Sei Nazioni-CVC: la trattativa rallenta

Il board del torneo e il fondo d’investimento non chiuderanno a breve l’accordo

Sei Nazioni

Sei Nazioni: il trofeo esposto al Principality Stadium Ph. Sebastiano Pessina

Sei Nazioni-CVC: la trattativa, annunciata lo scorso luglio dalle parole del vicepresidente di World Rugby Bernard Laporte, rallenta o – per meglio dire – si prende un attimo di pausa.

Come comunicato da una nota della FFR, il board del Sei Nazioni e il fondo d’investimento (che detiene già delle quote significative nella Premiership Inglese e nel Pro14) avranno bisogno di qualche momento in più per finalizzare l’accordo economico, a causa della successione degli eventi verificatasi in questi mesi, che hanno molto colpito tutti i settori, in particolare quello dello sport.

Leggi anche, Cosa aspettarsi dal fondo CVC nel rugby?

Al momento, riporta Rugbyrama, non sembra però essere in discussione la cifra pattuita: circa 75 milioni di euro in 5 anni (per la sola Francia in questo caso), con una percentuale totale del 14,5% del valore del Sei Nazioni stesso, anche se per concludere il tutto è necessario ricordare che servirà l’avallo di tutte e sei le Federazioni chiamate in causa.

Ricordiamo infine, che dopo la sospensione del mese di marzo, il torneo – sia al maschile sia al femminile – ripartirà il 24 ottobre con la sfida fra Irlanda e Italia e si concluderà il 31 ottobre, quando vi saranno di scena i match Italia-Inghilterra, Francia-Irlanda e Galles-Scozia, partite decisive per l’assegnazione del torneo 2020; in un calendario internazionale che proseguirà da novembre in poi con altre partite internazionali che andranno a includere, per quanto riguarda l’Emisfero Nord, sia la nazionale giapponese sia quella fijiana in una competizione che dovrebbe assumere il nome di Super 8.

A questo punto è lecito attendersi che l’accordo definitivo possa essere siglato per il mese d’ottobre quando, tutti si augurano, il rugby possa rilanciarsi.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telgram.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I giocatori dell’Inghilterra hanno accettato una riduzione salariale del 25%

Analogo taglio accettato dal coach Eddie Jones lo scorso marzo

12 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Leonardo Ghiraldini

Il tallonatore azzurro snocciola la sua formazione più forte nei 20 anni del Torneo. Due azzurri in campo, tanta Irlanda e una spruzzata di talento in...

8 Settembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

8 Nazioni: Georgia in pole position per sostituire il Giappone

I caucasici sono pronti, in caso di rinuncia dei nipponici, a fare il loro ingresso nel torneo

29 Agosto 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni