Sei Nazioni 2023, Italia: contro il Galles una partita da “Prova del Nove”

Un match in cui il risultato sarà tanto importante, se non addirittura più, di quanto lo sarà la prestazione

Sei Nazioni 2023, Italia contro il Galles una partita da Prova del Nove ph. S.pessina

Sei Nazioni 2023, Italia contro il Galles una partita da Prova del Nove ph. S.pessina

Effettuato il giro di boa del Sei Nazioni 2023, è tempo per le formazioni coinvolte nel torneo di pensare alla volata finale, con le ultime due partite in agenda. Per quanto riguarda l’Italia, il calendario dice: Galles, l’11 marzo, e Scozia, il 18 marzo.

Sei Nazioni 2023, Italia: contro il Galles una partita da “Prova del Nove”

Il focus degli Azzurri andrà inevitabilmente sulla prima delle due partite, quella contro i Dragoni da giocarsi allo Stadio Olimpico di Roma, in cui per la prima volta Lamaro e compagni non reciteranno il ruolo di underdog.

In queste ore sta facendo molto rumore la notizia sulla probabile assenza di Ange Capuozzo, che sarà tra i convocati ma difficilmente sarà schierabile almeno per la partita col Galles. Al netto di questo però l’Italia ha dimostrato nelle prime tre partite del torneo, e non solo, contando anche le Autumn Nations Series 2022, di avere un sviluppato un proprio gioco e una propria identità moderna e strutturata, che prescindono dall’impiego di un singolo giocatore.

Leggi anche: Chi è Ange Capuozzo, la nuova stella dell’Italrugby

E’ chiaro che Ange Capuozzo è stato nell’ultimo anno il giocatore offensivo più importante ed elettrico della selezione tricolore, basti pensare al premio internazionale di “Breakthrough Player of the Year”, ma Crowley e il suo staff quando hanno dovuto fronteggiare delle assenze non si sono mai pianti addosso, anzi. Tenendo come caposaldo il vestito tecnico-tattico ideato durante tutto il percorso hanno sempre trovato delle soluzioni importanti per le varie partite che consentissero ai giocatori di trovarsi a loro agio, anche in un lavoro di tenuta mentale davvero importante.

Ed è proprio l’aspetto psicologico quello su cui focalizzarsi. Contro Francia, Inghilterra e Irlanda, l’Italia è arrivata alle partite con la volontà di giocarsela al massimo cercando di tirare un brutto scherzo a rivali ben più accreditate, ma focalizzando tutto, come giusto, sulla qualità della prestazione prima che sul risultato. Come hanno sempre dichiarato Lamaro e Crowley fin da inizio del Torneo.

In questo caso non sarà così: il Galles è in grande difficoltà. A dirlo, prima di tutto, sono i numeri: 3 sconfitte, 0 punti raccolti in classifica, 27 punti segnati, 89 incassati e un differenziale di -62. Warren Gatland e i suoi uomini sanno che potrebbe essere l’ultima spiaggia per non aggiudicarsi quel “Cucchiaio di Legno” che nessuno vuole portarsi a casa, considerando anche che l’ultima partita dei Rossi si giocherà a Parigi contro la Francia.

Lamaro e compagni saranno chiamati a una partita in cui – contro un avversario che arriverà a Roma con il coltello tra i denti più che mai -il risultato sarà tanto importante, se non addirittura più, di quanto lo sarà prestazione. Una partita per confermare a sé stessi l’effettiva crescita e forza del gruppo e per affermare a tutti che la nuova Italia nata lo scorso anno proprio con la vittoria di Cardiff può davvero mettere paura a chiunque.

Compiere un’ulteriore step in una situazione diversa dal solito (dove “siamo quelli che non hanno nulla da perdere”) sarebbe la vera svolta per acquisire definitivamente quella consapevolezza e maturità per affrontare gli obiettivi futuri con ancora più armi su cui contare.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Italia, Manuel Zuliani verso il match con il Giappone: “Tenere alta l’asticella della performance per concludere il tour al meglio”

Il focus del flanker azzurro è sul match di Sapporo, una partita di quelle da non sbagliare

15 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: missione compiuta a Tonga, ora la prova più difficile

Il successo di Nuku'alofa lancia gli Azzurri verso la sfida contro il Giappone, la più dura del trittico estivo

13 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Le reazioni della stampa estera alla vittoria dell’Italia con Tonga. E i giornali “sbagliano” i fratelli Garbisi

Nonostante la copertura mediatica ridotta, i commenti sulla prestazione degli Azzurri sono positivi, con un piccolo particolare: in molti hanno confus...

12 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Gonzalo Quesada: “Soddisfatto della partita. Contro il Giappone ci aspetta una grande sfida”

Il capo allenatore analizza la prestazione azzurra contro Tonga e guarda già avanti alla sfida contro i nipponici. Problema fisico per Federico Ruzza

12 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Come cambia il World Rugby Ranking dell’Italia dopo la vittoria su Tonga

Gli Azzurri ottengono un salto nella classifica per nazionali grazie al successo di Nuku'alofa

12 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Summer Series 2024: le pagelle di Tonga-Italia

Azzurri non brillantissimi e penalizzati da tanti errori di handling, ma dominanti in mischia e nel punto d'incontro: ne viene fuori comunque una vitt...

12 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale