Benetton Rugby: si punta su Thomas Gallo, pilone sinistro protagonista al Mondiale Under 20

Non solo Nemer per lo slot di numero 1, falcidiato dagli infortuni

Thomas Gallo

Thomas Gallo ph. Leo Galletto World Rugby

Nelle ultime settimane, la sfortuna si è accanita sulla prima linea del Benetton Rugby, in particolare, restringendo il campo, sui piloni sinistri del club biancoverde.

Nel giro di pochi giorni, infatti, i Leoni hanno perso per infortuni non banali Federico Zani (lesione del crociato), Matteo Drudi (rottura del crociato) e Derrick Appiah (rottura del tendine del gran pettorale sinistro).

Leggi anche: Italia femminile in campo a dicembre per ottenere la RWC

Con un reparto improvvisamente più che dimezzato, il direttore sportivo Antonio Pavanello ha reagito immediatamente alla situazione contingente, scandagliando il mercato alla caccia di profili che potessero cesellare la rosa velocemente, in un ruolo così delicato. La prima mossa – in attesa dell’ufficialità – è stata quella di “promuovere” Ivan Nemer, italo-argentino di stanza a Casale nella parte finale della scorsa stagione, che ormai da qualche mese si allena alla Ghirada.

Il lavoro dell’ex seconda linea azzurra, però, non poteva fermarsi ad un singolo innesto. Così, Pavanello avrebbe schiacciato il piede sull’acceleratore per provare portare a Treviso un giocatore da tempo nei suoi radar, su cui, però, probabilmente sarebbe andato con vigore solo nel prossimo futuro. Nonostante si stiano vagliando diversi atleti, infatti, in pole position ci sarebbe l’italo-argentino Thomas Gallo, pilone sinistro tascabile, esplosivo e mobile – classe ’99 -, dell’Universitario Tucuman, salito alla ribalta delle cronache ovali nel corso dello scorso Mondiale Under 20 (dove prese parte a tutte le partite dei Pumitas, a 3 da titolare con 2 mete), marcando una delle mete più belle ed incredibili della storia del torneo, correndo 90 metri palla in mano.

La sfortunata contingenza legata agli infortunati, inattesa fino ad un paio di settimane fa, ed al contempo il momento complesso in seno alla UAR, la federazione argentina, alle prese con la crisi post-covid, avrebbero aperto la strada, verso un’intrigante occasione, al team veneto, che rimpolperebbe così il reparto dei piloni sinistri con un elemento interessante, sicuramente per i leoni, senza dimenticarne il passaporto italiano, eventualmente in ottica internazionale.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Amerino Zatta: “La vicenda Luciano Benetton non riguarda la sfera sportiva”

Il presidente dei Leoni ha rassicurato tutti gli appassionati che la vicenda aziendale non avrà impatti sulla Benetton Rugby

item-thumbnail

Benetton Rugby, Nacho Brex verso la sfida con Edimburgo: “Il nostro pubblico ci dà la spinta in più”

Il trequarti centro dei biancoverdi riconosce il contributo di Monigo nei successi stagionali e auspica una grande atmosfera per conquistare l'accesso...

item-thumbnail

Benetton: ufficiale, Marco Manfredi è biancoverde

Il tallonatore è uno dei nomi nuovi per il pack dei Leoni della prossima stagione

item-thumbnail

Benetton, Marco Zanon: “Torniamo dal Sudafrica con in tasca qualcosa di importante”

Il centro della franchigia biancoverde fa il bilancio della tournée e della gara di sabato con i Bulls

item-thumbnail

Benetton, la situazione a una giornata dalla fine: il punto coi Bulls può essere decisivo?

Le 5 mete di Pretoria permettono ai biancoverdi di restare in zona playoff e di essere padroni del proprio destino

item-thumbnail

URC: Benetton sbriciolato dai Bulls, ma c’è il bonus che serviva

Partita mai in discussione che finisce 56-35, ma le cinque mete dei biancoverdi sono preziosissime per la classifica