Il ritorno di Israel Folau

L’estremo australiano torna al rugby a 15 dopo due anni di assenza e il licenziamento da parte della federazione

israel folau

Il ritorno di Israel Folau ph. Sebastiano Pessina

Eravamo rimasti al 2019, quando – a 5 mesi dal mondiale – Israel Folau fu licenziato dalla federazione australiana in seguito a un post sui social network nel quale aveva puntato il dito contro i «peccatori alcolizzati, omosessuali, adulteri, bugiardi, fornicatori, ladri, atei e idolatri», invitandoli al «pentimento per evitare l’inferno». Le parole dell’estremo australiano avevano fatto il giro del mondo e Rugby Australia aveva immediatamente preso provvedimenti, rescindendo il contratto ed escludendolo dalla nazionale che avrebbe poi affrontato la Rugby World Cup in Giappone. Da lì è iniziato un contenzioso legale durato 8 mesi e conclusosi nel dicembre del 2019 con un accordo riservato con la federazione australiana. Da lì, il ritorno al Rugby League con i Catalan Dragons e un altro scontro legale per poter poi tornare in Australia con i Southport Tigers.

Per Folau però, è arrivata la possibilità di tornare al Rugby Union con la NNT Communication, squadra giapponese di Top League. L’estremo manca dal rugby a 15 proprio dal 2019, quando – prima del licenziamento – aveva raccolto 96 presenze e 300 punti con la maglia dei Waratahs, vincendo anche il Super Rugby nel 2014. Folau si unirà al club giapponese a settembre (quindi potrebbe ancora giocare con i Tigers in questi mesi) e ha firmato un contratto economicamente di gran lunga inferiore rispetto a quanto percepiva in Australia. Inoltre, secondo The Guardian nel contratto sono previste delle restrizioni molto rigide sull’uso dei social da parte del giocatore.

In teoria, secondo la Legge Giteau sugli overseas (che rende possibile la convocazione per gli atleti impiegati all’estero con più di 60 caps e almeno 7 stagioni nel Super Rugby) Folau potrebbe anche essere riconvocato in nazionale, in virtù delle sue 73 presenze con i Wallabies, ma dopo quanto successo è molto difficile che possano riaprirsi spazi nella selezione di Dave Rennie.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Nuova Zelanda: ecco quello che con tutta probabilità sarà il nuovo stadio dei Crusaders

Svelato dopo un lungo lavoro il progetto della nuova casa di una delle squadre più forti di tutto il mondo ovale

3 Dicembre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

All Blacks: un lungo e importante rinnovo in terza linea

Blindato un big con un accordo che si estenderà sino al 2025

30 Novembre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

Mano pesante di World Rugby contro Rassie Erasmus

Il Director of Rugby degli Sprinhboks sanzionato dopo i fatti seguenti al primo test match contro i Lions

18 Novembre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

Super Rugby Pacific: pubblicato il calendario completo dell’edizione 2022

Si parte il 18 febbraio: 12 squadre al via compresi i Moana Pasifika e i Fijan Drua per il solito appuntamento con lo spettacolo dell'emisfero sud

16 Novembre 2021 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

La storia di Carl Hayman: il pilone degli All Blacks che soffre di disturbi psichici legati alle concussion

L'incredibile racconto del prima linea, che dopo il ritiro dall'attività agonistica parla apertamente di quello che sta vivendo

3 Novembre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

“Il Giappone dovrebbe far parte del Rugby Championship”

Il terza linea Ben Gunter non ha dubbi sul livello raggiunto dalla squadra orientale, ormai pronta per sfidare le grandi dell'Emisfero Sud

26 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship