che Douglas e Tagi saranno sostituiti da due giocatori analoghi… Minto in pratica viene sostituito da Pettinelli, penso.
      Minto per l’Eccellenza mi sembra un po’ troppo forte, sarebbe bello vederlo in Pro14, Top14 o Premiership.

  11. Mr Ian 18 maggio 2018, 17:53

    Lo considero un errore non ricollocare nell altra franchigia giocatori che sono ancora buoni per la causa e che conoscono bene il livello. Nelle altre realtà celtiche avviene all ordine del giorno.
    Almeno che non abbiano possibilità all estero, allora va più che bene. Un downgrade in Eccellenza avrebbe poco senso.

  12. Danthegun 18 maggio 2018, 17:55

    Spero che Zanusso e Minto siano sinceramente presi in considerazione dalle Zebre o quanto meno che i loro rispettivi procuratori gli abbiano trovato sistemazione in qualche altra squadra di Top14, Premiership o Pro14.
    Per l’eccellenza forse sarebbero un tantino troppo forti ma aiuterebbero sicuramente le rispettive squadre, e quindi il campionato, a fare un bel salto di qualità (se poi arrivasse anche Rizzo come si dice in giro).

  13. gattonero 18 maggio 2018, 18:46

    dispiaciutissimo per zanusso ,spero vivamente vada alle zebre.
    un’apertura come Banks non lo vedremo piu’ in italia,peccato era davvero forte,voglia o no era di un’altro livello,alcune partite le hanno vinte grazie a lui e ioane…
    su Douglas ero un po’ perplesso a inizio stagione,ma quando e’ entrato a regime ha fatto vedere che e’ un vero talento.
    Tagicakibau non e’ giudicabile, non ha praticamente mai giocato con continuita’…
    minto era un fenomeno,dopo il lungo stop( fisico/burocratico)non e’ piu’ stato lo stesso giocatore,quest’anno sembrava spento,non so per quale motivo, se fisico o mentale…

  14. wilrugby 18 maggio 2018, 20:02

    Douglas si è comportato male da come ho capito io! Prima dice che ha problemi familiari e poi dopo poco si accorda coi Crusaders… peccato! Ma direi che i 2 giocatori neozelandesi non si son comportati da professionisti

    • gattonero 18 maggio 2018, 20:06

      se sei dall’altra parte del mondo e’ piu’ difficile stare vicino alla famiglia…

      • onit52 18 maggio 2018, 20:20

        …Douglas aveva moglie e tre(?) figli al seguito, non dall’altra parte del mondo.

      • Nuvole! 19 maggio 2018, 07:19

        Io vivo dall’altra parte del mondo rispetto a quela dove sono nato, eppure, con moglie al seguito, sto molto bene.
        Certo, ognuno vive la cosa in modo diverso…

  15. Dusty 19 maggio 2018, 08:04

    Alcuni giocatori non idonei al progetto. Ecco, è nelle parole di Pavanello la spiegazione su Minto e Zanusso. Per quanto riguarda le Zebre forse i loro ingaggi sono troppo alti.

  16. Bennett 22 maggio 2018, 01:30

    Minto paga un inizio anno in cui, non al meglio delle condizioni, ha dovuto giocare per forza dato l’alto numero di infortunati nel suo ruolo. Il logorio ed il problema alla gamba si è trascinato e addirittura acuito per tutto l’anno. Ok ci sta poteva anche dover essere sfruttato per la causa… magari buttarlo via dopo forse era meglio rifletterci.
    Per Zanussi discorso simile anche se pare molto più invalidante: seri problemi alla schiena lo hanno tenuto troppo fermo e diventa difficile scommettere su un giocatore così anche se ammetto che il suo primo anno è stato indispensabile.
    Grazie comunque a tutti e due. 8 Anni e 4 rispettivamente vi fanno meritare di rimanere nella nostra memoria.

  17. fracassosandona 22 maggio 2018, 13:23

    Auguro a MZ#1 un ingaggio all’estero. É giovane e cos non lo vede. Vada a divertirsi, imparare e guadagnare in Francia, dove qualche estimatore lo trova di sicuro. Si merita il ricordo addosso di tutto il pubblico. Criminale non aver fatto salutare dal campo lui e minto

  18. castello 23 maggio 2018, 19:20

    Lo dico con la tristezza nel cuore perché a questi colori ci tengo: non si puòpretendere un alto livello dai giocatori se la società non se lo merita.
    Devo capire come si fa a non essere riconoscenti a Minto per quello che a fatto in questi otto anni. Munari che lo lascia senza stipendio per nove mesi perché bisogna capire se l’infortunio è responsabilità della federazione o della franchigia. Pavanello che nemmeno lo fa salutare dal pubblico e che lascia un comunicato generico -assieme a chi a fatto la meteora- facendolo passare come inadeguato…
    Ciao Francesco, a noi giocatori sei sempre piaciuto. In bocca al lupo.

Lascia un commento