La stampa inglese demolisce Eddie Jones e la Nazionale: “Fallimento totale, nessun progresso”

La fiducia nei confronti della squadra e del tecnico è ormai vicina allo zero

a stampa inglese demolisce Eddie Jones e la Nazionale: "Fallimento totale, nessun progresso" (ph. Sebastiano Pessina)

a stampa inglese demolisce Eddie Jones e la Nazionale: “Fallimento totale, nessun progresso” (ph. Sebastiano Pessina)

L’Inghilterra ha concluso le Autumn Nations Series con una brutta sconfitta per 27-13 contro il Sudafrica, dopo un novembre nel quale la squadra di Eddie Jones non ha quasi mai brillato. Una sola vittoria, contro il Giappone, e un pari contro gli All Blacks dopo 70 minuti di sofferenza e un grande finale. Poi due sconfitte, contro l’Argentina e gli Springboks.

La stampa inglese non è stata per niente leggera: il Times parla di “Delusione Jones” e invoca l’arrivo di Wayne Smith, attuale tecnico della Nuova Zelanda femminile, considerato “l’uomo che può ritrovare l’Inghilterra perduta”.

Leggi anche: Il World Rugby Ranking definitivo dopo la fine dei test match

Il Daily Mail parla di “Nessun progresso, fallimento totale” e chiede una presa di coscienza non solo da parte del tecnico Eddie Jones, ma anche di tutta la RFU, la federazione inglese.

Non sono da meno le pagelle di Planet Rugby, che bocciano con voti bassissimi buona parte dei giocatori scesi in campo a Twickenham. Sotto accusa i fratelli Vunipola, ai quali viene affibbiato un 3, ma ce n’è per tutti: George, Sinckler, Hill, Coles, Marcus Smith e Freeman prendono 4.

Leggi anche: Ange Capuozzo candidato al premio di miglior giocatore delle Autumn Nations Series

Oltre a qualche sufficienza, come i soliti Itoje e Farrell, l’unico davvero a salvarsi è Tom Curry, premiato con un 7 nonostante l’ammonizione: “Ha resistito bene, il giallo non è colpa sua perché arriva per una serie di falli inglesi” scrive Planet Rugby.

Billy e Mako Vunipola sono stati criticati anche dal Telegraph, che li definisce insieme a Tuilagi ormai “esauriti”, mentre sullo stesso giornale Brian Moore commenta: “Non riesco a capire cosa stia facendo Eddie Jones”.

Ad un anno dal mondiale, la fiducia nei confronti del tecnico è ormai vicina allo zero. Starà a Jones cercare di rimettere a posto le cose prima che sia troppo tardi. L’obiettivo dichiarato è arrivare al 100% alla Coppa del Mondo, non prima, ma i risultati poco incoraggianti non stanno aiutando l’ambiente.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series 2024: i convocati dell’Argentina

Sono 34 i giocatori scelti, alcuni dei quali giocano nei club italiani

item-thumbnail

Test Match, Eddie Jones stupisce ancora: 8 esordienti per Giappone-Inghilterra

Ecco la formazione scelta dal tecnico australiano: tra i titolari anche un giovanissimo della Waseda University

item-thumbnail

Test Match, verso Galles-Sudafrica: le voci dei protagonisti

Warren Gatland: "Farà male, ma si migliora giocando coi migliori". Evan Roos: "Gallesi simili a noi sudafricani"

item-thumbnail

Irlanda: assenze di peso tra i convocati alle Summer Series 2024

Da Gibson-Park a Keenan, ecco perché Andy Farrell dovrà fare a meno di loro in Sudafrica

item-thumbnail

Esordisce il TMO “rinforzato”: primi esperimenti in Sudafrica-Galles e Fiji-Barbarians

Nelle due sfide di Twickenham gli arbitri al monitor avranno ulteriori possibilità di intervenire rispetto al precedente protocollo: la sperimentazion...

item-thumbnail

Frans Malherbe ha rinunciato alla maglia da titolare per far festeggiare i 50 caps a Vincent Koch

Un bel gesto di altruismo raccontato dallo stesso Rassie Erasmus, e non è la prima volta che accade negli Springboks