Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull’Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

ph. Sebastiano Pessina

Mamuka Gorgodze è stato un totem del rugby della Georgia e internazionale in campo fino a pochi anni fa. Da giocatore e capitano della nazionale non ha fatto in tempo a festeggiare un’impresa storica come quella fatta registrare dalla Georgia contro l’Italia a Batumi, quando i Lelos hanno battuto per la prima volta una delle nazionali del Sei Nazioni o del Rugby Championship, ma non c’è dubbio che molti di quei giocatori siano stati ispirati almeno una volta nella vita dal loro più noto connazionale.

In ogni caso, il 38enne Gorgodze oggi lavora all’interno del board della Federazione georgiana e ha potuto godersi pienamente quella storica serata. “È stato un match molto importante. È stato pazzesco, c’erano 20.000 persone allo stadio e un’atmosfera straordinaria. La gente ama i Lelos qui e il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia” – ha detto in un’intervista al sito Rugbyrama.

Gorgodze si è poi soffermato anche su una maggiore tendenza da parte della Georgia a creare pericoli anche con i propri trequarti, mentre storicamente i Lelos sono sempre stati una formazione prevalentemente basata sulla mischia e sul gioco arcigno dei propri avanti.

“Le cose stanno cambiando nel nostro rugby. Al momento siamo meno efficienti davanti che con i nostri trequarti. La nostra linea arretrata funziona molto bene. Contro Francia e Italia abbiamo segnato anche delle mete in prima fase, senza passare da alcuna ruck. Che è molto raro per noi”.

Per spiegare il modo in cui la Georgia continua a mantenersi a questo livello nel rugby mondiale, Gorgodze ha poi ricordato l’importanza che Bidzina Ivanishvili ha avuto nel corso degli anni. Ivanishvili è un miliardario ed ex primo ministro georgiano tra il 2012 e il 2013, che ha lasciato la politica definitivamente nel 2021 ma che continua ad avere molto peso nel suo Paese. Secondo Forbes, nel 2021 è stato l’uomo più ricco della Georgia e uno dei 600 uomini più ricchi al mondo

Negli ultimi quindici anni, il denaro di Ivanishvili ha contribuito a far decollare il rugby georgiano dentro e fuori dal campo, diventandone di fatto il motore delle sue fortune. “Dobbiamo molto al nostro mecenate Bidzina Ivanishvili. Ha messo decine e decine di milioni nel rugby: ha costruito stadi, campi di allenamento… Dobbiamo ringraziarlo molto”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks, un test in Giappone prima del tour di novembre

Si giocherà il 29 ottobre a Tokyo, prima delle sfide a Inghilterra, Scozia e Galles

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027

item-thumbnail

Samoa pronta a schierare due ex All Blacks contro l’Italia

A novembre l'apertura Lima Sopoaga e il terza linea Steven Luatua potrebbero rafforzare la rosa che ha vinto la Pacific Nations Cup