La formazione dei British & Irish Lions per la prima sfida al Sudafrica

Biggar titolare, Farrell in panchina. In seconda linea coppia da sogno con Alun Wyn Jones e Maro Itoje

La formazione dei British & Irish Lions per la prima sfida al Sudafrica

La formazione dei British & Irish Lions per la prima sfida al Sudafrica

Adesso si fa sul serio. Warren Gatland ha scelto e ufficializzato la formazione per il primo dei tre Test Match della serie contro il Sudafrica campione del mondo.

Leggi anche, La formazione del Sudafrica per il primo test contro i Lions

Nel XV capitanato da Alun Wyn Jones, la cerniera dei trequarti sarà formata da Hogg, come estremo, Watson e van der Merwe, alle ali, il duo Henshaw-Daly, come centri, e la coppia Price e Biggar, in cabina di regia.

Fra gli avanti, detto del gallese che guiderà la selezione d’oltremanica facendo reparto con Maro Itoje, vi sono da segnalare il reparto di prima linea formato dal trio Wyn Jones-Cowan-Dickie-Furlong e quello costituito, in terza linea, dai flanker inglesi Lawes e Curry e dal numero 8 Conan.

A disposizione, pronti a dare il loro contributo a partita in corso, vi saranno 5 avanti e 3 trequarti: Owens, Sutherland, Sinckler, Beirne, Watson, oltre a Murray, Farrell e Williams

La formazione dei British & Irish Lions per la prima sfida al Sudafrica

15. Stuart Hogg (Exeter Chiefs, Scotland) #783

14. Anthony Watson (Bath Rugby, England) #816

13. Elliot Daly (Saracens, England) #822

12. Robbie Henshaw (Leinster Rugby, Ireland) #824

11. Duhan van der Merwe (Worcester Warriors, Scotland) #841

10. Dan Biggar (Northampton Saints, Wales) #821

9. Ali Price (Glasgow Warriors, Scotland) #843

1. Wyn Jones (Scarlets, Wales) #842

2. Luke Cowan-Dickie (Exeter Chiefs, England) #851

3. Tadhg Furlong (Leinster Rugby, Ireland) #818

4. Maro Itoje (Saracens, England) #825

5. Alun Wyn Jones – captain (Ospreys, Wales) #761

6. Courtney Lawes (Northampton Saints, England) #826

7. Tom Curry (Sale Sharks, England) #853

8.Jack Conan (Leinster Rugby, Ireland) #839

A disposizione:

16. Ken Owens (Scarlets, Wales) #829

17. Rory Sutherland (Worcester Warriors, Scotland) #840

18. Kyle Sinckler (Bristol Bears, England) #814

19. Tadhg Beirne (Munster Rugby, Ireland) #838

20. Hamish Watson (Edinburgh Rugby, Scotland) #847

21. Conor Murray (Munster Rugby, Ireland) #790

22. Owen Farrell (Saracens, England) #780

23. Liam Williams (Scarlets, Wales) #833

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Ben 3 italiani nel XV della settimana di Planet Rugby

La prestazione degli Azzurri ha avuto importanti riscontri anche all'estero: altri 3 Azzurri, inoltre, sono stati citati pur non essendo inseriti in f...

item-thumbnail

A Chicago sarà ancora All Blacks-Irlanda: la rivincita del 2016

Al Soldier Field dovrebbe andare in scena il remake della storica vittoria degli Irish sui Tuttineri

item-thumbnail

Eddie Jones fa i complimenti all’Italia e chiede tempo per il suo Giappone

Il tecnico elogia Lamaro e compagni "rimandando" i suoi giocatori alle prossime sfide internazionali

item-thumbnail

Summer Series: l’estate della Scozia prosegue in scioltezza, Cile battuto 11-52

La squadra di Gregor Townsend ci mette 30' per iniziare a ingranare, ma poi non si ferma più

item-thumbnail

Italia, come sta Paolo Garbisi?

Il mediano di apertura azzurro è uscito al 67', durante il test match col Giappone, per un forte impatto alla testa contro l'anca di un avversario. Ag...

item-thumbnail

L’Italia chiude le Summer Series nel modo migliore, bel successo sul Giappone di Eddie Jones

Azzurri che partono e chiudono forte con un netto 14-42, soltanto un po' troppa indisciplina ha tenuto a galla i nipponici a cavallo dell'intervallo