Italia, la parola a Johan Meyer: “Siamo in crescita. Dobbiamo lavorare su abitudine e concentrazione”

L’avanti azzurro ha fotografato il match con la Scozia parlando poi del suo ruolo e del match contro le Fiji

Italia Johan Meyer

Italia, Johan Meyer in azione nel match contro la Scozia (Ph. Sebastiano Pessina)

La partita con la Scozia è stata messa definitivamente alle spalle, quella con le Fiji invece nel mirino di un’Italia che, dopo aver raccolto i complimenti sulla scena internazionale, vuole tornare al successo.

A fare il punto della situazione in casa Azzurri ci ha pensato quest’oggi Johan Meyer, il terza linea delle Zebre che è intervenuto nel primo pomeriggio in un appuntamento virtuale con la stampa.

“Devo crescere – ha esordito l’avanti – ma sabato mi sono sentito e ho visto bene la squadra. In allenamento stiamo lavorando sulla mischia e, in particolare, sulla maul: cercheremo di avere un’evoluzione che ci porti ad essere ancor più pericolosi. La mischia è andata molto molto meglio rispetto alle ultime uscite: c’è un mix fra giovani ed esperti che sta funzionando e questo ci ha portato positività e convinzione”.

“Nella prima ora di gioco – ha proseguito il giocatore dell’Italia Johan Meyer – abbiamo giocato bene calando poi però negli ultimi venti minuti, ma penso che più che un problema fisico sia stato un problema mentale: di concentrazione e di abitudine. Dopo tanto tempo ci siamo trovati a essere in vantaggio nell’ultimo quarto e li avremmo dovuto cercare di stare più nella loro metà campo, ma questo ci servirà per il futuro”.

Leggi anche, Italia, Goosen fra Scozia e Fiji: “Crescita innegabile, ora ridurre al minimo gli errori sabato prossimo”

“Il mio ruolo? Io preferisco giocare come terza linea, ma fare anche la seconda non mi crea problema. So che Jake Polledri sarà fuori e che questo potrebbe aprire una possibilità in quel reparto, ma il mio obiettivo ora come ora è quello di farmi trovare pronto, di portare energia e freschezza alla squadra. La dimensione di impact player mi piace”.

“Stiamo preparando la partita contro le Fiji, sappiamo che il nostro set-piece potrebbe metterli in difficoltà: noi ci stiamo allenando come se la partita fosse regolarmente in programma sabato. Dobbiamo pensare a quello”.

Infine una chiusura sulle sue origini sudafricane e sullo stile di gioco di Franco Smith e Michael Bradley, suo allenatore alle Zebre: “Il dna di Smith e di Bradley sono diversi. In nazionale abbiamo un gameplan più diretto, che rispecchia ovviamente le caratteristiche di Smith, mentre alle Zebre il gioco è più orientato su altre peculiarità. Il punto in comune sul quale voglio lavorare è quello dell’intensità, dell’energia: voglio avere lo stesso spirito sia in azzurro sia con le Zebre a cominciare dagli allenamenti”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

I convocati dell’Italia per il tour estivo contro Samoa, Tonga e Giappone

Quesada taglia 6 giocatori, conferma 4 esordienti e inserisce un 34esimo uomo tra gli invitati

13 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: chi andrà al tour estivo? Il borsino dei pre-convocati

Il c.t. Quesada dovrà tagliare 6 giocatori prima della partenza per il Pacifico: ecco la situazione ruolo per ruolo

9 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, una lista che guarda avanti. Ma il futuro può essere adesso

Qualcuna delle facce nuove della lista allargata della nazionale potrebbe avere subito un'opportunità

8 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Chi è Loris Zarantonello, il nuovo tallonatore dell’Italia

Gonzalo Quesada ha convocato un nuovo numero 2, proveniente dalla Francia ma di origini italiane: gioca nel Castres, il suo idolo è Camille Chat ma di...

7 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, otto esordienti in lista: l’identikit dei nuovi Azzurri

Chi sono gli uncapped inclusi da Gonzalo Quesada nella prima lista di nomi in vista del tour estivo

7 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: 39 pre-convocati per preparare i test match estivi

Diverse novità in un gruppo che dovrà essere ristretto a 33 unità e sul quale gravano gli impegni dei club

7 Giugno 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale