Cosa aspettarsi dal fondo CVC nel rugby?

Ne ha parlato, su Rugby World Magazine, Nick Clarry, CEO della divisione sportiva del fondo

CVC - Scarlets

CVC – Scarlets

Fino a pochi anni fa, molto probabilmente, in pochi tra gli appassionati ovali – non addetti di finanza – avrebbero riconosciuto istantaneamente l’acronimo CVC, con il private equity che sarebbe passato inosservato. Negli ultimi tempi, però, ha CVC ha fatto irruzione nel mondo dello sport, entrando prepotentemente nel business della formula 1, e recentemente investendo anche nel rugby, acquisendo quote della Premiership (27%) e del Pro14 (27 %), con l’ingresso nell’azionariato del Sei Nazioni (per una quota attorno al 15%) che appare solo questione di tempo.

Ma come intende operare, facendo business, nel mondo ovale, il fondo? Ne ha parlato in una lunga intervista a Rugby World Magazine Nick Clarry – inserito nelle 10 personalità più influenti di Ovalia -, CEO della divisione sportiva del fondo di equity, sottolineando innanzitutto l’unicità del nostro sport. “Il rugby è uno sport con un’identità forte, in grado di offrire un incredibile spettacolo sportivo in campo”, ha spiegato il dirigente di CVC, indicando poi altri aspetti su cui lui ed il suo gruppo operativo vedono margini di crescita.

“Esiste anche un potenziale di crescita significativa nel settore femminile e nei ‘nuovi mercati’ che oggi sono ancora di secondo livello, come quello gli Stati Uniti. Le entrate commerciali attuali del rugby non ne riflettono il reale successo sportivo. In quanto sport professionistico relativamente giovane (1995), esiste un potenziale commerciale molto maggiore, ed è proprio qui che CVC può aiutare”, ha dettagliato Clarry.

Modalità operative

“Abbiamo la responsabilità di guidare il successo della parte commerciale di Premiership e Pro14, di cui siamo un partner di minoranza con il 27%, ma con nessun coinvolgimento per quanto concerne decisioni sportive e normative. Il nostro obiettivo è quello di utilizzare le nostre competenze aziendali per aiutare il rugby a migliorare i suoi ricavi commerciali – per raggiungere il suo pieno potenziale – e fornire più soldi per reinvestire nello sport. In caso di successo, il principale beneficiario sarà il rugby”, ha concluso il dirigente di CVC, che ha anche sottolineato come sarà decisiva la collaborazioni delle varie parti coinvolte nello sport, dalle nazionali ai club, dalle tier 1 alle tier 2, passando per il comparto femminile. Insomma, dovranno tutti remare nella stessa direzione.

mpre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

La lista degli italiani all’estero per la stagione 2022/2023

Tutti i giocatori impiegati nei principali campionati esteri nella prossima annata

10 Agosto 2022 Emisfero Nord
item-thumbnail

Eddie Jones se la prende con le scuole: “Formano ragazzi deboli caratterialmente”

Il c.t. della Nazionale inglese è intervenuto sul tema della formazione dei giovani, a suo dire poco efficiente

8 Agosto 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Nuovo contratto e ritorno in campo per Jake Polledri

Sembra davvero essere finito l'incubo del terza linea azzurro, pronto a rientrare dopo quasi due anni di stop

28 Luglio 2022 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Il governo francese sta pensando di vietare gli eventi sportivi in notturna

Il motivo sarebbe legato alla necessità di risparmiare più energia in inverno, e potrebbe essere un grosso cambiamento per il Top 14

27 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Sergio Parisse tra i “nonni” del Top 14 2022/2023

L'italiano sarà uno dei giocatori più anziani del prossimo campionato francese

27 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14