Pro12 e premi, le spine di Gavazzi. Che usa la parola “dimissioni”

Presidente FIR fiducioso sul caso celtico, molto duro invece su quello dei premi per gli azzurri che vanno al Mondiale

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

“Il 28 aprile ho avuto una riunione con i Ceo delle tre Union e ho presentato una mia proposta di mediazione. Credo buona. A giorni avremo una risposta. Ma escludo al 100% qualsiasi tipo di espulsione, visto che siamo soci alla pari e ci sono contratti in corso”. Così Alfredo Gavazzi interpellato da il Mattino di Padova risponde sulla possibilità che le squadre italiane vengano espulse dal Pro12. Come abbiamo riportato ieri il board vuole entro fine mese la prima tranche dei soldi che la FIR deve versare (circa 1,2 milioni di euro) così come prevedono gli accordi e che per due anni erano stati “sospesi”.
Una partita che però il presidente FIR si vuole ancora giocare anche se la strada per la cancellazione vera della tassa d’ingresso sembra ancora lunga.

 

Gavazzi affronta però anche lo spinosissimo tema dei premi azzurri, la cui soluzione non sembra a portata di mano. Secondo il Mattino “i giocatori puntano quasi al raddoppio dei premi 2011 (il 40% per chi va al raduno, il 60% per i confermati). Gavazzi punta al premio unico da 50mila euro per il passaggio ai Quarti. La mediazione lontana. Possibile forse un premio frazionato per singole vittoria sui 4 match inglesi. Azzurri che vogliono anche la presenza”.
Ma su questa vicenda il presidente federale mette sul tavolo anche la carta-dimissioni: «Va cambiata la mentalità. Non l’ho inventato io che si premiano i risultati. È la vita così. E per me è un’etica di lavoro. Da sempre. Per una cosa così potrei anche arrivare a dimettermi prima».

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

La FIR ha siglato un accordo con la Regione Abruzzo

Accordo di collaborazione triennale, L'Aquila sede dei raduni estivi dell'Italia maschile fino al 2026

21 Giugno 2024 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Alessandro Lodi e Andrea Marcato negli staff tecnici della FIR

Dopo essersi sfidati come coach di Rovigo e Petrarca, ora i due tecnici collaboreranno all'interno della Federazione

10 Giugno 2024 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Andrea Duodo si candida alle elezioni federali

I movimenti Pronti al Cambiamento e Rugby2030 sosterranno la candidatura dell'ex Revisore dei Conti della FIR

6 Giugno 2024 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Altri 4 giovani prospetti entrano nelle Accademie di Franchigia

Due atleti approderanno all'Accademia del Benetton, altri due a quella delle Zebre

29 Marzo 2024 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Serie A Elite: ieri a Bologna l’incontro tra FIR e Club

Sul tavolo il rilancio del campionato, il numero di squadre partecipanti, la distribuzione dei permit player e la formula della Coppa Italia

29 Marzo 2024 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

FIR: approvato il Bilancio Preventivo 2024

Avvallato a maggioranza dal Consiglio Federale verrà ora inviato agli organi preposti per approvazione

27 Marzo 2024 Rugby Azzurro / Vita federale