Bigi: “Siamo alla ricerca di una decisione condivisa sugli stipendi”

Il capitano azzurro sottolinea i temi caldi del momento: il possibile proseguimento della stagione professionistica e la questione compensi dei giocatori

Ph. Sebastiano Pessina

Luca Bigi non avrebbe voluto incominciare così la propria era da capitano della nazionale italiana. Dopo sole tre partite del Sei Nazioni 2020, infatti, gli Azzurri sono stati costretti a fermarsi, prima bloccati nella loro trasferta in Irlanda e poi fermati prima di Italia-Inghilterra a Roma, ultima giornata del Torneo che nessuna squadra ha potuto disputare.

“Quando abbiamo giocato con la Scozia non c’era ancora la percezione di quello che stava per succedere in Italia” ha raccontato il capitano azzurro in un’intervista a Il Mattino.

“Eravamo a conoscenza dei pericoli potenziali. Lo staff medico ci aveva già invitato ad utilizzare una serie di precauzioni sanitarie maggiori.”

Il prossimo futuro è un punto di domanda sia per le Zebre, la franchigia dove milita Bigi, che per la nazionale: “Difficile dire che succederà. Delle decisioni dovranno essere prese rapidamente. Nel rugby è arrivato lo stop per il campionato domestico, ma non ancora per il Pro14 e neppure per i test internazionali di luglio. Ci sono anche le partite del Sei Nazioni che sono state posticipate e che non sappiamo se verranno giocate oppure no.”

Il problema, spiega il tallonatore emiliano, non è solo quando si potrà ricominciare, ma anche come. Da una parte le società stanno attraversando un periodo di grande difficoltà con la chiusura della stagione e, in tanti casi, l’interruzione delle sponsorizzazioni. Un problema che colpisce soprattutto lo sport di base, quello amatoriale, le fondamenta del movimento. Dall’altra ci sono i giocatori, soprattutto a livello professionistico, che devono affrontare uno stop senza precedenti.

“Un mese di inattività professionale è tanto. Un conto è allenarsi, un altro giocare. Bisogna ritrovare automatismi che si sono perduti, lavorare sull’intensità.”

Insomma, non è che di punto in bianco ci si può aspettare che Bigi e compagni tornino in campo senza un adeguato periodo di preparazione. Bigi, inoltre, ha affrontato anche la questione della riduzione stipendi, una misura già adottata in molti contesti, in altri paesi o in altri sport.

“E’ una questione che stiamo affrontando. Lo stiamo facendo a livello di federazione e di associazione giocatori. Siamo alla ricerca di una soluzione condivisa da tutti. Dipende molto dal fatto che la stagione si chiuda qui oppure no.”

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia: Monty Ioane potrà scendere in campo contro il Galles

L'ala del Benetton Rugby è diventata eleggibile per la selezione azzurra

1 Dicembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Cannone: “Abbiamo davvero bisogno di una vittoria”

Il seconda linea è convinto che non sia una questione fisica il calo degli Azzurri intorno all'ora di gioco

1 Dicembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Il borsino azzurro dopo Francia-Italia

Chi sale, chi resta stabile e chi scende dopo il terzo turno dell'Italia in Autumn Nations Cup

1 Dicembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Franco Smith: “La Francia ha eseguito meglio di noi. La nostra velocità d’uscita della palla non è adeguata”

Il capo allenatore azzurro ha commentato la sconfitta di Parigi in conferenza stampa

29 Novembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Autumn Nations Cup: 5 motivi per seguire Francia-Italia

Kick-off alle 21.10, allo Stade de France. Diretta TV su Canale 20: tanti temi d'interesse per una sfida da non fallire

28 Novembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La formazione dell’Italia del rugby, contro la Francia – Autumn Nations Cup

Franco Smith rilancia Sperandio e Mbandà dal 1'. Doppio possibile debutto dalla panchina

26 Novembre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale