Eddie Jones: “La meta di Jonny May? E’ merito del Liverpool di Klopp”

Il commissario tecnico inglese continua a credere nella commistione fra calcio e rugby

Eddie Jones

Eddie Jones: prepara i suoi nel riscaldamento prepartita (Ph. Sebastiano Pessina)

Quella che da tutti è stata già definita come “La meta dell’anno” avrebbe un segreto particolare: l’ispirazione calcistica. Ebbene si, come rivelato da Eddie Jones nella marcia d’avvicinamento al prossimo turno dell’Autumn Nations Cup – che sabato vedrà l’Inghilterra far visita al Galles, nella terza e decisiva giornata del Girone A – la marcatura messa a segno da Jonny May contro l’Irlanda deriverebbe da alcune cose apprese studiando il Liverpool di Jurgen Klopp.

Guarda anche: Il video della sensazionale meta di May contro l’Irlanda

Un po’ di tempo fa infatti Eddie Jones ha avuto il piacere di incontrare Ian Graham, il direttore dello sviluppo e della ricerca dei big data dei campioni calcistici d’Inghilterra, con il quale si sarebbe confrontato su varie aree del gioco fra cui quella relativa ai movimenti transizionali dei giocatori senza palla e da ciò ne sarebbe scaturita una domanda “centrale” nel tentativo di evoluzione che il tecnico sta cercando di fare coi suoi giocatori: quando non avete l’ovale in mano come vi muovete per riceverlo o andare a conquistarlo?

“Io – spiega Eddie Jones – sono quello che coordina il lavoro, ma tutti i membri dello staff stanno lavorando in questa direzione. Abbiamo creato e stiamo creando situazioni che aiutino i giocatori a capire in che direzioni muoversi. L’incontro con Ian è stato proficuo: ora anche noi stiamo lavorando su un nostro database che ci permetta di capire come si muovono in campo i giocatori che lavorano senza palla. Lavorare sulla parte di transizione, di ribaltamento dell’azione, quando conquistiamo la palla è una cosa che ci entusiasma, perchè riteniamo che sia un’area importantissima del gioco e vedere tutto quello che è stato fatto nell’azione della meta di Jonny May (fa riferimento alla trasmissione dell’ovale all’esterno, prima della corsa del trequarti) è stato per noi piacevole”.

Autumn Nations Cup: il calendario completo del torneo

“Riteniamo che il Liverpool sia la miglior squadra nell’analizzare e fare questo. Quello che vogliamo è che i nostri giocatori sviluppino queste doti, perchè gli consentirà di essere sempre più forti e preparati. Con il lavoro dei nostri tre ottimi analyst dobbiamo capire come Mako Vunipola, ad esempio, possa muoversi nella maniera corretta per i 79 minuti e 45 secondi nei quali non ha la palla in mano, rispetto a quei 15 secondi quando invece è chiamato a portare avanti la palla”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Un altro All Black giocherà per Tonga dalla prossima estate (e potrebbe sfidare l’Italia)

La nazionale tongana potrebbe ritrovarsi questa estate con una coppia di centri fortissima, e in estate sull'isola arriveranno anche gli Azzurri

item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

All Blacks: Scott Robertson dovrà rinunciare al suo astro nascente in mediana

Il talentuoso Cameron Roigard era il maggior indiziato per la numero 9, ma è incappato in un brutto infortunio

item-thumbnail

L’Australia di Schmidt costruisce il suo staff pescando in Nuova Zelanda

Non solo Laurie Fisher al fianco del nuovo tecnico dei Wallabies: ci sarà anche Mike Cron, leggendario tecnico della mischia ordinata degli All Blacks...