Non solo Minto: Zanni, Benvenuti e Barbieri sono “ricercati”

I club inglesi e francesi sulle tracce di diversi giocatori del Benetton. E ancora mancano le regole per l’utilizzo dei giocatori nella prossima stagione

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Katmandu 6 Febbraio 2013, 09:54

    La Vedo difficile che tv possa tenere tutti quanti 🙁
    Credo inoltre che come si legge dall’articolo la mancata programmazione per le squadre italiane rende ancora più importante il gap che ci divide dalle altre squadre di ovalia
    E non venite a dirmi che non si sa se si farà ancora la CL perchè è anni che le squadre italiane fanno mercato quando le altre svolgono già la preparazione atletica

    • kinky 6 Febbraio 2013, 10:18

      Condivido tutto! Comunque se due elementi se ne vanno non è un problema e soprattutto non è una sconfitta!! Se le cose fossero chiare fin dall’inizio e il Benetton potesse fare il mercato come gli altri comunque certi giocatori, proprio perché sono forti e giovani, probabilmente se ne andrebbero. Fa parte del professionismo! Invece per quanto riguarda i giocatori in entrata se le cose fossero chiare il Benetton potrebbe fare un mercato ‘normale’ senza prendere stranieri ‘dimenticati’ da altri club!!

  2. gsp 6 Febbraio 2013, 10:16

    E’ vero che ogni anno c’e’ un problema e che oggettivamente per munari e’ quasi impossibile programmare la stagione.

    Ma quest’anno il problema e’ oggettivamente il rinnovo celtic. O vuoi metterti a fare contratti pluriennali senza sapere che succedera’?

  3. kinky 6 Febbraio 2013, 10:21

    Ps è già mercoledì iniziamo a sostenere la nazionale (anzi le nazionali). Invito tutti alla fine dei vostri post di finire con un Forza Italia!!!

    FORZA ITALIA!!!

    • Stefo 6 Febbraio 2013, 10:26

      Dovevi proprio scegliere Forza Italia con tutte le sfumatere possibili?Brutti ricordi e con delle politiche alle porte…

      • kinky 6 Febbraio 2013, 10:30

        Guarda, pensavo a tutto ma non a quello! Allora facciamo Forza Italrugby ma suona male secondo me!!!
        FORZA ITALIA

        • Stefo 6 Febbraio 2013, 10:33

          Un semplice Forza Azzurri?

          • kinky 6 Febbraio 2013, 11:56

            Ok, vada per Forza Azzurri!!
            ps ma a te, di primo acchito non va mai bene niente?!?

            FORZA AZZURRI

          • Stefo 6 Febbraio 2013, 11:58

            Non e’ cosi’ anzi…poi era un po’ uno scherzo su Forza Italia…

          • Stefo 6 Febbraio 2013, 12:01

            Devo anche dire che questa mattina mi e’ arrivato il plico dall’ambasciata per votare…

          • Katmandu 6 Febbraio 2013, 12:25

            A sto punto italia forza 😉

          • kinky 6 Febbraio 2013, 15:02

            L’avevo capito Stefo, anch’io stavo scherzando…è che nel mio IPad non ci sono le’faccine’ e favolate del genere!!
            Forza azzurri

    • And 6 Febbraio 2013, 12:17

      era meglio “W il PD”

  4. Stefo 6 Febbraio 2013, 10:31

    Le regole sono un problema non si discute ma viste anche le parole di Zatta in settimana forse c’e’ qualcosa di piu’ che le sole regole dietro, la volonta’ o meno di arrivare a certe cifre comunque…non siamo davanti ai 750mila di Sexton magari ma comuqneus iamo davanti a stipendilievitati o che stanno lievitando per alcuni giocatori.
    Sul fatto che un loro emigrare sarebbe una sconfitta per il movimento la si puo’ vedere da diversi angoli, nessuno giusto a priori nessuno sbagliato…se vengono cercati vuol dire che si e’ fatto un buon lavoro e se se ne vanno aprono spazio ad altri giovani con la possibilita’ di allargare la base di giocatori d’alto livello per la NAzionale e quindi allungare la profonta’ della squadra se chi subentra cresce bene….avere 40 giocatori che giocano nell’alto livello e bene e’ meglio che averne 20 abbastanza ovvio come concetto. PEro’ capisco il punto di vista di Munari. Pro e contro in entrambe le visioni.

  5. gian 6 Febbraio 2013, 10:41

    la prima programmazione che deve fare treviso, a questo punto, è una interna, ovvero decidere chi serve e chi si può, a malincuore, lasciare andare, per i trequarti sei coperto ed hai prospetti: tommy in bocca al lupo; in prima linea non abbiano rimpiazzi validi e vediamo pochi giovani promettenti: ghira qualsiasi cifra io aggiungo 1 (tanto non devo pagare tommy e quindi soldi me ne avanzano).
    sul discorso regole FIR siamo alle barzellette, come si pensa di poter competere con gli altri se non sai qualisono le regole del gioco, mah?

    • Machete 6 Febbraio 2013, 10:46

      si ma se dai qualsiasi cifra +1 a Ghiraldini….devi aumentare anche contratto di Cittadini e Rizzo e via dicendo…..

      • gian 6 Febbraio 2013, 10:56

        si parla di chi è cercato all’estero e si vuole trattenere, se ci sono 5/6 giocatori richiesti ed in scadenza di contratto devi decidere chi ti serve davvero e chi no, e se te lo puoi permettere, io ho fatto l’esempio di ghiraldini, chiaro che se viene richiesto anche rizzo o citta, entrano nel gioco anche loro, altrimenti rimangono con i loro compensi.
        ho sicuramente semplificato il discorso, ma il succo è questo: se non si possono trattenere tutti si cedono i più sostituibili e si lotta per quelli che ci sono più necessari

  6. M. 6 Febbraio 2013, 12:18

    MA scusate se nulla varia non perdura la regola esistente? Intendo 3 stranieri a referto di cui max uno tra 9-10e15? O si sta parlando di qualcos’altro, cioè della parte economia e di quanto spetterà a Tv dalla Fir?

    • gsp 6 Febbraio 2013, 12:52

      M. Si il problema e’ che si st parlando se tra due anni ci sara’ la CL, se l’italia sara’ in CL, e se treviso andra’ in rappresentanza della FIR. Capisci come questo ha un effetto su tutti i contratti.

      Per questo affermazioni del tipo “non mi si venga a dire che non si sa se si fara’ la celtic” sono fuorvianti.

      • Dagoberto 6 Febbraio 2013, 13:20

        A mio avviso, Treviso sta battendo cassa, ha già fatto sapere il suo pensiero in merito al fatto che se le Zebre sono completamente finanziate dalla FIR, anche loro dovrebbero ricevere almeno un aumento dei finanziamenti annuali. Evidentemente, vorrebbero sapere cosa decide la FIR in merito per sapere quale possa essere la disponibilità del club per sottoscrivere tali contratti, cioè maggiore aiuto da parte federale o contare sulle sole disponibilità Benetton. Il Gruppo Benetton, tra l’altro, è in prima linea sul riassetto complessivo delle attività e le finanze sono aspetto particolarmente delicato in questo momento. Inoltre, c’è la federazione irlandese che si pone come esempio, proponendo contratti importanti ai suoi giocatori più preziosi al fine di non farli accettare contratti da club stranieri, accollandosi, quindi, costi che evidentemente, Treviso vorrebbe quantomeno condividere maggiormente con la FIR.

        • gsp 6 Febbraio 2013, 13:57

          Daccordo ma i contratti centralizzati poi limitano pero’ l’utilizzo dei giocatori. Avrei pensato che zatta e munari vogliano meno intralci possibile.

          Due anni fa giustamente chiesero un contributo flat invece del meccanismo delle liste e furono giustamente accontentati.

          Adesso la posizione mi e’ meno chiara. Non e’ vero come dice zatta che la situazione italiana e’ l’unica in europa, anzi sono piu’ rari i club privati. Pero’ ha senso cercare formule che funzionino per noi. Pensavo che l’idea di gavazzi, magari con contributo piu’ ampio, sarebbe andata bene a treviso, cioe’ treviso libera e zebre di sviluppo.

          Pero’ possono subentrati altri problemi e considerazioni di bilancio. Che sembra strano perche’ il cashcow di autostrade ed aeroporti non penso subira’ crisi.

          • Stefo 6 Febbraio 2013, 14:43

            Concordo sui contratti centralizzati, se li vogliono qualcosa “costano”…e qul qualcosa sarebbe minutaggi dei giocatori durante la stagione.
            Pero’ gsp scusa in europa sono largamente molto maggiori i clubs privati, Francia ed Inghilterra hanno il modello del club privato, i gallesi di fatto sono piu’ pricati che federali….la forma federale e’ quella largamente minoritaria come forma…detto questo credo che Zatta dica che e’ unica la situazione di 1 ed 1.

          • gsp 6 Febbraio 2013, 17:18

            1 ed 1 no, pero’ i dragons sono al 50% della federazione. Ma come ho detto prima, ha senso relativamente. Devi capire quello che funziona per te e se il modello puoi permettertelo.

            Non penso di dire un’eresia se sostengo che di benetton ce n’e’ solo uno.

          • Stefo 6 Febbraio 2013, 17:33

            Si si gsp di Benetton sfortunatamente in Italia nel rugby ce n’e’ solo uno…

      • M. 6 Febbraio 2013, 13:55

        Questo è un problema sul tavolo tanto che la Fir stessa ha messo nero su bianco cosa succede nel caso in cui non ci “tengono” in Celtic. E sono convinto che in molti tra i celtici sarebbero ben contenti di farci tornare al livello del nostro campionatino, visto i progressi che stiamo facendo giocanto tanto tempo ad alto livello. Ma allora non è tanto un problema di regole quanto di pianificazione con il board celtico per l’appunto.

  7. Hullalla 6 Febbraio 2013, 13:38

    Tra l’altro anche Stefo e’ gia’ stato comprato dagli Irlandesi con un contratto a lungo termine e io, dopo una proficua parentesi Scozzese, ho trovato un ingaggio allettante in Inghilterra…

    Chi saranno i prossimi?!?! 😀

    • Alessio T. 6 Febbraio 2013, 15:07

      Io mi accontenterei anche di un ingaggio in Galles 🙂

  8. Gianangelo 6 Febbraio 2013, 13:44

    Bisogna però mettersi d’accordo ragazzi, a Treviso i soldi per fare il salto di qualità ci sono o nò, se sì ci saranno anche per i rinnovi, se nò vuol dire che non si fà il salto di qualità. A mè va bene lo stesso anche così comunque, non mi sogno neanche di contestare l’operato di Munari & CO.

  9. Da 6 Febbraio 2013, 13:46

    Se non confermassimo la nostra presenza in CL spero vivamente che, in federazione, abbiano in mente un torneo Italiano di un livello simile perché la i miglioramenti che hanno avuto molti giocatori Italiani son da attribuire all’entrata nel torneo Celtico. Tornare a giocare in un livello più basso sarebbe una scelta completamente scellerata..

    • gsp 6 Febbraio 2013, 13:59

      Non e’ semplice, anzi la vedo abbastanza impossibile. Altrimenti avremmo potuto evitare la celtic dall’inizio.

      • ginomonza 6 Febbraio 2013, 14:40

        gsp allora cosa facciamo se i celtici ci buttano fuori.
        Paghiamo? Non ho ancora capito quali vantaggi ha la lega celtica da noi visto la gestione aironi ,i4 gatti che assistono le zebre e i 2 che vanno in trasferta e zero sponsors.
        Poi credo veramente che il nosgro sia caso unico con una squadra fir ed una sostanzialmente privata.
        Allora fa bene TV a chiedere più soldi xché é doveroso darglieli visgo che costituosce pragicamente la nazionale Italiana che rappresenta la FIR

        • gsp 6 Febbraio 2013, 15:06

          Se ci buttano fuori e’ un conto, faremo l’eccellenza ma nessuno puo’ garantire un livello simile ad oggi.

          Che vantaggi hanno i celti? Che paghiamo il chip di partecipazione.

          La situazione non e’ un’eccezione, il galles e’ simile (chi e’ proprietario dei dragons?). Ma non significa nulla. Dobbiamo torvare una formula che funzioni per noi. non ha senso chiedere un’altra squadra privata se non c’e’ un privato con i soldi. Quindi siamo realisti e proponiamo soluzioni realistiche.

          Fa bene a chiedere? Dipende, c’e’ da vedere se la fir dopo la rinegoiazione avra’ piu’, meno e gli stessi soldi di oggi. C’e’ anche da vedere se benetton vogliono investire di piu’, di meno e lo stesso. E dato che i soldi sono loro, sono liberissimo di fare qualsiasi scelta. Io fino ad oggi pensavo che loro volessero piu’ liberta e garanzie per poter spendere anche di piu’ anche con contributi piu’ alti. Dalle dichiarazioni di ieri c’e’ da capire.

          • ginomonza 6 Febbraio 2013, 16:22

            per me è molto semplice.
            Da quanto sembra chi ci guadagna di più dalla Celtic è la Nazionale quindi la FIR.
            Chi sopporta il carico maggiore è la Benetton.
            Ergo io BTV voglio sapere se la CL continua oppure no e se continua io volgio anche maggior onore
            ( soldi) non solo oneri , è un pò come in formula 1: va bene Ecclestone che tu diventi ricco ma non troppo alle mie spalle ( così dicono i teams) e mi sembra veramente giusto

          • Stefo 6 Febbraio 2013, 16:42

            gino ok, pero’ se volgiono piu’ soldi non possono pretendere la liberta’ attuale.
            Se la Fir ci mette 6 invece che 3 ed i Benetton restano a 9 il budget diventa per il 40% federale ed allora non puoi fare un po’ quel cavolo che ti pare coi soldi di tutto il movimento.

            Nessuno obbliga Benetton a fare il Lorenzetti od il Boudjellal, coi suoi soldi fa quello che vuole ma se chiede un input federale maggiore qualcosa sulla gestione la deve mettere sul piatto se no scusa ma diventa anche incoerente con il suo programma elettorale che metteva al centro la base con maggiori investimenti su questa.

            Io come ho scritto ieri ho impressione che a Treviso vogliano defilarsi, rimanere come sponsor magari mettendoci bei soldi ma vogliano si alleggerire gli oneri, tanti piccoli indizi che non fanno una prova ma restano indizi non per ultima il rispolvero da parte di Innocenti della franchigia Veneta/Dogi.

            L’alternativa sono i contratti centralizzati per i Nazionali ma anche li’ allora qualcosa lo perdi, probabile che la Fir richieda un player welfare scheme simile alle irlandesi per non avere i Nazionali spremuti eccessivamente.

          • ginomonza 6 Febbraio 2013, 17:41

            Stefo può veramente darsi che tu abbia ragione nel dire che vogliano defilarsi magari considerando la situazione attuale.
            Tra l’altro, e credo che converrai, non è che oggi siano così liberi sia nell’arrulare un numero superiore di stranieri sia di stranieri di qualità.
            Non credo ci voglia l’algebra di bool o la macchine di turing per capire che non si possomo prendere stranieri di qualità visti gli ostacoli che ci sono e che sono noti da molto tempo.
            Bastava molto poco per dire ok allentiamo le righe un pò per rendrvi un tantino piu competitivi e liberi di comprare atleti di classe superiore anche se resta difficile competere con i francesi.
            Io penso che se aTV arrivassero 2/3 stranieri migliori di quelli che ha attualmente e potesse disporre di qualche soldo in più potrebbe aspirare ai playoff e a qualche turno in più in HC.
            Per me questo avrebbe dovuto fare Gavazzi come una delle sue prime azioni di rinnovamento anzichè prendersela con Innocenti per esempio.
            Nelle condizioni attuali non credo sia molto appagante per Benetto ( Famiglia navigare nella seconda metà della classifica.
            La Famiglia benetton ha una certa quotazione nel mondo e credo ci tenga.
            Ma non può ( e magari non vuole) fare tutto da solo:
            avere buona ottima squadra.
            alimentare una nazionale vincente ( magari) e poi vedere che i soldi della federazione vanno verso altri lidi e quali lidi.
            Non mi riferisco certo alle zebre come squadra ( che ho sempre difeso) ma allo spettacolo desolante dello stadio dove giocano.
            Sarei curioso di sapere cosa veramente pensa il board celtico della questione Aironi Zebre : mi piaverebbe davvero entrare nel loro cervello perchè non è certo un bello spot pubblicitario per il rugby.
            Il top 14 gioca anche in spagna e gli stadi sono sempre pieni.

          • Stefo 6 Febbraio 2013, 18:17

            gino il discorso stranieri e’ vero ma allo stesso tempo non penso che Benetton si metterebbe mai a fare il Lorenzetti o Bioudjellal come investimenti al di la’ delle regole assurde e mai sicure al riguardo.
            C’e’ da dire che al di la’ della passione dei presidenti francesi loro possono contare su entrate dal T14 largamente superiori di quelle della CL che mettono maggior denaro a disposizione al di la’ dell’investimento personale dei singoli presidenti.
            Benetton onestamente in tutti gli sport mi e’ sempre sembrato prosi un limite comunque, non entro troppo nella pallavolo perche’ non l’ho seguita molto, ma nel basket quando le Bolognesi hanno superato un certo livello Benetton non ha smesso di seguirli e visto che sia Virtus che Fortitudo poi son fallite non aveva tutti i torti…e con la perdita di giro di soldi del campionato italiano ha sempre piu’ diminuito il budget per poi uscirne.
            Benetton mi e’ sempre sembrato uno che nello sport investe senza strafare.

          • gsp 6 Febbraio 2013, 19:18

            gino, ma guarda che gavazzi l’ha detto chiaramente che lui preferirebbe una franchigia di sviluppo e dare piu’ liberta’ alla benetton, e magari che i giocatori che non trovano spazio al benetton potrebbero trovarlo alle zebre. che altro puo’ fare? in pratica non puo’ fare niente finche’ la negoziazione Celtic non sara’ completata.

            il problema e’ che la dichiarazione di zatta sembra andare in direzione divergente rispetto a questa proposta. perche’ sembra non piacergli una squadra della federazione. e se non fosse della federazione, spiegami chi sarebbe il cretino che vorrebbero spendere quanto benetton e magari fare quello che gli dice la federazione. abbiamo gia’ visto con gli Aironi che non funziona. e come diceva mallett non esiste che spendi 7mln all’anno per la celtic e non puoi fare un contratto a gower per portarlo al mondiale.

            e’ vero, l’incertezza sui contratti non aiuta per nulla e rende piu’ difficile arruolare stranieri. pero’, Zatta e Munari sono liberi di arruolare chi vogliono e pagarli quanto vogliono. e fino ad oggi di stranieri aironi e zebre ne hanno azzeccati di piu’ (ma anche cannato qualcuno in piu’).

            l’idea delle zebre secondo me funziona molto bene anche dal punto di vista tecnico ma anche per i rapporti tra federazione e benetton. il problema e’ parma pero’. pero’ che fai? le sposti l’anno prossimo e quello seguente le sposti di nuovo?

    • Rabbidaniel 6 Febbraio 2013, 14:56

      Da quanti privati sono disposti a cacciare grano come succede in Francia e in Inghilterra? I soldi federali non basterebbero di sicuro. È utopia pensare di fare in Italia un campionato professionistico di alto livello. Ricordiamoci della recente situazione di Prato…

      • Da 6 Febbraio 2013, 16:20

        Lo so. Infatti son curioso di vedere se il presidente porterà avanti la sua idea di non pagare la quota d’iscrizione al torneo paventata qualche mese fa o se provvederà a rinnovare l’accordo (cosa che m’aspetto). T’immagini che delusione se tornassimo indietro da quel punto di vista?

        • Rabbidaniel 6 Febbraio 2013, 19:11

          Io spero proprio di no. Alternative di qualità al Pro12 ne vedo pochine…

  10. Rabbidaniel 6 Febbraio 2013, 14:33

    Mah a me pare abbastanza scontato, giocatori forti che vengono cercati da club con molti mezzi.
    Come ha detto gsp c’è il problema del rinnovo celtico, ma è anche vero che in questi anni sono sempre cambiati assetti e regole, lacci e lacciuoli che non permettono alle italiane di fare una programmazione degna di questo nome.
    La via è una e si declina in 2 passaggi:
    1-capire se resteremo o no in Pro12
    2- se sì, sistemare una volta per tutte le regole, con una certa libertà per Treviso e magari cercare di sfruttare un po’ più le Zebre, cambiando sede, cercando investitori privati e facendone una franchigia di sviluppo, almeno in questa fase.
    Io spero che con Gavazzi sia passata la dottrina dondiana dei club come distaccamenti di allenamento per nazionali e nazionabili. Più forti sono Zebre e TV meglio sarà per la nazionale. Portiamo parte del pubblico dell’olimpico alle Zebre e a TV. Rendiamo il movimento solido e “solidale”.

    • gsp 6 Febbraio 2013, 14:51

      @rabbi, solo uno stupido negherebbe che in passato i ritardi siano stati colpevoli e colposi. Io l’ho sempre detto. Pero’ come dici oggi il problema CL c’e’ ed esiste.

      E noi italiani siamo molto penalizzati, perche’ gli altri bene o male sanno che un campionato professionistico lo faranno. Noi no.

      Per gli altri forse la negoziazione sulle coppe e’ primarie e poi si metteranno daccordo sulla CL. Pero’ finche’ non si accordano sulla HC non sapranno quanto chiederci e per quanti anni. E nessuno, incluso noi, sa quanto puo’ permettersi di spendere.

      Siamo il vaso di coccio purtroppo per considerazioni storiche, ma in questo caso subiamo ritardi come la definizione della situazione HC nei quali oggettivamente abbiamo limitata voce in capitolo.

      Di sicuro le negoziazioni procedono in modo segreto. Forse avrebbe senso per noi chiedere una estensione del contratto attuale per 2 anni, ai prezzi attuali. Pero’ vuol dire che ci sono meno soldi da muovere, e quindi ad esempio benetton dovra’ decidere se vuole fare altri due anni ai costi attuali.

      • Stefo 6 Febbraio 2013, 16:45

        Che le negoziazioni col bioard celtico stiano procedendo di sicuro non ci metterei la mano sul fuoco…anche perche’ prima di sedersi ad un tavolo ed assumersi certi impegni sarebbe il caso che la Fir facesse ordine su chi e come parteciperebbe…cosa che cosi’ ad occhio non mi sembra ben stabilita.

        • gsp 6 Febbraio 2013, 17:15

          Dipende stefo, penso che al max la fir potrebbe dire che c’e’ un interessamento Benetton, ma poco di piu’. Se prima non c’e’ il contratto FIR/board ed importantissime cifre relative sara’ difficile imbandire tavola e capire chi c’e’.

          Se poi invece il board vuole iniziare a discutere di risultati, e chi porta cosa, secondo me la posizione italiana si rafforza un po’. So che non sei daccordo perche’ ne abbiamo gia’ discusso.

          • Da 6 Febbraio 2013, 17:18

            Ragazzi, una cosa non mi è chiara: si parla di ridimensionamento dell’impegno dei Benetton in quel di Treviso o di progressivo abbandono anche del rugby come già successo negli altri sport della polisportiva?

  11. cod 6 Febbraio 2013, 14:39

    Io credo che bisogna cercare di capire cosa cercano i nostri giocatori all’estero? Più’ soldi? Più successi sportivi? Più professionalità da parte dei club?
    Non bisogna dimenticare che in Francia e in Inghilterra i giocatori hanno molte più garanzie professionali e riescono anche a sviluppare una crescita extra rugby sia dal punto di vista economico che culturale……
    Noi possiamo o vogliamo fare questo?
    Se non possiamo ragazzi prendete e andate all’ estero……!

  12. Rabbidaniel 6 Febbraio 2013, 17:39

    L’altro elemento accennato da alcuni è l’impegno della famiglia Benetton. Io sento girare solo voci, ma alcuni sono veramente sicuri che un disimpegno, non so di che entità, ci sarà. C’è anche da dire che l’idea di Innocenti di una franchigia veneta non pare buttata lì a caso. Staremo a vedere, ma il punto imprescindibile è verificare se ci sarà o meno un futuro italiano in Pro12. Se non ci sarà non si tratterà di una bella notizia per il movimento e forse dovremmo adottare un sistema argentino vecchio stile.

  13. dado 6 Febbraio 2013, 21:16

    riflessione: ma x il benetton alleggerirsi di alcuni nazionali farà così male ? se il ruolo è coperto possono risparmiare un po’ di soldini, diminuire la rosaa giocatori, fare una squadra più omogenea ed evitare esodi di dimensioni bibliche durante gli impegni della nazionale con conseguenti difficoltà per chi resta, i quali negli altri periodi giocano molto poco, il problema forse sarà per la nazionale che potrebbe perdere un po’ il controllo nella gestione/programmazione dei giocatori che militeranno nelle squadre estere.

Lascia un commento

item-thumbnail

Il Benetton sfiderà una nazionale dell’est in amichevole?

Potrebbe assumere contorni decisamente internazionali il pre-campionato dei Leoni, che intanto continuano a lavorare a Treviso

item-thumbnail

Benetton, Andrea Masi: «Rosa competitiva, bisogna lavorare duro»

Il nuovo allenatore dell'attacco racconta il suo inizio con il Benetton in vista di una stagione molto impegnativa

item-thumbnail

Lorenzo Cannone a OnRugby: “Voglio ritagliarmi spazio”

Tra il Sei Nazioni appena terminato e il futuro al Benetton: Lorenzo Cannone si racconta a OnRugby

item-thumbnail

Benetton Rugby: sono due i capitani per la stagione 2021/22

Una fascia in coabitazione per i biancoverdi che affidano il ruolo a un trequarti e a un avanti

item-thumbnail

L’entusiasmo di Leonardo Marin, il nuovo Azzurrino del Benetton

A soli 19 anni il numero 10 della nazionale under 20 va a ingrossare le fila delle aperture a disposizione di Marco Bortolami, mentre sembrava destina...

item-thumbnail

Benetton, Tomas Albornoz: “Questa è una grande squadra”

Il numero 10 argentino si racconta, descrivendo il suo gioco e parlando di cosa è stato importante per scegliere l'Italia