Sergio Parisse è stato inserito nel XV ideale dell’epoca Pro da Planet Rugby

I voti dei lettori hanno permesso al numero 8 azzurro di avere la meglio su elementi del calibro di Read, Vermeulen e Dallaglio

italia parisse nazionale sei nazioni

ph. Sebastiano Pessina

Sergio Parisse è stato inserito nel XV ideale dell’era professionistica (sono stati presi in considerazione solamente giocatori che hanno disputato almeno metà della loro carriera dopo il 1995) dal noto portale ovale Planet Rugby.

Decisiva la votazione dei lettori – che lo hanno preferito ad altri tre mostri sacri (peraltro tutti Campioni del Mondo) a numero 8 come l’inglese Lawrence Dallaglio, l’All Black Kieran Read e Duane Vermeulen -, dopo che in settimana era stato inserito dagli autori tra i 4 candidati al ruolo.

Leggi anche: Il miglior XV del decennio 2010-2019

“Sergio Parisse è probabilmente il giocatore più dotato ad aver giocato con un pallone da rugby negli ultimi 25 anni. Un atleta incredibilmente talentuoso, a tal punto che uno dei suoi allenatori internazionali una volta osservò: ‘Sergio avrebbe potuto davvero giocare in qualsiasi posizione, da 4 a 15, a livello internazionale”, si dettaglia, su Planet Rugby, nella motivazione che ha portato l’azzurro nel novero dei candidati.

Parisse, schierato ovviamente in terza linea, completa un reparto stratosferico, vicino a l neozelandese Richie McCaw, uno dei giocatori più famosi ed efficaci degli ultimi lustri, e all’inglese Richard Hill. In termini di presenze complessive nel team, la Nuova Zelanda la fa – come prevedibile – da padrone, con 6 elementi, davanti ad Inghilterra e Sudafrica con 3 atleti in “campo” a testa, Irlanda (2) ed Italia (1).

Il XV ideale dell’epoca Pro selezionato dai lettori di Planet Rugby (clicca qui per le motivazioni al team)

15 Christian Cullen (Nuova Zelanda)
14 Jason Robinson (Inghilterra)
13 Brian O’Driscoll (Irlanda)
12 Ma’a Nonu (Nuova Zelanda)
11 Jonah Lomu (Nuova Zelanda)
10 Dan Carter (Nuova Zelanda)
9 Joost van der Westhuizen (Sudafrica)

1 Os du Randt (Sudafrica)
2 Keith Wood (Irlanda)
3 Carl Hayman (Nuova Zelanda)
4 Martin Johnson (Inghilterra)
5 Victor Matfield (Sudafrica)
6 Richard Hill (Inghilterra)
7 Richie McCaw (Nuova Zelanda)
8 Sergio Parisse (Italia)

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Le (non) novità relative al torneo di qualificazione mondiale

Si stagliano all'orizzonte alcuni periodi temporali utili, ma sembra vigere ancora l'incertezza su diversi aspetti

14 Giugno 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Marzio Innocenti spiega il processo di revisione dell’alto livello

Il presidente federale spiega quali sono le modalità e gli obbiettivi emersi dall'incontro con gli staff di tutte le squadre nazionali, delle franchig...

13 Giugno 2021 Foto e video
item-thumbnail

Fir: via alla revisione dell’alto livello

La riunione di Verona apre nuovi scenari sul futuro del rugby italiano, dal lavoro sulla competitività allo sviluppo dei rapporti tra nazionali, franc...

13 Giugno 2021 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Elite 1: Gioia e finale per Romagnat, niente da fare per Tolosa

La squadra di Clermont conquista la finale di Elite 1, non passa invece il Tolosa. Domenica sarà Romagnat-Blagnac

13 Giugno 2021 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia 7s, Torneo di Rovigo: Due vittorie e una sconfitta per la selezione italiana

Buono l'esordio della squadra di Andy Vilk, che oggi affronterà le ultime due partite del girone

13 Giugno 2021 Rugby Azzurro / Rugby Seven