Coppa del Mondo femminile: Azzurre, ci avete resi orgogliosi. E adesso ripartiamo dalle giovani

Questa avventura non deve rimanere fine a se stessa, ma deve essere da esempio e ispirazione per i ragazzi e le ragazze che vogliono e vorranno giocare a rugby in Italia

Coppa del Mondo femminile: Azzurre, ci avete resi orgogliosi. E adesso ripartiamo dalle giovani (ph. World Rugby)

Coppa del Mondo femminile: Azzurre, ci avete resi orgogliosi. E adesso ripartiamo dalle giovani (ph. World Rugby)

Il Mondiale dell’Italia finisce al Northland Events Centre di Whangarei, al cospetto di una Francia ancora troppo forte in partite come queste, ed è arrivato il momento dei bilanci. L’esempio da seguire è questo gruppo unito e compatto che ha fatto la storia, guidato da un’Elisa Giordano autrice di un torneo strepitoso, in campo e fuori come capitana. L’esempio da seguire è il recupero incredibile di Manuela Furlan, che alla fine è riuscita a scendere in campo nonostante un infortunio che sembrava impossibile da guarire in così poco tempo. L’esempio da seguire è il gruppo di ragazze che pur non avendo mai giocato non ha mai fatto mancare il proprio apporto a bordo campo.

Adesso non è il momento di fermarsi, non dopo un ciclo di risultati stupendo e culminato con la storica qualificazione ai quarti del Mondiale, e che ha visto l’Italia conquistare traguardi incredibili come il secondo posto al Sei Nazioni e la quinta posizione nel ranking. Quanto fatto vedere dalle azzurre in Nuova Zelanda può e deve essere di ispirazione per tante ragazze e tanti ragazzi che si sono appassionati alla palla ovale grazie a questo torneo.

Leggi anche: Coppa del Mondo femminile: l’Italia regge un’ora, poi la Francia dilaga e passa 39-3

Ed è proprio dalle giovani che questa Italia deve ripartire, fin dal prossimo Sei Nazioni. Dopo aver fatto la conta delle veterane che resteranno, infatti, sarà il momento di dare le chiavi di questa squadra in mano alla generazione che negli ultimi anni ha conquistato un ruolo di rilievo in questa squadra, da Giada Franco a Francesca Sgorbini, da Sara Tounesi a Vittoria Ostuni Minuzzi, passando per Aura Muzzo e Beatrice Veronese.

E poi sarà il momento di lanciare per davvero tante ragazze che in quest’ultima stagione si sono fatte trovare pronte quando serviva: dalla già spesso presente D’Incà a Seye, che si è conquistata la ribalta con due belle partite contro Canada e Giappone, passando per la mediana del futuro Granzotto-Stevanin e da Vittoria Vecchini, che si è imposta come cambio fisso e affidabile di Melissa Bettoni.

Non sappiamo ancora se sarà sempre Andrea di Giandomenico a guidare questo gruppo, né con quale ruolo, ma chiunque verrà dopo di lui avrà la responsabilità di completare il ricambio generazionale, l’onore di avere a che fare con un gruppo di giocatrici di grande qualità e l’onere di dover confermare un ciclo di risultati di altissimo livello. Non sarà facile, e magari all’inizio potrebbero esserci delle fisiologiche difficoltà, ma è importante che restare uniti e dare sostegno a chi sta facendo un lavoro incredibile, senza scendere dal carro alle prime difficoltà.

Di questa avventura resta un mese di emozioni che queste ragazze ci hanno fatto vivere, e un quarto di finale del quale le ragazze devono essere orgogliose, perché noi lo siamo.

Francesco Palma

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia, Di Giandomenico: “Se resto? Decideremo con la Fir. Mondiale positivo, e c’è talento per il futuro”

Il c.t. azzurro traccia un bilancio di questa avventura mondiale, ma non scioglie la riserva sul suo futuro

1 Novembre 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Coppa del Mondo femminile, Madia: “Due mesi come professioniste. Torniamo a casa senza rimpianti”

L'apertura azzurra racconta ad OnRugby la storica avventura mondiale in Nuova Zelanda

30 Ottobre 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia, Di Giandomenico: “Quarto di finale tappa di un lungo viaggio”

Il tecnico insiste sul fatto che il risultato ottenuto in Nuova Zelanda non sia un traguardo, ma un punto di partenza

29 Ottobre 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Coppa del Mondo Femminile: gli highlights di Francia-Italia

Il riassunto per immagini del quarto di finale della Rugby World Cup Femminile

29 Ottobre 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Coppa del Mondo femminile: l’Italia regge un’ora, poi la Francia dilaga e passa 39-3

Le azzurre reggono un'ora, con una grande difesa, ma alla fine cedono di schianto

29 Ottobre 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Coppa del mondo femminile, Di Giandomenico: “Appagamento? Assolutamente no, ma non abbiamo nulla da perdere”

Il tecnico azzurro e le ragazze introducono la sfida dei quarti di finale tra Italia e Francia

27 Ottobre 2022 Rugby Azzurro / Nazionale femminile