Sei Nazioni 2021, Scozia: è l’anno giusto per fare la storia?

Con la vittoria a Twickenham il XV di Townsend è già negli annali. Ora, con tre gare in casa, a nord del Vallo di Adriano si sogna

La Scozia può vincere il Sei Nazioni 2021? – ph. Adrian DENNIS / AFP

Nessuno dei ventitré giocatori in campo con la maglia della Scozia lo scorso sabato era nato nel 1983, l’ultima volta che il XV del Cardo era sceso in Inghilterra e tornato a casa con la vittoria in cascina.

La conquista della Calcutta Cup il 6 febbraio 2021 è un evento sportivo che finirà dunque negli annali. Ma se Stuart Hogg chiedeva ai suoi di “fare la storia” vincendo a Twickenham, perché ora la Scozia non dovrebbe sognare di portare a casa il suo primo Sei Nazioni?

Vincitori nel 1999 dell’ultimo Cinque Nazioni, gli scozzesi non sono mai riusciti a portare il trofeo a nord del Vallo di Adriano, ma con la vittoria in Inghilterra di sabato e un calendario che li vedrà sfidare Irlanda, Galles e Italia fra le mura amiche del Murrayfield, perché non sognare?

È pur vero che di mezzo c’è una gara a Parigi contro la squadra numero uno del Torneo, almeno per il momento e sulla carta.

D’altronde non solo la vittoria in Inghilterra mancava da 38 anni, ma questa è solamente la quarta volta negli ultimi 21 anni che la Scozia inizia il Torneo con una vittoria, e la prima che ciò avviene in trasferta.

“Abbiamo un’opportunità per noi rara al Sei Nazioni: costruire su una vittoria alla prima giornata – ha detto Townsend dopo la vittoria contro gli albionici, indicando però la Francia come squadra al momento favorito per il titolo – La settimana passa veloce e saremo ben preparati per il Galles. Sarà il nostro focus sin da lunedì mattina.”

“Hoggy [Stuart Hogg] lo ha detto ai giocatori già negli spogliatoi: godiamoci il momento, ma abbiamo solo un paio di giorni per tornare con i piedi per terra.”

“Non eravamo i favoriti per vincere una singola partita a Twickenham, figuriamoci per il Torneo. Penso che ora sia la Francia la favorita di tutti.”

Intanto, la questione delle possibilità di vincere il Sei Nazioni è sorprendentemente lontana dai titoli dei principali media sportivi scozzesi, totalmente concentrati sul kneegate. Insomma, sui giocatori delle due squadre che si sono inginocchiati al momento dell’annuncio contro il razzismo che si ascolta all’inizio di ogni partita del Torneo.

La maggior parte dei giocatori inglesi si sono inginocchiati, mentre fra gli scozzesi solo 4 giocatori li hanno imitati: da lì sono scoppiate le polemiche che stanno tenendo banco in questi giorni sulla liceità di inginocchiarsi e su quella di non farlo, tanto che addirittura la prima ministra scozzese Nicola Sturgeon è intervenuta pubblicamente per dire la sua in merito.

Sul tema ha riassunto le varie posizioni il flanker Jamie Ritchie: “È stata un po’ una sorpresa a dire il vero. Nessuno ci ha detto prima della partita ‘vorremmo che ti inginocchiassi’ o ‘vorremmo che non ti inginocchiassi’. È stata una scelta personale.”

“Non penso che chi non lo abbia fatto sia in disaccordo con le ragioni. È giusto al 100% che il rugby riconosca e sostenga il movimento antirazzista, lo condivido completamente. Penso che chi sia rimasto in piedi in silenzio sia in completo supporto del messaggio.”

“Inginocchiarsi o no non è una cosa di cui abbiamo parlato prima della gara, è stata semplicemente una preferenza individuale. Personalmente è la prima volta che sono coinvolto in una partita in cui è accaduto. Non sono stato sorpreso, so che in Premiership alcuni giocatori lo stanno facendo, ma anche in quel caso è tutto a discrezione della persona. Io ho usato quel momento per riflettere sul messaggio, senza inginocchiarmi.”

Il dibattito sulla questione ha nel frattempo allontanato parzialmente dalle questioni di campo, dove uno dei protagonisti è stato senza dubbio Cameron Redpath, l’esordiente cresciuto in Inghilterra, selezionato anche per un ritiro da Eddie Jones, e poi passato a vestire la casacca scozzese a soli 21 anni, proprio a Twickenham.

Se non fosse stato per uno Stuart Hogg formato maxi, forse Redpath avrebbe addirittura meritato il man of the match. 

“Mi sono sentito pronto, credevo questo fosse il momento giusto di entrare nel rugby internazionale – ha raccontato il figlio di Bryan, mediano di mischia scozzese negli anni Novanta ed ex compagno di squadra di Gregor Townsend – Hoggy è stato in contatto con me per un po’, dicendomi che pensava che avrei potuto avere un ruolo molto importante per la squadra. Ha avuto una grande influenza sulla mia decisione di rappresentare la Scozia. Il modo in cui giochiamo è divertente per noi e per il pubblico, e anche questo è stato di grande appeal per me.”

La Scozia dovrà vedersela con il Galles nel prossimo weekend, a Murrayfield. Townsend richiama le truppe all’ordine: “Dobbiamo migliorare da una settimana all’altra. Abbiamo fatto buone cose, ma c’è ancora molto da lavorare: il Sei Nazioni sono cinque partite singole contro squadre fortissime. Sappiamo che il Galles sarà una grande sfida per noi sabato.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Dal Sudafrica: “Gli Springboks entreranno di sicuro nel Sei Nazioni”

L'amministratore delegato degli Sharks non ha dubbi, e torna a parlare del sistema promozione-retrocessione citando l'Italia

24 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni under 20: la diretta streaming di Galles-Scozia

I padroni di casa possono superare gli Azzurrini, gli scozzesi vogliono evitare di finire a 0. Collegamento alle 20:45

13 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni under 20: la diretta streaming di Irlanda-Francia

Le due squadre si giocano il secondo posto nel Torneo. Collegamento alle 17:30

13 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: Italia coraggiosa ma l’Inghilterra passa 27-17

Dopo un primo tempo difficile gli azzurrini tengono duro e poi mettono sotto gli inglesi, che vengono fuori solo nel finale e vincono partita e Sei Na...

13 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Italia Under 20: la formazione per la gara con l’Inghilterra

Andreani guida una formazione che vede in mediana la coppia Garbisi-Ferrarin. Kick off previsto per domani alle ore 14.45

12 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: programma e dirette tv e streaming della quinta giornata

Il torneo si chiude martedì 13 luglio, con alcuni cambiamenti orari rispetto ai primi quattro turni

11 Luglio 2021 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni