Test Match 2020: Principality Stadium e Twickenham utilizzabili con un pubblico ridotto?

L’ipotesi comincia a rimbalzare dal Regno Unito che guarda all’autunno con ottimismo

italia nel sei nazioni

Galles-Italia, Sei Nazioni 2020. Una panoramica del Principality Stadium – ph. S. Pessina

E se dopo la ripartenza si potesse provare anche a far tornare il pubblico allo stadio? Nel Regno Unito dopo un periodo lungo e difficile sta tornando l’ottimismo a tutti i livelli e anche il rugby sembra godere di un po’ più di pace e normalità, tanto che qualcuno sta già pensando a un nuovo futuro.

Inutile nasconderlo, le casse delle Unions sono in difficoltà: fra ultimo turno del Sei Nazioni, campionati nazionali o continentali non conclusi, coppe europee e Test Match di giugno, il bilancio è in deficit e tutte le forze ora si stanno concentrando sulla ripresa mettendo nel mirino la finestra dei Test Match autunnali di solito identificata nel mese di novembre.

World Rugby, il Board del Sei Nazioni e quello di SANZAAR sono al lavoro per la nuova rimodulazione del calendario con la speranza di far disputare la sessione di partite autunnali già in questo 2020.

Dalla WRU gallese e dalla RFU inglese filtrano, come riporta il Walesonline, però delle nuove indiscrezioni: ospitare le partite fra il Principality Stadium e Twickenham con la presenza del pubblico, seppur con una capienza ridotta.

A Cardiff, dove il mitico impianto è stato utilizzato anche per scopi emergenziali, si pensa a una capacità di 35.000 posti (a tetto scoperto) mentre a Londra ci si potrebbe spingere sino a 40.000 unità il tutto sfruttando le regole sul distanziamento che dovrebbero abbassarsi da due metri a un metro di distanza nei Paesi d’Oltremanica.

Vedremo cosa riserverà il futuro, intanto una prima idea e speranza è già stata lanciata.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Un altro All Black giocherà per Tonga dalla prossima estate (e potrebbe sfidare l’Italia)

La nazionale tongana potrebbe ritrovarsi questa estate con una coppia di centri fortissima, e in estate sull'isola arriveranno anche gli Azzurri

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra