Come World Rugby punta a sviluppare il gioco nelle isole del Pacifico e in America

La federazione internazionale intensifica il suo programma delle Combine per sviluppare i talenti di Fiji, Samoa, Tonga, USA e Canada

fiji

ph. Sebastiano Pessina

World Rugby, la federazione internazionale che gestisce il gioco della palla ovale in ogni angolo del globo, promuove un modello di sviluppo del gioco professionistico per i talenti dei paesi emergenti come quelli delle isole del Pacifico e del Nord America.

I migliori atleti di Fiji, Tonga e Samoa saranno selezionati nei prossimi giorni per partecipare alla Pacific Combine, un camp che partirà a Suva, capitale di Fiji, dal prossimo 15 marzo, dove i 25/30 atleti non professionisti saranno messi di fronte a un periodo di allenamento di alto livello, con tecnici internazionale inviati da World Rugby. I prospetti più interessanti della situazione potrebbero riuscire a strappare un contratto professionistico nelle più ricche realtà dell’emisfero sud o in Europa, così come già accaduto a molti di loro.

Leggi anche: World Rugby: Bill Beaumont si ricandida, Laporte suo vice

La Combine di Suva sarà la prima del nuovo ciclo mondiale e la terza edizione totale dell’evento, totalmente finanziato dalla federazione internazionale. In passato dalla Combine sono passati 51 giocatori, di cui 13 hanno successivamente trovato posto nelle loro rappresentative nazionale e 2, il fijano Frank Lomani e il tongano James Faiva, hanno avuto l’opportunità di partecipare alla scorsa Rugby World Cup. In questa edizione saranno rappresentati soprattutto i partecipanti al World Rugby Pacific Challenge, una competizione internazionale fra le seconde squadre di Giappone, Fiji, Samoa e Tonga.

Leggi anche: World Rugby: a Parigi per trovare una cura (al punto d’incontro)

Il successo dell’evento ha portato World Rugby a pensare a una iniziativa parallela anche per il Nord America. Dal 21 al 27 giugno prossimo si terrà a Salt Lake City la prima North American Combine: i profili più interessanti di Stati Uniti e Canada affronteranno il camp, con i migliori che saranno poi premiati con una borsa di studio a spese di World Rugby per entrare negli High Performance Centers delle loro federazioni, una sorta di accademia nazionale senza limite d’età.

Da lì, l’obiettivo è espandere il numero e la qualità del bacino di giocatori che le squadre della Major League Rugby, campionato in crescita, possono selezionare, e quindi, indirettamente, alzare il livello delle selezioni nazionale.

Peter Horne, general manager dell’alto livello di World Rugby, ha sintetizzato così l’importanza del programma: “Il programma delle Combine è un’opportunità fantastica per le isole del Pacifico e il Nord America di identificare e sviluppare i talenti più promettenti delle rispettive regioni. Il programma ha provato la propria efficacia, con diversi ex membri che sono riusciti ad arrivare al più alto livello. Siamo quindi felici di rinnovare il nostro impegno di lungo termine per incrementare la competitività delle federazioni che vi partecipano.”

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Cinque anni fa il miracolo di Brighton, quando il Giappone sconfisse il Sudafrica

La partita più incredibile nella storia dei Mondiali di rugby

19 Settembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: posticipati i sorteggi della fase a gironi

Rinviato il momento della formazione delle pool per la prima fase del torneo iridato

8 Settembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Inghilterra: si ritira Nolli Waterman, stella degli ultimi tre lustri ovali

Scarpini al chiodo a 35 anni, proseguirà le carriere parallele da allenatrice e commentatrice

6 Settembre 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Scott Robertson nello staff di Gatland per il tour dei Lions in Sudafrica?

I due ne starebbero parlando. L'innesto di Razor aggiungerebbe ulteriori spunti all'evento ovale più atteso del 2021

22 Agosto 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rugby World Cup: un’unica selezione per tutti i mondiali fino al 2031

Le sedi delle edizioni 2027 e 2031 del torneo maschile e quelle 2024 e 2028 di quello femminile saranno scelte a maggio 2022

13 Agosto 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

World Rugby ha posticipato l’entrata in vigore delle nuove norme sull’eleggibilità

Si passerà dai 3 ai 5 anni di residenza per essere convocati solo al termine del 2021

10 Agosto 2020 Rugby Mondiale