Convocazioni e giocatori overseas: la Nuova Zelanda non seguirà l’ARU

La NZRU fa sapere che non è previsto nessun cambio di policy dopo la decisione presa dall’Australia

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

La decisione della federazione australiana di dare una sterzata improvvisa e immadiata alla propria politica di convocazioni ha fatto molto rumore. Come è ormai noto la ARU ha deciso che d’ora in avanti saranno eleggibili per la nazionale anche i giocatori che militano in club lontani dalla madre patria purché abbiano già accumulato 60 caps e che nel loro passato possano vantare almeno 7 anni di contratti professionistici con la stessa federazione. Qualcuno l’ha chiamata la “legge Giteau” e in effetti il giocatore del Tolone sarà il primo e più importante giocatore a beneficiarne, ma sarebbe restrittitivo e limitante leggerla solo così. L’idea di base sembra essere in realtà molto pratica: far fronte al sempre più masiccio esodo di atleti di alto o altissimo livello verso i più ricchi lidi europei e giapponesi e al contempo trattenere i giocatori più giovani. Il tempo ci dirà se la cosa ha funzionato o meno.

 

Intanto dalla vicina, più o meno, Nuova Zelanda arriva la notizia che la NZRU non seguirà l’Australia su questa strada. A Radio Sport il boss Steve Tew ha detto che “analizziamo e rivediamo costantemente le nostre policy e non bisogna mai dire mai ma la nostra politica è chiara e se vuoi indossare la maglia degli All Blacks devi giocare in Nuova Zelanda. Abbiamo trattato alcuni giocatori con un po’ di flessìbilità in più, nel senso che una volta che torni in patria torno anche convocabile per la nazionale. Credo che la nostra policy sia adeguata e corretta e non ci sono intenzioni immediate di rivederla. Un cambio oggi creerebbe più problemi che altro”.
Grandi discussioni sono in corso anche in Inghilterra, dove esiste una identica policy di eleggibilità per la nazionale e dove le convocazioni di Steffon Armitage o Nick Abendanon (che oggi giocano in Francia) sono all’ordine del giorno del dibattito mediatico da settimane, mesi in alcuni casi. Ma finora nessuna posizione ufficiale è stata presa.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I Pumas lavorano già per la RWC 2023

Mario Ledesma ha stilato una lista di 59 giocatori per far parte del nuovo ciclo mondiale della nazionale argentina

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Michael Cheika: “Avrei dovuto lasciare i Wallabies prima”

In un'intervista al Times l'ex coach dell'Australia ha detto che avrebbe dovuto lasciare la nave già nel 2018

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La squadra tongana intrappolata in Nuova Zelanda

Da oltre due mesi ci sono 29 rugbysti bloccati nella zona di Auckland, ecco la loro incredibile storia

23 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Sam Whitelock ammette: “Mi sarebbe piaciuto fare il capitano degli All Blacks”

Il veterano spiega le sue ragioni rispetto alla mancata nomina. A essere scelto è stato Sam Cane

22 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Rugby mercato sempre ricco di novità

Un Campione del Mondo cambia squadra, contratti rinnovati in Premiership e una partenza pesante da Glasgow

21 Maggio 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

All Blacks: Scott Barrett firma fino al 2023

Il seconda linea ha siglato il rinnovo con la federazione neozelandese, giocherà ancora con i Crusaders

19 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship