Sei Nazioni 2020: Sam Warburton esalta il Galles verso Twickenham

L’ex capitano dei Dragoni sottolinea come la sfida di Twickenham non sarà una gara come le altre

ph. Sebastiano Pessina

Si avvicina Inghilterra-Galles, unica partita del sabato di 6 Nazioni dopo il rinvio di Irlanda-Italia, e si inizia a respirare l’aria di una grande battaglia. Non può che essere così quando si affrontano due squadre che hanno una rivalità così carica di storia. A stare meglio sicuramente è l’Inghilterra, ancora in corsa per la vittoria finale e reduce dalla netta vittoria contro l’Irlanda. Le due sconfitte con i verdi e con la Francia hanno invece tagliato fuori i dragoni dalla possibilità di replicare il successo del 2019, e qualora perdessero a Twickenham metterebbero in fila tre stop consecutivi come non accade dal 2007. Scommettere contro il Galles è però sempre vietato, anche se è dal 2012 che nel 6 Nazioni Londra non viene espugnata, anche se non si può non tenere conto della gara del Mondiale 2015, un tripudio gallese che valse il passaggio ai quarti di finale e l’eliminazione degli odiati inglesi nel torneo iridato di casa.

Leggi anche: I convocati inglesi per l’avvicinamento alla sfida col Galles

Chi fu il man of the match nell’ultima vittoria gallese a Twickenham nel 6 Nazioni? Sam Warburton, che a pochi giorni dalla gara è tornato a farsi sentire. 10 le sue partite contro gli inglesi, con un record di 4 vittorie e 6 sconfitte, una voce sicuramente da ascoltare: “Più che le rivalità personali, queste partite esaltano i giocatori per il loro carico di storia. Rappresentare il Galles a Londra, e vincere, è qualcosa di incredibile. Come giocatori sappiamo che è una rivalità nazionale che esiste da sempre e continua ad esserci”.

Il Galles è reduce dallo stop casalingo contro la Francia: “Realisticamente, avremmo potuto fare meglio. Non è mai semplice concretizzare tutte le opportunità che si hanno in ogni partita, ma ci sono delle marcature che erano alla nostra portata e non abbiamo concretizzato. I giocatori ora stanno vivendo due lunghe settimane di preparazione, con la testa già al campo”. È indubbio che sarà una sfida tra due grandi terze linee, con i “kamikaze kids” inglesi Curry e Underhill che fanno paura: “Ma io ho sempre detto che in questo gruppo vedevo diversi giocatori di valore assoluto anche a livello internazionale, ed eccoli lì”.

Per il Galles è indubbio che i tanti infortunati hanno frenato le possibilità di ripetersi dopo la vittoria del Torneo nel 2019, ma sembra che le cose stiano migliorando. Potrebbe essere della gara Dan Biggar, che sta recuperando in maniera efficace dal suo stop, e soprattutto questa sfida potrebbe vedere il ritorno in campo, dopo oltre quattro mesi, di Liam Williams e Josh Navidi, entrambi fermi dalla scorsa Coppa del Mondo. Lo staff tecnico gallese sta facendo di tutto per riaverli a disposizione, e se saranno in condizione con tutta probabilità entreranno nei 23 convocati. Molto più in dubbio la presenza di North, che ha subito una concussion nella sfida con la Francia, mentre ha chiuso in anticipo la sua stagione Hallan Amos, infortunatosi al ginocchio con i Cardiff Blues.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

L’inglese Henry Pollock eletto Miglior giocatore del Sei Nazioni U20

Il terza linea inglese è un giovane di grande prospettiva

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: Inghilterra ancora rullo compressore, l’Irlanda si rialza

Red Roses mai in difficoltà contro la Scozia malgrado un altro cartellino rosso, il Galles cade a Cork

14 Aprile 2024 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Due Azzurri nel XV ideale del Sei Nazioni 2024

Reso noto il Team of the Championship, dove l'Irlanda la fa da padrona e l'Italia ha più giocatori dell'Inghilterra

item-thumbnail

Scozia: fiducia in Gregor Townsend, nonostante tutto

Il capo allenatore rimane al suo posto, ma la federazione ha fatto intendere di non essere troppo soddisfatta dell'ultimo Sei Nazioni