Sergio Parisse: “Vorrei giocare ancora per l’Italia, ne parlerò con Crowley”

L’ex capitano azzurro conferma le sue volontà anche dopo il cambio al vertice della Nazionale

Sergio Parisse nell’Italia di Kieran Crowley? – Ph. Sebastiano Pessina

Sergio Parisse ha confermato la propria volontà di giocare ancora una volta per l’Italia, anche ora che il CT è Kieran Crowley.

La volontà dell’ex capitano di un ultimo ballo in maglia azzurra erano emerse già all’indomani della Rugby World Cup 2019, quando la campagna iridata italiana era stata bruscamente tagliata dall’avvento del tifone Hagibis.

La possibilità divedere in campo il numero 8 nel Sei Nazioni 2020 erano poi stata a sua volta disattesa dall’interruzione del Torneo.

Da lì in avanti, l’ex CT Franco Smith non è mai parso incline a riaprire le porte della Nazionale a Parisse. Oggi, però, Smith ha cambiato ruolo, e al suo posto c’è Kieran Crowley.

“Il mio pensiero non è cambiato – ha dichiarato Parisse al giornale locale Var-Matin – Ho ancora voglia di disputare un’ultima gara con la maglia dell’Italia.”

“C’è un nuovo selezionatore che non conosco molto bene. Non ci ho ancora parlato. La tournée estiva in Nuova Zelanda è stata annullata ma la squadra giocherà in autunno contro gli All Blacks, l’Argentina e l’Uruguay. Per il momento sono totalmente concentrato sul club e questi pensieri non mi passano per la testa. Quando verrà il momento, ne discuterò con il nuovo commissario tecnico.”

Sergio Parisse ha inoltre specificato che il suo rinnovo al Tolone dovrebbe essere solo questione di limare alcuni piccoli dettagli, ma che anche l’anno prossimo rimarrà un giocatore, senza compiti tecnici: “La mia priorità è giocare la prossima stagione al Tolone. Dobbiamo discutere di alcune cose, ma ci siamo e il club farà l’annuncio ufficiale quando sarà il momento giusto.”

“Non c’è ancora niente di ufficiale, ma ho deciso di fare un’altra stagione da giocatore, senza alcun compito da allenatore.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Italia, Quesada spiega il mancato utilizzo di Mey e Odiase ed elogia Trulla e Zambonin

Nella seconda parte della conferenza stampa il tecnico ha spiegato alcune scelte fatte durante il tour, con alcuni giocatori che non sono stati schier...

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Giacomo Nicotera: “E’ stata una tournée bellissima, abbiamo creato un gruppo unito e coeso”

Le parole del tallonatore azzurro e di altri protagonisti della vittoria di Sapporo

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Le reazioni della stampa estera alla vittoria dell’Italia sul Giappone: “Eddie Jones umiliato dagli Azzurri”

Per RugbyPass "Nipponici sempre distanti dalla ben allenata squadra di Quesada". Secondo la stampa asiatica: "Jones aveva promesso un gioco veloce, in...

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Summer Series: Le pagelle di Giappone-Italia

Partita difensiva strepitosa dei fratelli Cannone, che insieme fanno il 20% dei placcaggi totali degli Azzurri. Capuozzo imprendibile, gran prova di m...

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Quesada: “Non so quante squadre ‘top’ avrebbero accettato di fare questo tour. Noi lo abbiamo fatto bene: bilancio positivo”

Il tecnico è soddisfatto di questo intenso e difficile mese nel Pacifico: "Oggi grande difesa, il Giappone ha attaccato tanto ma non è passato, peccat...

21 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Giappone-Italia: 80 minuti per chiudere col sorriso una stagione indimenticabile

Il 2024 sarà comunque da ricordare per il rugby azzurro, ma una vittoria certificherebbe un nuovo status per la nazionale

20 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale