Italia, Lamaro e Crowley: “Pensiamo prima alla prestazione, poi il risultato verrà”

Le parole del capitano e dell’allenatore azzurro nel giorno del lancio internazionale del Sei Nazioni 2023

Italia, Lamaro e Crowley: "Pensiamo prima alla prestazione, poi il risultato verrà"

Italia, Lamaro e Crowley: “Pensiamo prima alla prestazione, poi il risultato verrà” (Ph. Sebastiano Pessina)

L’Italia arriva al Sei Nazioni 2023 con molte più aspettative rispetto al recente passato, ma proprio per questo il tecnico Kieran Crowley e capitan Michele Lamaro hanno voluto tenere i piedi per terra. Nella conferenza stampa di presentazione del torneo, infatti, si è parlato principalmente della prestazione, più che dei possibili risultati.

“Mi aspetto una competizione di assoluto livello, sarà il Sei Nazioni più difficile di sempre” dice Lamaro: “Da parte nostra, abbiamo messo in atto il nostro processo di crescita, abbiamo cominciato a credere in ciò che facciamo e a costruire delle basi solide. Questo torneo sarà un altro step di crescita”.

Leggi anche: Gatland: “Con l’Italia bisognerà costruire di 3 punti in 3 punti”, e glissa sul cucchiaio di legno…

“L’obiettivo minimo? Non abbiamo mai parlato di vittorie o sconfitte, e nel caso non dovessimo riuscire a vincere non parlerei di passo indietro. Ogni tanto ci si dimentica che davanti a noi abbiamo degli avversari, noi dobbiamo pensare ad essere la miglior versione di noi stessi. L’unico metro di giudizio deve essere la prestazione, almeno per quanto riguarda l’interno del gruppo. Poi è chiaro che all’esterno una vittoria ti dà una percezione diversa” continua Lamaro.

Gli fa eco anche Kieran Crowley: “Se oggi facessimo un sondaggio su chi potrebbe terminare all’ultimo posto del Sei Nazioni, in molti risponderebbero l’Italia, perché ovviamente ci sono squadre più in alto di noi nel ranking e che hanno vinto di più. Se poi dovesse arrivare una vittoria sarà ancora meglio, ma la nostra soddisfazione personale si baserà sulle prestazioni”.

“Chiaramente quando si vince i giocatori credono di più in loro stessi e imparano ad affrontare meglio alcune situazioni. In passato, ci sono state partite in cui l’Italia avrebbe potuto vincere, ma si è focalizzata di più sul non perdere, mentre invece contro il Galles hanno dimostrato di potercela fare. I risultati sono conseguenza delle prestazioni”.

Leggi anche, Sei Nazioni 2023, Italia: ai convocati si aggiungono Riccardo Favretto e Edoardo Iachizzi

Riprende poi la parola Lamaro: “Faccio un esempio concreto. Dopo la partita contro le Samoa ci siamo posti come obiettivo il migliorare alcuni aspetti tecnici che non avevano funzionato pienamente, contro l’Australia siamo riusciti a farlo ed è stato il motivo per cui abbiamo portato a casa la vittoria. Questi piccoli aspetti sono quelli che decidono se una squadra vince o perde”.

Infine, il capitano azzurro ha tracciato un parallelo con il percorso di crescita fatto dal Benetton, nel quale militano molti giocatori azzurri: “I ragazzi con cui abbiamo affrontato l’ultimo campionato e le ultime partite con la Nazionale hanno iniziato un percorso altrettanto difficile a Treviso, ma con un processo anche in quel caso di importante crescita, che prevede una preparazione fondamentale alla partita, ma anche un approccio alle singole situazioni. Ovviamente il livello è diverso, ma sicuramente l’impregno messo in campo e fuori è l’aspetto a cui io tengo di più, e questo ha dato i suoi frutti nell’ultimo periodo”.

Francesco Palma

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Italia, Niccolò Cannone: “È un momento importante per il nostro rugby, non abbiamo mai smesso di crederci”

Intervistato durante la nuova puntata del nostro Podcast, l'Azzurro ha rimarcato il duro lavoro che c'è dietro i successi della nazionale

11 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Autumn Nations Series: Italia-Argentina verso il Ferraris di Genova

La prima partita dei test autunnali degli Azzurri dovrebbe giocarsi nel capoluogo ligure

6 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Tommaso Menoncello: “Sonny Bill Williams è sempre stato il mio idolo. Andrea Masi mi ha insegnato molto”

Il trequarti del Benetton è il più giovane giocatore a vincere il premio di "Best Player of Six Nations"

5 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Tommaso Menoncello nominato “Miglior Giocatore” del Sei Nazioni 2024

Riconoscimento incredibile per l'Azzurro che diventa il secondo italiano a prendersi questo prestigioso premio

5 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni: la meta di Lorenzo Pani contro il Galles eletta come la “Migliore del Torneo”

Un'azione a tutta velocità conclusa dallo scatto e dallo slalom del trequarti azzurro

3 Aprile 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Juan Ignacio Brex: “Abbiamo fatto la storia ma non ci vogliamo fermare”

In una intervista a RugbyPass il centro torna sulla voglia di vincere degli Azzurri in vista del futuro

28 Marzo 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale