Australia, bilancio in perdita e piano strategico fino al 2020

L’ARU ha reso disponibile il suo Annual Report con dati che aumentano il rosso, ma il futuro sembrerebbe rosa

ARU

Una perdita di 9,8 milioni di dollari australiani (circa 6 milioni e mezzo di euro), un segno rosso in crescita rispetto ai 6,3 milioni del 2014, ma anche un piano strategico ben delineato da qui al 2020.
La federazione australiana ha reso noto il suo bilancio (lo potete trovare qui) e anche quelli che sono gli obiettivi di crescita in un paese scarsamente popolato e dove il rugby a 15 deve battagliare non poco con la league e anche l’aussie rules.
L’ARU fa sapere che il dato negativo è da attribuire alla particolarità (attesa e annunciata) dell’anno del Mondiale, in cui ha ospitato solo due test-match con conseguente perdita di introiti per vendita biglietti, merchandising, sponsor e diritti tv. E a pesare parecchio è stata anche l’assistenza finanziaria ai traballanti Melbourne Rebels. Si sottolinea comunque che le prospettive sono molto positive visto il nuovo contratto televisivo che tra il 2016 e il 2020 garantirà incassi per 170 milioni
di dollari australiani.
I giocatori sono cresciuti del 2,7% (18.857 in più) grazie soprattutto al Sevene che ha registrato la nascita di nuove 149 squadre nel Queensland, e 84 nel New South Wales. Impornate il dato di crescita del seven femminile: +33%.

 

Dicevamo però del piano da qui al 2020, ecco alcuni obiettivi dell’ARU:
– toccare i 356.500 giocatori tra codice a 13 e quello a 7
– aumentare la partecipazione femminile del 15%
– penetrazione nelle scuole pubbliche
– vincere il Mondiale 2019, Rugby Championship e Bledisloe Cup per far diventare la nazionale australiana la numero uno del ranking mondiale
– fare del marchio Wallabies il più importante e riconosciuto tra le nazionali australiane
– medaglie olimpiche nel 2016 e 2020, medaglie ai Commonwealth Games del 2018
– presenza femminile del 30% nel board della federazione, nel senior management e nello staff dell’ARU

 

Leggete qui tutto il piano strategico di crescita

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il ritorno in campo di Ma’a Nonu (e Hosea Gear) in un contesto unico tutto neozelandese

La leggenda degli All Blacks ha giocato in un match di Heartland Championship, divertendosi come un bambino il giorno di Natale...

19 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

L’infinito Ma’a Nonu torna in campo a 39 anni. E con lui un altro ex-All Black…

Sabato ci saranno due debutti molto particolari nell'Heartland Championship, con il centro che è tornato a una condizione...

14 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

La redenzione di Quade Cooper

Il mediano d'apertura racconta del suo ritorno fra i Wallabies e di come è stato tornare in campo a livello internazionale

11 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

All Blacks: il capitano Sam Cane è tornato in campo dopo sei mesi

Il terza linea ha giocato quasi un'ora in un match dell'Heartland Championship. Ecco la sintesi e le sue parole

9 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

In Nuova Zelanda sono preoccupati per la salute di Sam Cane

Le condizioni del terza linea sono sempre sotto la lente d'ingrandimento. Si solleva il tema dell'essere capitano

7 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

Rugby Championship 2021: ecco il XV del torneo secondo Planet Rugby

Quade Cooper "si prende" la maglia come miglior apertura della manifestazione

5 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship