Barbarians: la cancellazione del match contro l’Inghilterra costa cara a 13 giocatori

Pesanti i capi d’imputazione e le possibili sanzioni per chi ha infranto la bolla della prestigiosa selezione ovale

Barbarians_Chris Robshaw_Inghilterra

Chris Robshaw è uno dei trasgressori della bolla di Barbarians-Inghilterra (ph. Sebastiano Pessina)

Il “capo d’imputazione principale” è quello della violazione del protocollo sanitario, che ha portato alla conseguente cancellazione del match che sarebbe dovuto andare in scena domenica scorsa a Twickenham fra l’Inghilterra e i Barbarians.

Una delle selezioni più antiche e prestigiose di tutta ovalia è stata disonorata e la Federazione Inglese, ente deputato all’organizzazione dell’incontro, non vuole farla passare liscia – sotto tutti i punti di vista – ai 13 trasgressori.

La situazione
La RFU ha chiesto l’apertura di un’udienza disciplinare nella quale venga fatta presente la condotta lesiva degli atleti. Di sette si conoscono i nomi, per informazioni giornalistiche diffuse dai media d’oltremanica, mentre degli altri sei al momento restano sconosciute le identità.

Una cosa è certa: tutti e 13 dovranno rispondere singolarmente di “violazione di protocollo sanitario”, (nel dettaglio

“uscita non autorizzata dal luogo del domicilio” e “mancata informazione agli organizzatori”) e “falsa testimonianza durante un’indagine”.

Chi sono i giocatori noti
Al momento i nomi dei giocatori già identificati, che avrebbero dovuto vestire la maglia bianconera dei Barbarians, sono 7: Chris Robshaw, Richard Wigglesworth, Sean Maitland, Jackson Wray, Joel Kpoku, Fergus McFadden e Manu Vunipola.

La RFU ha fatto sapere che non appena sarà conclusa la vicenda e i rugbysti riceveranno il loro verdetto, verranno resi noti i nomi di tutti i coinvolti.

Cosa rischiano
Le sanzioni possibili, vista anche la gravità delle cose a cui dovranno rispondere, vanno da pesanti sanzioni pecuniarie a sospensioni e squalifiche in merito all’attività ovale presente e futura dei coinvolti.

Quando inizieranno le udienze
A causa dell’alto numero di persone chiamate in causa e viste anche le misure restrittive attualmente in atto, le udienze dovrebbero iniziare la prossima settimana scaglionandosi poi nell’arco del prossimo mese. A metà di dicembre, più o meno, dovrebbero quindi essere resi noti i nomi di tutti i protagonisti e le sanzioni comminate.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

All Blacks: Scott Robertson dovrà rinunciare al suo astro nascente in mediana

Il talentuoso Cameron Roigard era il maggior indiziato per la numero 9, ma è incappato in un brutto infortunio

item-thumbnail

L’Australia di Schmidt costruisce il suo staff pescando in Nuova Zelanda

Non solo Laurie Fisher al fianco del nuovo tecnico dei Wallabies: ci sarà anche Mike Cron, leggendario tecnico della mischia ordinata degli All Blacks...

item-thumbnail

Un bi-campione del mondo lascia il rugby a fine stagione

Sam Whitelock si ritirerà alla fine della stagione a 36 anni