Guida ufficiale sulle presenze allo stadio ’17/’18: Zebre

Tutti i numeri stagionali fatti registrare al “Sergio Lanfranchi”, e non solo

zebre rugby lanfranchi

ph. Sebastiano Pessina / Stadio Lanfranchi, Zebre

Dopo aver analizzato, nella giornata di ieri, i dati relativi alle presenze in quel di Monigo, oggi è il turno delle Zebre e dello stadio Lanfranchi.

Esattamente come nel caso del Benetton Treviso, anche in Emilia, nel corso di questa stagione, la crescita in termini di risultati e prestazioni della franchigia federale è coincisa con un sensibile incremento di pubblico presente al Lanfranchi per le gare casalinghe dei bianconeri. I dati, in tal senso, sono estremamente chiari. Nel giro di soli 12 mesi, infatti, si è passati da un monte spettatori complessivo di 25000 (con 11 gare disputate in casa), addirittura a 29262 (con sole 10 partite interne). Un cambio di marcia notevole, che ovviamente si ripercuote anche sulla media relativa alla singola gara, il cui valore è schizzato da 2273 sino a 2926. Dati, va detto, almeno in parte inflazionati dall’uscita di L’Aquila, caratterizzata da un pubblico enorme (5862), ma, comunque, pur “depurati” dal match abruzzese, decisamente superiori al recente passato.

L’anno scorso si erano raggiunte almeno le 3000 presenze solamente in un paio di occasioni, entrambe nella fase finale di stagione: contro Dragons (3000) e Benetton (4500). A questo giro, invece, per ben 5 volte si è scollinati sopra quella cifra, restando sopra la media dell’anno precedente in 8 uscite su 10 in quel di Parma. Detto del massimo stagionale nel suggestivo pomeriggio abruzzese di metà aprile, l’altro picco è rappresentato dal derby contro il Benetton di fine anno, che ha portato sulle tribune del Lanfranchi 4000 persone, seguito a ruota dalle sfide con Ulster (3100), Cheetahs ed Ospreys (3000). Segnale chiaro, queste ultime, di come sia cresciuto l’interesse anche verso sfide di livello medio alto, nelle quali i ragazzi di Michael Bradley hanno dimostrato concretamente di poter dire la loro ben più degli anni scorsi.

E in Challenge Cup che numeri hanno prodotto le Zebre?

Nella coppa “cadetta”, le cose sono andate prevedibilmente un poco meno bene. Nelle tre gare di respiro europeo, infatti, la media spettatori fatta registrare è stata di 2066 persone per match, con una quota complessiva di 6200. Se la sfida contro Agen (2000) probabilmente stuzzicava poco la platea parmense, di più difficile lettura, senza dubbio, le poche presenze contro Gloucester (2500), poi finalista del torneo, e Pau (solo 1700) all’esordio ottobrino nella competizione.

Diamo i numeri, Pro 14:

vs Scarlets / 9 settembre: 2800 spet.
vs Ulster / 30 settembre: 3100 spet.
vs Cheetahs / 28 ottobre: 3000 spet.
vs Munster / 26 novembre: 2500 spet.
vs Connacht / 2 dicembre: 2000 spet.
vs Treviso / 30 dicembre: 4000 spet.
vs Glasgow / 6 gennaio: 2000 spet.
vs Cardiff / 25 febbraio: 1000 spet.
vs Dragons / 14 aprile: 5862 spet. (giocata a L’Aquila)
vs Ospreys / 21 aprile: 3000 spet.

Totale spettatori: 29262. Media spettatori: 2926.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Zebre: Alexandru Tarus in prima linea per la prossima stagione

Nuovo rinforzo per la franchigia di Parma, che allunga il reparto di prima linea con il pilone destro dei Sale Sharks

15 aprile 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Pro14: gli Scarlets battono le Zebre 42-0 a Llanelli

Con un pacchetto di mischia sempre sofferente, i ducali arginano i danni nel primo tempo ma crollano negli ultimi venti minuti

13 aprile 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Pro14: le Zebre in casa degli Scarlets per fare il possibile

Tanti assenti per Bradley, mentre i gallesi schierano tanti nazionali. Calcio d'inizio alle ore 18:15 per l'ultima in trasferta di Bradley

13 aprile 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Pro14: tanti cambi nelle Zebre Rugby che sfidano gli Scarlets

Nuovi infortuni costringono Michael Bradley a soluzioni d'emergenza: titolare Azzolini, in panchina il pilone Under 20 Filippo Alongi

12 aprile 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre: rinnovato il contratto di Maxime Mbanda

La franchigia federale si è assicurata la presenza del terza linea fino al 2021

11 aprile 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Marcello Violi è stato operato di nuovo alla spalla

Il mediano di mischia ha subito un colpo in allenamento: è ora in dubbio per la Rugby World Cup

9 aprile 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
  1. fabiogenova 18 maggio 2018, 09:14

    Giusto per aiutare la riflessione sugli ultimi punti, io avevo inb programma, ad inizio stagione, di andare a vedere la partita di Challenge contro Agen. Ma ho rinunciato dopo aver visto il risultato del match di Agen, il primo del girone. Contro un Agen raffazzonato avevamo messo le riserve e preso una bastonata. Vedendo la formazione delle Zebre quella giornata, mi è stato subito chiaro che la squadra parmense non avrebbe puntato sulla Challenge. Non discuto la scelta di Bradley, perchè quest’anno aveva una rosa davvero risicata e avrà fatto la sua valutazione per quel che riguarda il centellinare le energie. Però, a quel punto, anch’io faccio la mia: non mi faccio un viaggio a Parma per Zebre-Agen se per prima è la squadra a non credere in quel torneo.
    Mi piacerebbe, per il prossimo anno, che si puntasse ad una qualificazione alle fasi finali in challenge. E’ un’obiettivo fattibile e darebbe una gran fiducia all’ambiente.

  2. Gremo 18 maggio 2018, 12:42

    Belli questi numeri approssimati… verso l’alto o verso il basso? Chissà eh

    • try 18 maggio 2018, 13:01

      E’ come quando vai dal macellaio a prendere il prosciutto…
      E’ un po di più, che faccio lascio?

  3. Mr Ian 18 maggio 2018, 17:22

    Per la partita degli Scarlets si entrava gratis…

  4. And 19 giugno 2018, 00:31

    anche se si tratta di PRESENZE e non SPETTATORI PAGANTI, x me sono numeri senzazionali che mi lasciano alcuni dubbi. Troppe cifre tonde.

  5. And 19 giugno 2018, 00:34

    pare che a parte l’Aquila le altre siano “stime”. Al Board del pro14 va bene così?

Lascia un commento