La Federazione australiana ha notificato il licenziamento a Israel Folau

Il giocatore, punito per il suo ultimo post sui social, avrà 48 ore per accettare la decisione o ricorrere in appello

israel folau

ph. Reuters

La Federazione australiana (ARU) ha notificato a Israel Folau un avviso di grave violazione del codice di condotta per il suo recente post pubblicato su Twitter e Instagram, che per l’ARU legittima la risoluzione del suo contratto. Come riporta il comunicato pubblicato sul sito ufficiale, il giocatore ha ora 48 ore per accettare il licenziamento o per ricorrere in appello.

“Gli era stato chiarito che qualsiasi post sui social media, o commenti che siano in qualche modo irrispettosi verso le persone a causa della loro sessualità, si sarebbero tradotti in azioni disciplinari – ha dichiarato l’amministratrice delegata della Federazione, Raelene Castle – Il contratto standard per tutti i giocatori australiani è mediato con la Players Association.

Castle ha specificato ai media come non ci fosse alcuna clausola legata al comportamento sui social. “Ma ci sono stati degli incontri documentati che sono stati messi anche per iscritto sulle nostre aspettative nei confronti di Israel”. Castle ha fatto sapere che non c’è stata un’accusa specifica nei confronti di Folau, ma le sue violazioni sono state il risultato di una serie di problemi posti in essere dal codice di condotta.

Folau, che in una recente intervista al Sydney Morning Herald non ha espresso alcun pentimento per le sue azioni, aveva firmato un rinnovo di quattro anni con la Federazione australiana a febbraio, e lo scorso anno era già finito al centro delle polemiche per un suo post contro le persone omosessuali.

“È molto frustrante dal mio punto di vista – ha continuato Castle – perché ho avuto una conversazione molto diretta e specifica con lui sulle nostre aspettative nei suoi confronti. Lui era stato d’accordo con quello che dissi, aveva capito e mi aveva stretto la mano, ma ha fatto ugualmente quello che ha fatto”.

Nel frattempo, Michael Cheika, head coach dei Wallabies, aveva già dichiarato che non sarebbe stato in grado di selezionare Folau, mentre il suo compagno di squadra ai Waratahs Michael Hooper aveva ammesso di trovare molto difficile l’idea di giocare insieme a lui in campo.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Cosa è successo nell’ultima giornata del Super Rugby 2019

Alla fine la Nuova Zelanda ha portato ancora quattro squadre ai playoff. E poi la vittoria allo scadere degli Sharks, il ritorno dei Bulls e molto alt...

16 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby 2019: il tabellone dei playoff

Le vittorie di Bulls, Chiefs, Highlanders e Sharks hanno definito i quarti di finale, che inizieranno il prossimo weekend

15 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Malcolm Marx rinnova il contratto e si prende un periodo sabbatico dopo la RWC

Il nuovo contratto tutelerà il giocatore concedendogli sei mesi di pieno recupero

14 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Nehe Milner-Skudder dovrà essere operato per la terza volta

Sempre alla spalla, la stessa già operata nel 2016 e nel 2017. Il trequarti non gioca dallo scorso novembre

11 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Cos’è successo nella penultima giornata di Super Rugby

Jaguares e Brumbies hanno vinto le rispettive Conference. Ancora da decidere gli ultimi slot per i playoff

9 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

I Crusaders modificheranno il loro brand dal 2021

È il risultato di un'indagine di mercato commissionata dopo l'attentato di Christchurch. L'attuale logo sarà cambiato già dal prossimo anno

8 giugno 2019 Emisfero Sud / Super Rugby