Sei Nazioni, Inghilterra: replicato un record negativo dopo 45 anni

Torneo difficile da digerire per la squadra di Eddie Jones, che per la prima volta dal 1987 ha avuto una differenza punti negativa e non solo…

Sei Nazioni: l'Inghilterra ha chiuso al quinto posto per la seconda volta negli ultimi quattro anni. PH Sebastiano Pessina

Sei Nazioni: l’Inghilterra ha chiuso al quinto posto per la seconda volta negli ultimi quattro anni. PH Sebastiano Pessina

Momento decisamente difficile per l’Inghilterra e il suo stratega Eddie Jones, che stanno venendo colpiti in maniera dura dalla spietata stampa locale. È stato rispolverato come questo Sei Nazioni abbia “replicato” un primato negativo che dal 1976 non si verificava: l’Inghilterra infatti ha perso contro tutte le altre Home Nations (cioè Scozia, Galles e Irlanda), vincendo le sue due partite contro Francia e Italia.

Da segnalare anche, a livello di record negativi, che per la prima volta dal 1987 l’Inghilterra ha chiuso con una differenza punti negativa, e ha anche preso un numero di penalità che non si vedeva da oltre 30 anni. Nei prossimi giorni è previsto che Eddie Jones si incontri con i vertici della RFU, e insieme dovranno provare a capire il perché di tutte queste difficoltà. Un portavoce della federazione inglese ha espresso comunque fiducia nello staff tecnico, che porterà la squadra a crescere nelle prossime stagioni.

Leggi anche: Sei Nazioni 2021, tutto quello che può succedere in classifica dopo Francia-Scozia di venerdì

Il secondo quinto posto in quattro anni, pur partendo con i favori del pronostico, è stato commentato così da Eddie Jones: “Dobbiamo capire in che direzione stiamo andando. Come ho sempre detto questo è un periodo di transizione della squadra, è naturale che tutto questo accada ora perché siamo a due anni dalla prossima Coppa del Mondo”. Sull’immediato futuro ha aggiunto: “Potrebbero esserci dei cambiamenti dopo l’estate”, sottolineando come secondo lui il problema non sia il fatto che i suoi messaggi non arrivano ai giocatori, anche perché in caso contrario ha ammesso di non poter più sostenere quel ruolo. Per Jones il problema principale è legata alla costanza delle prestazioni, visto che dopo l’ottima partita giocata con la Francia è arrivata la debacle di Dublino. L’allenatore dei “bianchi” comunque spegne subito gli incendi e conferma di essere positivo per i prossimi anni della Nazionale da lui diretta.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: Stade France già esaurito per due delle tre partite in calendario

La Francia infiamma i suoi tifosi che rispondono presente: già venduti quasi tutti i biglietti per le sfide interne del prossimo Sei Nazioni

26 Novembre 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Inghilterra: Owen Farrell, è a rischio il Sei Nazioni 2022?

Il punto sulle condizioni fisiche dell'apertura e capitano dei vicecampioni del mondo

19 Novembre 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: escluso al momento l’ingresso del Sud Africa nel torneo

Al momento sfuma la possibilità di vedere gli Springboks nel massimo torneo dell'Emisfero Nord.

27 Ottobre 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Dal Sudafrica: “Gli Springboks entreranno di sicuro nel Sei Nazioni”

L'amministratore delegato degli Sharks non ha dubbi, e torna a parlare del sistema promozione-retrocessione citando l'Italia

24 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni under 20: la diretta streaming di Galles-Scozia

I padroni di casa possono superare gli Azzurrini, gli scozzesi vogliono evitare di finire a 0. Collegamento alle 20:45

13 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni