Il Sei Nazioni in UK? Deve rimanere nelle tv in chiaro, lo dicono gli storici capitani delle squadre

Da Kelly Brown a Lawrence Dallaglio tutti uniti per conservare un rugby a disposizione di tutti

rugby in tv

ph. Sebastiano Pessina

Qualche settimana fa vi avevamo parlato di una possibile novità nell’assegnazione dei diritti tv delle prossime edizioni del Sei Nazioni, riguardanti il Regno Unito. Il Board del Torneo infatti pare sia in trattativa con Sky Sports e BT Sports per vendere alle pay-tv questa esclusiva tagliando fuori di fatto le emittenti in chiaro, che dal 2000 hanno sempre trasmesso la kermesse.

Un rumors questo, che ha scatenato e non poco l’opinione pubblica e anche gli addetti ai lavori. Da ieri infatti un “pool” (se cosi si può chiamare, ndr) di ex capitani di Inghilterra, Galles e Scozia si è schierata apertamente dalla parte delle tv come BBC e ITV per cercare di favorire un nuovo accordo che tuteli la trasmissione del Sei Nazioni in maniera free to air.

Da Kelly Brown (Scozia) a Michael Owen (Galles) passando per gli ex skipper inglesi Martin Johnson, Will Carling, Dylan Hartley e Lawrence Dallaglio, con quest’ultimo che ha aggiunto: “Se il rugby vuole continuare a crescere a bisogno di rimanere accessibile a tutti, non di portare un prodotto a pagamento per la sua visibilità. Il nostro è uno sport internazionale, ma non globale: non è ancora grande abbastanza per andare dietro a logiche di denaro di quel genere”.

A fargli eco, ci pensano gli altri: “Le partite devono essere trasmesse sulla tv in chiaro, sarebbe un disastro se il Sei Nazioni diventasse a pagamento. Quella del torneo è la migliore occasione che il rugby ha per farsi vedere al suo meglio e non può essere sprecata. Quando eravamo bambini, molti noi ricordano partite iconiche viste in TV che ci hanno ispirato a diventare giocatori di rugby”.

Alcuni dati degli ultimi turni a livello televisivo in UK
La trasmissione attualmente ancora in chiaro ha fatto registrare 7.600.000 spettatori per Inghilterra-Galles e nel mese di febbraio 8.400.000 per Scozia-Inghilterra, partite andate fra l’altro su due emittenti diverse come BBC e ITV

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: la classifica dopo il secondo turno, balzo dell’Italia

La vittoria in Irlanda rilancia le Azzurre, e non solo nel ranking

item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: la sanzione disciplinare a Sarah Beckett dell’Inghilterra

La giocatrice inglese si era resa protagonista di un intervento scorretto ai danni di Michela Sillari

item-thumbnail

Sei Nazioni: Lorenzo Pani candidato per la miglior meta del Torneo

Tra le quattro marcature in corsa per il titolo di più bella c'è quella dell'Azzurro contro il Galles

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: risultati, classifica e highlights della prima giornata

Le Azzurre reggono finché possono, grande sorpresa tra Galles e Scozia mentre la Francia parte bene