Nuova Zelanda: situazione complicata a livello economico, l’offerta per un “pezzo” di federazione resta

Le 26 provincie sono sul piede di guerra con l’associazione giocatori, che intanto continua a dire no all’offerta della società statunitense

Nuova Zelanda: situazione complicata a livello economico, l'offerta per un "pezzo" di federazione resta. PH Sebastiano Pessina

Nuova Zelanda: situazione complicata a livello economico, l’offerta per un “pezzo” di federazione resta. PH Sebastiano Pessina

Nonostante i risultati e l’aurea di invincibilità, non è un momento semplice per il rugby in Nuova Zelanda. La situazione economica infatti continua a essere “in rosso”, e nella riunione che ci sarà giovedì a Wellington le 26 unioni provinciali andranno a certificare un nuovo e importante passivo, magari anche superiore ai 34 milioni di dollari neozelandesi con il quale si è chiuso il 2020.

Leggi anche: Il via libera delle union provinciali alla vendita di un “pezzo” di All Blacks

Torna allora prepotentemente in voga l’offerta della società statunitense Silver Lake, che nello scorso marzo era stata accettata dal board di NZ Rugby, dalle province e dai Maori: inizialmente si parlava di un accordo da 232 milioni di euro per il 12.5% dei diritti commerciali legati a tutto il mondo del rugby della Nuova Zelanda. Successivamente, dopo le prime polemiche, Silver Lake aveva migliorato la sua valutazione iniziale e ridotto la sua potenziale partecipazione al 7.5%, ma c’è un enorme inghippo.

Tutti gli accordi fatti con federazione e provincie non valgono nulla senza il via libera dell’associazione giocatori, la quale aveva respinto senza mezzi termini l’offerta iniziale ancor prima che per un discorso economico per uno morale. Negli ultimi otto mesi le trattative sono andate avanti, coinvolgendo la NZ Rugby the Players’ Association, guidata dal CEO Rob Nichol e dal presidente ed ex capitano degli All Blacks David Kirk, e Silver Lake: praticamente non è cambiato nulla.

Leggi anche: Il no dei giocatori alla vendita di un “pezzo” degli All Blacks

Le provincie sono a dir poco furiose, così come riportato dalla stampa neozelandese, dopo le ultime voci che la posizione dei giocatori non si è mossa di un centimetro. Questo anche perché prevedono che l’onda lunga della crisi economica durerà anche nel 2022. Visto che senza la luce verde dall’associazione giocatori non si va da nessuna parte, la situazione appare assolutamente bloccata.

Con il passare del tempo, e senza l’accordo con la NZ Rugby Players, appare sempre più vicino quindi l’accantonamento della proposta di Silver Lake, che magari potrebbe riconsiderare la cosa in futuro.

La certezza è che le 26 provincie possono solamente aspettare, vedendo nel contempo aumentare il loro debito.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Argentina: lo staff tecnico che affiancherà Michael Cheika

Ai due nomi presentati se ne aggiungeranno altri due per l'attacco e i trequarti

3 Maggio 2022 Emisfero Sud
item-thumbnail

Calendario e date del Rugby Championship 2022

Il torneo inizierà il 6 agosto con la sua prima giornata e si concluderà il 24 settembre, con il sesto e ultimo turno

26 Aprile 2022 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Verso la Rugby World Cup 2027: c’è una parte di Australia che vorrebbe Eddie Jones

Il tecnico potrebbe essere l'head coach dei Wallabies nel prossimo quadriennio iridato

14 Aprile 2022 Emisfero Sud
item-thumbnail

Beauden Barrett e le concussion: ora può tornare in campo

Il travagliato percorso di rientro del trequarti degli All Blacks raccontato da lui stesso

5 Aprile 2022 Emisfero Sud
item-thumbnail

Wayne Smith torna operativo: sarà nello staff delle Black Ferns

La leggenda All Blacks sarà nello staff della nazionale femminile per puntare a una Coppa del Mondo che non vede le neozelandesi come favorite

1 Aprile 2022 Emisfero Sud