Concussion, i giocatori britannici portano le federazioni in tribunale

La causa partita nel 2020 diventerà la più grande class action intentata al di fuori degli Stati Uniti

concussion causa

Concussion: Ryan Jones è uno dei 185 giocatori che intentano una causa contro World Rugby e le federazioni nazionali – ph. Sebastiano Pessina

Lo studio legale Rylands sta per portare in tribunale World Rugby, la federazione inglese e quella gallese a nome di 185 ex-giocatori professionisti e semi-professionisti. L’accusa è quella di non aver adeguatamente protetto i propri tesserati dai pericoli di danni permanenti dovuti alle ripetute concussions e ai traumi cranici sub-concussivi.

Si tratta della più grande class action intentata al di fuori degli Stati Uniti, secondo quanto dichiarato dallo studio legale che rappresenta giocatori come Ryan Jones, ex capitano del Galles che ha da poco rivelato di aver ricevuto una diagnosi di demenza precoce a 41 anni, Steve Thompson, campione del mondo con l’Inghilterra nel 2003, e Carl Hayman, pilone degli All Blacks.

Nel dicembre del 2020 il gruppo di giocatori, allora meno numeroso ma comunque folto, aveva annunciato l’azione legale contro la federazione internazionale e quelle nazionali. In questo anno e mezzo le parti non sono riuscite a trovare nessun punto di contatto, e ora le cose si dovranno risolvere in tribunale.

Leggi anche: Il neurologo Chermann: “Nel rugby si gioca troppo, il rischio concussion si alza”

Domenica 24 luglio, Rylands ha annunciato l’imminente processo: “Questa causa non riguarda solamente una compensazione economica. Si tratta di rendere il gioco più sicuro e assicurarsi che gli attuali e passati giocatori vengano sottoposti ad analisi che ne accertino eventuali danni cerebrali, in modo che possano avere l’aiuto clinico di cui hanno bisogno.”

“I giocatori che rappresentiamo amano il rugby. Il nostro obiettivo è di modificare le attuali convinzioni delle federazioni e raggiungere il punto in cui sia accettata la connessione fra i ripetuti colpi alla testa e i danni neurologici permanenti, per prendere ulteriori decisioni a protezione dei giocatori e supportare coloro che hanno avuto conseguenze.”

Leggi anche: Rugby e concussion: serve un serio programma di informazione e prevenzione

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Premiership: i Wasps sono nei guai?

Il club non ha saldato il proprio debito di 35 milioni di sterline con gli investitori

12 Agosto 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

La lista degli italiani all’estero per la stagione 2022/2023

Tutti i giocatori impiegati nei principali campionati esteri nella prossima annata

10 Agosto 2022 Emisfero Nord
item-thumbnail

Eddie Jones se la prende con le scuole: “Formano ragazzi deboli caratterialmente”

Il c.t. della Nazionale inglese è intervenuto sul tema della formazione dei giovani, a suo dire poco efficiente

8 Agosto 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Nuovo contratto e ritorno in campo per Jake Polledri

Sembra davvero essere finito l'incubo del terza linea azzurro, pronto a rientrare dopo quasi due anni di stop

28 Luglio 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Il governo francese sta pensando di vietare gli eventi sportivi in notturna

Il motivo sarebbe legato alla necessità di risparmiare più energia in inverno, e potrebbe essere un grosso cambiamento per il Top 14

27 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14