Le parole della CEO australiana dopo l’incontro con Israel Folau

Raelene Castle ha detto che il giocatore ha riconosciuto di aver esagerato, e che ci saranno altri colloqui

italia rugby australia test match

ph. Reuters

Raelene Castle, Ceo della Federazione australiana, ha parlato alla stampa dopo l’incontro avuto con Israel Folau in seguito al discusso post su Instagram del giocatore dei Wallabies, che qualche giorno fa ha risposto ad un utente dicendo che gli omosessuali sono destinati “all’inferno, a meno che non si pentano e si convertano a Dio”.

Stando alle parole di Castle, il colloquio è stato molto aperto e rilassato, anche se si tratta soltanto dell’inizio di un percorso, visto che le parti si incontreranno ancora. L’amministratice delegata ha precisato come al giocatore non sia stato chiesto di rivedere le proprie convinzioni: “Siamo fieri del fatto che sia pronto a difendere ciò in cui crede. Vogliamo atleti che siano preparati a farlo, è molto importante. Allo stesso tempo, tuttavia, l’ARU ha delle politiche di inclusione e vuole che i social media vengano utilizzati con rispetto […] Quello che vogliamo è che queste piattaforme vengano usate in una maniera positiva”.

Castle ha assicurato sul fatto che Folau, a cui per il momento non è stata comminata alcuna sanzione, riconsidererà il suo approccio sui social. “Anche Israel ha riconosciuto che avrebbe potuto dare una spinta diversa a quel messaggio, facendolo in modo meno irrispettoso. Ha certamente capito di aver causato a qualcuno del dolore attraverso quelle parole”.

Il dialogo tra Folau, Federazione e Waratahs assume ulteriore rilevanza se si pensa che il contratto del giocatore, tra i più pagati e apprezzati in patria, scade proprio a fine stagione. “Siamo in trattativa con Israel per prolungare l’accordo – ha dichiarato Castle – Sarebbe molto importante per noi, è un grande giocatore e ci ha regalato alcuni grandi risultati. Per noi è anche un esempio e un modello per la comunità delle isole pacifiche”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Argentina: Creevy resta fino a fine 2019, Tuculet due anni in più

Ma per il tallonatore potrebbe essere l'ultima stagione in patria, prima di un trasferimento in Francia

19 dicembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Australia: Michael Cheika confermato, al suo fianco arriva un Director of Rugby

Da marzo 2019 Scott Johnson affiancherà l'head coach dei Wallabies, reduci da una stagione con quattro vittorie su nove partite

17 dicembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Il CEO della NZRU ha detto che Joe Schmidt ha rifiutato un posto negli All Blacks

Ma non come head coach: avrebbe dovuto prendere il posto di Wayne Smith lo scorso anno

12 dicembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Le quattro fasi del Deklerkismo

Come nasce, cresce e si sviluppa l'amore incondizionato per il mediano di mischia degli Springboks

11 ottobre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

All Blacks: Sam Cane sarà operato dopo la frattura ad una vertebra

Il terza linea era uscito durante il primo tempo della sfida contro gli Springboks. Per lui è previsto uno stop molto lungo

7 ottobre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

E’ finito il Rugby Championship, evviva il Rugby Championship

L'edizione 2018 è partita in sordina, ma ha finito per regalarci sorprese e colpi di scena

7 ottobre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship