Il Rugby che si ferma – in aggiornamento

Tutto ciò che è stato sospeso, ora per ora

Palla Sei Nazioni italia

ph. Sebastiano Pessina

L’emergenza sanitaria – sempre più in diffusa in tutti i continenti -, legata alla diffusione dell’ormai famigerato Coronavirus, ha impattato in modo piuttosto forte su tutto lo sport planetario (con numerosi eventi sospesi, rimandati o disputati a porte chiuse), ed il rugby, ovviamente, non è stato risparmiato.

Diamo uno sguardo, allora, a tutte le attività sospese (e, laddove possibile saperlo, per quanto) in giro per Ovalia.

Leggi anche: Zebre, Nagle e Kearney: il racconto del rientro in Irlanda nelle settimane del Coronavirus

Guinness Pro14
La stagione 2019/2020 del ‘fu torneo celtico’ è stata sospesa a tempo indefinito. Non esiste, ad oggi, una data indicativa per la possibile ripresa del torneo, dopo che, nelle ultime settimane, il calendario della competizione era già stato modificato forzatamente per via dello spostamento delle partite delle franchigie italiane nelle giornate 13,14 e 15.

Campionati italiani: dal Top12 alla Serie C2
Tutte le attività agonistiche, su territorio nazionale italiano, sono state sospese – come da indicazioni dell’ultimo DPCM – fino (almeno) al prossimo 3 aprile (compreso).

Major League Rugby
L’annata agonistica 2020 del torneo pro a stelle e strisce – che, nonostante sia appena iniziato, ci ha già regalato perle del genere -, in linea con quanto successo in tutto il panorama degli sport americani nelle ultime ore, è stata sospesa per 30 giorni, con effetto immediato, a partire dalla giornata del 12 marzo 2020.

Rugby Europe
Tutte le attività della federazione europea, compresa l’ultima giornata integrale di Rugby Europe Championship – nel corso della quale, almeno inizialmente, avrebbe dovuto svolgersi la sfida tra Georgia e Russia a porte chiuse -, sono state sospese fino al prossimo 15 aprile.

Super Rugby
La stagione – almeno per ora – prosegue regolarmente (o quasi) nell’emisfero australe. Le uniche variazioni sono legate a Jaguares e Sunwolves. Gli argentini giocheranno contro gli Highlanders – nel weekend – a porte chiuse in quel di Buenos Aires. I giapponesi, invece, stanno giocando le proprie partite interne (per ora quella di settimana scorsa, e quella in programma domani) a Canberra, in Australia.

Sei Nazioni 2020 maschile
Il torneo più prestigioso dell’emisfero nord è stato colpito pesantemente dalla diffusione dell’epidemia, che ha portato al rinvio di ben 4 partite nel torneo seniores. Irlanda-Italia (della quarta giornata), e l’intera quinta giornata sono rinviate a data da destinarsi. Galles-Scozia del Sei Nazioni under 20 si giocherà, invece, a porte chiuse.

Sei Nazioni 2020 femminile
Se il torneo maschile ha visto lo spostamento di 3 partite, quello femminile, invece, ha patito il rinvio di addirittura 6 incontri. La prima, nel corso della terza giornata, con il duello tra Italia e Scozia, in programma a Legnano domenica 23 febbraio, rimandato per via delle misure di sicurezza applicate in Lombardia. Nella quarta giornata, poi, la stessa sorte è toccata ad Irlanda-Italia e Scozia-Francia (con una giocatrice scozzese trovata positiva al virus), prima della serrata totale nell’ultimo turno, che non vedrà scendere in campo, nel weekend, nemmeno un incontro.

World 7s Series
Sono state posticipate, nelle scorse settimane, le tappe del World Rugby Seven Series 2020 di Hong Kong e Singapore, originariamente in programma ad inizio aprile, al 10-11 ottobre 2020 (Singapore) e 16-18 ottobre 2020 (Hong Kong), in seguito alle sempre crescenti preoccupazioni attorno alla diffusione del Coronavirus.

Top14 e ProD2
Il rugby francese si è fermato in blocco: la federazione ha fermato tutte le attività amatoriali, mentre la lega dei club (la LNR) ha decretato la sospensione dei due campionati professionistici, il Top14 e il ProD2.

EPCR – Coppe Europee
I quarti di finale di Champions Cup e Challenge Cup, in programma nel fine settimana dal 3 al 5 aprile, restano programmati in quelle date, ma, come resto noto attraverso un comunicato ufficiale di EPCR, il loro svolgimento – alla luce delle decisioni prese, ad esempio, da, Pro14 – è sotto valutazione.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

149 anni fa la prima partita di sempre

Il 27 marzo 1871 il primo incontro internazionale fra Scozia e Inghilterra, a Edimburgo

27 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

L’atteso esordio col Galles di Derek Quinnell

Quando non bastava essere un Lion per avere un posto tra i titolari del mitico Galles degli anni '70. Una storia unica e una carriera mitica

26 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

È questa la più bella partita di rugby della storia?

Riviviamo (senza spoiler) Australia-Nuova Zelanda del luglio 2000, considerata "the greatest test match ever played"

26 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Quiz: quanto conosci il rugby?

Seconda puntata con i nostri quesiti che mettono alla prova le tue conoscenze rugbistiche

25 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Inga Tuigamala, che non volle essere Lomu

Perché preferì i soldi del rugby league inglese alla maglia degli All Blacks, che non avrebbe più indossato

25 Marzo 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

I 10 migliori soprannomi del rugby internazionale

Da Avatar a El Loco, passando per la storia di Os du Randt all'uomo chiamato 36

25 Marzo 2020 Terzo tempo