Curiosità ovali: l’Uruguay e un Mondiale che profuma di passato

Jeronimo Etcheverry dopo la RWC tornerà a vendere computer: “Nessun compenso, solo passione e onore di indossare la maglia”

ph. Andres Stapff/Action Images

ph. Andres Stapff/Action Images

Sono finiti nel “Girone della Morte” con Australia, Galles, Inghilterra e Fiji, ma non si danno certo per sconfitti in partenza. I Los Teros dell’Uruguay si preparano ad affrontare una campagna iridata nelle nobili vesti di unica squadra completamente amatoriale. E in un rugby fatto di giocatori al limite, diritti televisivi, lotte tra leghe, giocatori e Federazioni, la notizia non può passare inosservata. Prendiamo, per esempio, la storia di Jeronimo Etcheverry, utility classe 1988 con già 42 caps in nazionale.

Etcheverry è arrivato nel febbraio 2011 in Italia per giocare con il Santamargherita Valpolicella in Serie A, per poi tornare in patria nell’estate 2014. In Sudamerica Etcheverry studia e nel frattempo lavora come venditore di computer, e per partecipare alla Rugby World Cup ha dovuto prendere permesso dal lavoro, come lui stesso ha raccontato a The Rugby Paper: “Ci siamo allenati così tanto e abbiamo viaggiato così tanto per qualificarci (playoff contro la Russia, ndr) che non potevo non esserci”. L’occhio però non guarda al proseguo della stagione, ma alla vita di tutti i giorni: “Per fortuna potrò tornare a lavorare, il mio capo è stato ragionevole, ma forse dipende da come ce la caveremo!”. Etcheverry racconta anche di aver interrotto gli studi un anno per dedicarsi al lavoro e alla preparazione del Mondiale, “ma quando sei un giocatore non professionista devi fare sacrifici. Per noi non è un lavoro, non veniamo pagati, lo facciamo perché amiamo il rugby e per avere l’onore di rappresentare il nostro paese“. Queste invece le parole a proposito del difficile Girone: “Mi piace essere in questo Pool. Tutti vogliamo giocare contro i migliori per testarci. Ma se ci date per spacciate siete matti: abbiamo meritato di essere qui”.
Ha ribadito la volontà di dare il massimo anche l’altro ex Valpolicella Mieres, che alle pagine del sito della società veronese ha dichiarato: “Giocare un Mondiale contro le migliori squadre al mondo sarà una grande esperienza, sarà certamente duro, ma disputare la World Cup con la propria nazionale è il massimo per un giocatore”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: polverizzati i numeri delle precedenti edizioni

Pubblicato il report sull'impatto economico degli ultimi Mondiali. E le cifre sono da record

24 Maggio 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Joubert e la fuga dopo Scozia-Australia: l’ho fatto per tutelare il contesto, non me stesso

Il fischietto sudafricano torna sulla controversa uscita dal campo al termine del quarto di finale iridato

15 Aprile 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

2015, un anno mondiale: 12 cartoline per rivivere la Rugby World Cup

Trionfi di squadra e record personali, amicizie, abbracci e spettacolo. Cosa ci lascia l'evento che ha dominato l'anno ovale

31 Dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Matfield e la sconfitta col Giappone alla RWC: “La peggior settimana della vita”

Il veterano Springboks ripensa alla clamorosa sconfitta e a come il gruppo si è ripreso

29 Dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: ecco i risultati (negativi) dell’anti doping

World Rugby ha reso noti i risultati dei 468 campioni analizzati

2 Dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Post RWC 2015: Jonathan Kaplan mette dietro i pali i suoi colleghi fischietti

Uno dei più stimati arbitri di sempre analizza il torneo dal punto di vista di chi l'ha diretto. E le ombre superano le luci...

20 Novembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015