Le nuove regole di World Rugby per medici e portatori d’acqua

Dopo le polemiche della scorsa estate sul Sudafrica, la federazione internazionale restringe il campo d’azione del personale medico

Le nuove regole di World Rugby sul personale non giocante – ph. Sebastiano Pessina

La federazione internazionale interviene per limitare le interferenze di tutti coloro che non sono giocatori all’interno del rettangolo di gioco. Un esempio? L’estate scorsa ci fu grande polemica per il comportamento dello staff del Sudafrica, sia per la partecipazione del Director of Rugby Rassie Erasmus in qualità di portaborracce che per le ingerenze del personale sanitario all’interno del rettangolo di gioco.

Ora qualcosa di simile non potrà più accadere.

Il Consiglio di World Rugby ha infatti approvato una modifica sperimentale al regolamento a partire dal prossimo 1 luglio, inserendo un protocollo che mira a limitare l’intervento di attori esterni al gioco, senza per questo venire meno alle necessità dei giocatori, come idratazione o cure fisiche.

Leggi anche: La Rugby World Cup 2031 negli USA probabilmente si terrà in estate

Il protocollo di World Rugby sul personale non giocante

  • I medici possono portare acqua solo ai giocatori che stanno trattando
  • I medici non possono toccare il pallone quando è in gioco, pena un calcio di punizione
  • Ogni squadra può portare a bordo campo al massimo due portatori d’acqua, e questi non potranno essere né l’head coach né il Director of Rugby
  • In gare di livello élite, i portatori d’acqua potranno entrare in campo solo due volte per ogni frazione di gioco in momenti accordati dagli ufficiali di gara, e solo a gioco fermo o dopo la marcatura di una meta
  • Chi porta il tee al calciatore può portare con sé una bottiglia per l’esclusivo utilizzo del calciatore
  • I portatori d’acqua dovranno rimanere nell’area tecnica per tutto il tempo precedente il permesso di entrare in campo. Anche se dentro l’area tecnica, non potranno toccare il pallone finché è in gioco, pena un calcio di punizione
  • Nessun membro del personale non giocante può discutere, commentare o parlare con gli ufficiali di gara, fatti salvi i medici per quanto riguarda la cura di un giocatore, pena un calcio di punizione
  • Ai giocatori in campo sarà consentito l’accesso all’acqua in ogni momento dietro alla linea di pallone morto o dalla propria area tecnica

World Rugby ha tenuto a sottolineare come queste modifiche regolamentari siano state sviluppate in collaborazione con le federazioni, ma soprattutto con l’appoggio delle rappresentanze dei giocatori.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: la classifica definitiva per il 21/22

Chiusi i campionati, si chiude anche la nostra speciale graduatoria: appuntamento al 22/23

6 Luglio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

L’irlandese Loughman non sarebbe dovuto rientrare dopo il colpo alla testa subito coi Maori

Mancanza di chiarezza nelle comunicazioni tra gli staff medici e giocatore rientrato nonostante una situazione delicata

1 Luglio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

World Rugby Ranking: l’Italia avvicina Samoa e Georgia, ma lascia punti per strada

La vittoria contro il Portogallo porta un buon bottino di punti, che però poteva essere ancora maggiore

27 Giugno 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Alberto Sgarbi si ritira ufficialmente: “Grazie rugby, è stato bellissimo”

Lo ha annunciato in un'intervista alla Tribuna di Treviso

23 Giugno 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Il “Grillotalpa” spiegato da Sam Warburton: ecco il video-tutorial

La "mossa chirurgica" del gallese, maestro nel fondamentale

22 Giugno 2022 Terzo tempo