“Non canterò più Swing Low, Sweet Chariot “, lo dice il CEO della Federazione Inglese

In Inghilterra continua a far discutere il canto dei tifosi della Nazionale della Rosa

ph. Sebastiano Pessina

Nell’Inghilterra ovale, ma non solo, ormai l’hanno presa tutti o quasi come una questione di petto. L’argomento del contendere è la famosa canzone dei tifosi della nazionale (utilizzata dal 1987, ndr) “Swing Low, Sweet Chariot”, in questo momento agli onori delle cronache per il suo testo a sfondo schiavista e di conseguenza anche razzista.

A prendere la parola è stato il CEO della Federazione Inglese Bill Sweeney, che ha dichiarato: “Non canterò più Swing Low, Sweet Chariot, la cantavo in passato ma ora non lo farò più. Se ci fosse stato qualcuno che di fianco a me l’avesse cantata, non l’avrei guardato pensando che fosse razzista”.

Poi aggiusta il tiro: “Non penso che questo sia il problema: in questo momento servono buon senso e responsabilità”.

Infine Sweeney ha poi ammesso che sarebbe difficile vietare la canzone a 82.000 persone che la cantano, ma che si potrebbe insegnare ai tifosi la sua provenienza: “La strada da percorrere è quella dell’educazione e della consapevolezza”.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news. Dai uno sguardo anche alla nostra pagina Instagram, sempre ricca di spunti

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rassie Erasmus: “Pur di giocare contro i Lions siamo disposti a qualsiasi cosa”

Il responsabile tecnico degli Springboks esprime il suo punto di vista sulla vicenda

18 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

British & Irish Lions: petizione popolare, con richiesta di rinvio del tour al 2022

I tifosi si schierano dalla parte della storia itinerante della selezione, senza dimenticare l'indotto turistico sudafricano

13 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Joel Stransky: “Cancellare il tour dei Lions sarebbe un disastro”

Lo storico numero 10 degli Springboks vede un futuro nero per l'atteso scontro tra Sudafrica e Lions

item-thumbnail

British & Irish Lions: e se il Tour del 2021 contro il Sudafrica si disputasse “in casa”?

La clamorosa ipotesi è al vaglio: da valutare ci sono incastri economici, logistici, sanitari, finanziari e tecnici

item-thumbnail

Gareth Anscombe è tornato ad allenarsi dopo 17 mesi d’assenza

Il trequarti gallese sembra vedere la luce infondo a un tunnel fatto di buio e di infortuni

item-thumbnail

Tour dei Lions a rischio rinvio? Si decide entro febbraio

Tante implicazioni in vista dello scontro coi Campioni del Mondo. Ecco il nuovo possibile calendario se i Lions non giocassero quest'estate