Guida ufficiale sulle presenze allo stadio ’17/’18: Zebre

Tutti i numeri stagionali fatti registrare al “Sergio Lanfranchi”, e non solo

zebre rugby lanfranchi

ph. Sebastiano Pessina / Stadio Lanfranchi, Zebre

Dopo aver analizzato, nella giornata di ieri, i dati relativi alle presenze in quel di Monigo, oggi è il turno delle Zebre e dello stadio Lanfranchi.

Esattamente come nel caso del Benetton Treviso, anche in Emilia, nel corso di questa stagione, la crescita in termini di risultati e prestazioni della franchigia federale è coincisa con un sensibile incremento di pubblico presente al Lanfranchi per le gare casalinghe dei bianconeri. I dati, in tal senso, sono estremamente chiari. Nel giro di soli 12 mesi, infatti, si è passati da un monte spettatori complessivo di 25000 (con 11 gare disputate in casa), addirittura a 29262 (con sole 10 partite interne). Un cambio di marcia notevole, che ovviamente si ripercuote anche sulla media relativa alla singola gara, il cui valore è schizzato da 2273 sino a 2926. Dati, va detto, almeno in parte inflazionati dall’uscita di L’Aquila, caratterizzata da un pubblico enorme (5862), ma, comunque, pur “depurati” dal match abruzzese, decisamente superiori al recente passato.

L’anno scorso si erano raggiunte almeno le 3000 presenze solamente in un paio di occasioni, entrambe nella fase finale di stagione: contro Dragons (3000) e Benetton (4500). A questo giro, invece, per ben 5 volte si è scollinati sopra quella cifra, restando sopra la media dell’anno precedente in 8 uscite su 10 in quel di Parma. Detto del massimo stagionale nel suggestivo pomeriggio abruzzese di metà aprile, l’altro picco è rappresentato dal derby contro il Benetton di fine anno, che ha portato sulle tribune del Lanfranchi 4000 persone, seguito a ruota dalle sfide con Ulster (3100), Cheetahs ed Ospreys (3000). Segnale chiaro, queste ultime, di come sia cresciuto l’interesse anche verso sfide di livello medio alto, nelle quali i ragazzi di Michael Bradley hanno dimostrato concretamente di poter dire la loro ben più degli anni scorsi.

E in Challenge Cup che numeri hanno prodotto le Zebre?

Nella coppa “cadetta”, le cose sono andate prevedibilmente un poco meno bene. Nelle tre gare di respiro europeo, infatti, la media spettatori fatta registrare è stata di 2066 persone per match, con una quota complessiva di 6200. Se la sfida contro Agen (2000) probabilmente stuzzicava poco la platea parmense, di più difficile lettura, senza dubbio, le poche presenze contro Gloucester (2500), poi finalista del torneo, e Pau (solo 1700) all’esordio ottobrino nella competizione.

Diamo i numeri, Pro 14:

vs Scarlets / 9 settembre: 2800 spet.
vs Ulster / 30 settembre: 3100 spet.
vs Cheetahs / 28 ottobre: 3000 spet.
vs Munster / 26 novembre: 2500 spet.
vs Connacht / 2 dicembre: 2000 spet.
vs Treviso / 30 dicembre: 4000 spet.
vs Glasgow / 6 gennaio: 2000 spet.
vs Cardiff / 25 febbraio: 1000 spet.
vs Dragons / 14 aprile: 5862 spet. (giocata a L’Aquila)
vs Ospreys / 21 aprile: 3000 spet.

Totale spettatori: 29262. Media spettatori: 2926.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Zebre Rugby: a Grenoble arriva una sconfitta. Finisce 31-7 per i padroni di casa francesi

I francesi marcano cinque volte superando gli emiliani, che vanno a segno solo con Padovani

17 agosto 2018 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

La sfida tra Zebre e Kings dell’1 settembre è stata anticipata di 24 ore

Cambia la data dell'esordio in campionato della franchigia ducale contro i sudafricani

17 agosto 2018 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby: i convocati per la trasferta di Grenoble

La franchigia italiana vola in Francia per un test di lusso contro i neopromossi nel Top 14

16 agosto 2018 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Il prossimo equiparato azzurro?

Da tre stagioni è uno dei più continui delle Zebre. A novembre, Johan Meyer potrebbe debuttare con la maglia dell'Italia

31 luglio 2018 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre, la voglia di Gabriele Di Giulio: “Due anni difficili, ora però voglio dimostrare qualcosa”

L'ala degli emiliani vuole sentirsi importante e dare il suo contributo

28 luglio 2018 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Il paradosso Carlo Canna

Il numero 10 è il leader tecnico delle Zebre, soprattutto dopo l'arrivo di Bradley, ma in nazionale è sparito dal Sei Nazioni in poi

24 luglio 2018 Pro 14 / Zebre Rugby