Mauro Bergamasco: i 5 Mondiali e quella meta a Murrayfield

Compie oggi 41 anni la leggendaria terza linea degli azzurri che ha segnato un’epoca

Mauro Bergamasco

Mauro Bergamasco- ph. Sebastiano Pessina

Se devi andare a “fare la guerra”, sportivamente parlando, uno come Mauro Bergamasco lo vuoi sempre al tuo fianco. Prima di cominciare una partita che tu sia stato il suo allenatore, un suo compagno o sia fra gli spalti a tifare puoi star sicuro che lui darà tutto senza riserve, in maniera leale.

Una terza linea con “la vita da mediano”, per dirla alla Ligabue: “Sempre lì, lì nel mezzo, che finché ce ne hai stai lì, stai lì”. E Mauro ne aveva di forza, di grinta, di impegno.

Quei 106 caps con la maglia della nazionale – dal 1998 al 2015 – andrebbero raccontati uno a uno, intrisi di sudore e di voglia di andare sempre oltre il limite per provare a portare l’Italia nel salotto buono del rugby internazionale. Una continua battaglia per la causa fatta di Sei Nazioni, Test Match e Mondiali.

Già, proprio quelle avventure iridate che l’hanno fatto diventare insieme al samoano Brian Lima, venendo poi raggiunto nel 2019 da Sergio Parisse, uno dei pochi rugbysti a disputare cinque Rugby World Cup nell’arco di una carriera.

Un percorso straordinario a livello internazionale, sviluppatosi parallelamente all’attività di club: dal Petrarca Padova alle Zebre, passando per Benetton Rugby, Aironi e soprattutto Stade Francais. Con il club transalpino, dal 2003 al 2011, Mauro cresce sotto tutti i punti di vista incastonando nella sua bacheca dei trofei anche gli scudetti vinti nel 2004 e nel 2007, che fanno eco a quelli ottenuti a Treviso nel 2001 e nel 2003.

Rivedere quello che è stato capace di fare non può che regalare emozioni, come quella volta che a Murrayfield – nel corso del Sei Nazioni 2007 –  diede il via con una meta d’intercetto, dopo pochi secondi dall’inizio della gara contro la Scozia, alla vittoria più bella e larga dell’Italia nella storia del torneo: un 17-37 in trasferta che ancora resta nella memoria degli appassionati.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia: Kieran Crowley lascerà dopo la Rugby World Cup 2023

Importanti novità in casa della Nazionale dopo la prossima edizione del torneo iridato. Si valutano diverse figure per la successione del neozelandese...

20 Maggio 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

ProD2: Gori e Campagnaro in campo nel barrage tra Colomiers e Oyonnax

Venerdì scontro ad eliminazione diretta che si rinnova dopo un anno esatto, ma la squadra dei due ex Azzurri può sorprendere

19 Maggio 2022 Emisfero Nord
item-thumbnail

Il Servette, la squadra svizzera dei record: 8 promozioni in 8 anni

La straordinaria storia del club di Ginevra rinato nel 2014 e che da allora ha solo vinto

19 Maggio 2022 Terzo tempo
item-thumbnail

Coppe europee: le finali 2023 a Dublino

Champions e Challenge Cup giocheranno i rispettivi atti conclusivi all'Aviva Stadium

19 Maggio 2022 Coppe Europee
item-thumbnail

URC, Benetton: Braley ed Herbst salutano da titolari contro Cardiff

Marco Bortolami ha scelto l'ultimo 23 della stagione 2021/22 del Benetton che cerca il sorpasso in classifica su Cardiff

item-thumbnail

Italia Emergenti: i convocati verso la sfida di Rovigo contro i Paesi Bassi

Ventinove i giocatori chiamati dallo staff tecnico azzurro per il test match del prossimo 11 giugno