Convocazioni e giocatori overseas: la Nuova Zelanda non seguirà l’ARU

La NZRU fa sapere che non è previsto nessun cambio di policy dopo la decisione presa dall’Australia

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

La decisione della federazione australiana di dare una sterzata improvvisa e immadiata alla propria politica di convocazioni ha fatto molto rumore. Come è ormai noto la ARU ha deciso che d’ora in avanti saranno eleggibili per la nazionale anche i giocatori che militano in club lontani dalla madre patria purché abbiano già accumulato 60 caps e che nel loro passato possano vantare almeno 7 anni di contratti professionistici con la stessa federazione. Qualcuno l’ha chiamata la “legge Giteau” e in effetti il giocatore del Tolone sarà il primo e più importante giocatore a beneficiarne, ma sarebbe restrittitivo e limitante leggerla solo così. L’idea di base sembra essere in realtà molto pratica: far fronte al sempre più masiccio esodo di atleti di alto o altissimo livello verso i più ricchi lidi europei e giapponesi e al contempo trattenere i giocatori più giovani. Il tempo ci dirà se la cosa ha funzionato o meno.

 

Intanto dalla vicina, più o meno, Nuova Zelanda arriva la notizia che la NZRU non seguirà l’Australia su questa strada. A Radio Sport il boss Steve Tew ha detto che “analizziamo e rivediamo costantemente le nostre policy e non bisogna mai dire mai ma la nostra politica è chiara e se vuoi indossare la maglia degli All Blacks devi giocare in Nuova Zelanda. Abbiamo trattato alcuni giocatori con un po’ di flessìbilità in più, nel senso che una volta che torni in patria torno anche convocabile per la nazionale. Credo che la nostra policy sia adeguata e corretta e non ci sono intenzioni immediate di rivederla. Un cambio oggi creerebbe più problemi che altro”.
Grandi discussioni sono in corso anche in Inghilterra, dove esiste una identica policy di eleggibilità per la nazionale e dove le convocazioni di Steffon Armitage o Nick Abendanon (che oggi giocano in Francia) sono all’ordine del giorno del dibattito mediatico da settimane, mesi in alcuni casi. Ma finora nessuna posizione ufficiale è stata presa.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Niente Super Rugby? E Beauden Barrett torna a giocare col suo primo club

L'All Black ha vestito la maglia della propria squadra 14 anni dopo l'ultima volta

17 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby Pacific: chi sono le finaliste dell’edizione 2024

Al termine della seconda semifinale giocata a Weelington è emerso il nome della squadra che sfiderà i Blues il 22 giugno

15 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Australia: un altro giovane talento molla i Wallabies per passare al Rugby League

Dopo Nawaqanitawase, un altro australiano lascia a piedi Joe Schmidt per passare al rugby a 13

12 Giugno 2024 Emisfero Sud
item-thumbnail

Super Rugby: i risultati e gli highlights dei quarti di finale

Tre squadre neozelandesi qualificate per le semifinali del prossimo week-end

8 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby Pacific 2024: designati i quarti di finale

Conclusa la stagione regolare, le otto squadre qualificate si giocheranno un posto in semifinale

1 Giugno 2024 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

I Melbourne Rebels esclusi dal Super Rugby 2025

La federazione australiana ha rigettato l'accordo di partecipazione proposto da una cordata per rilevare la franchigia da tempo in difficoltà economic...

30 Maggio 2024 Emisfero Sud / Super Rugby