Sei Nazioni 2020: Sam Warburton esalta il Galles verso Twickenham

L’ex capitano dei Dragoni sottolinea come la sfida di Twickenham non sarà una gara come le altre

ph. Sebastiano Pessina

Si avvicina Inghilterra-Galles, unica partita del sabato di 6 Nazioni dopo il rinvio di Irlanda-Italia, e si inizia a respirare l’aria di una grande battaglia. Non può che essere così quando si affrontano due squadre che hanno una rivalità così carica di storia. A stare meglio sicuramente è l’Inghilterra, ancora in corsa per la vittoria finale e reduce dalla netta vittoria contro l’Irlanda. Le due sconfitte con i verdi e con la Francia hanno invece tagliato fuori i dragoni dalla possibilità di replicare il successo del 2019, e qualora perdessero a Twickenham metterebbero in fila tre stop consecutivi come non accade dal 2007. Scommettere contro il Galles è però sempre vietato, anche se è dal 2012 che nel 6 Nazioni Londra non viene espugnata, anche se non si può non tenere conto della gara del Mondiale 2015, un tripudio gallese che valse il passaggio ai quarti di finale e l’eliminazione degli odiati inglesi nel torneo iridato di casa.

Leggi anche: I convocati inglesi per l’avvicinamento alla sfida col Galles

Chi fu il man of the match nell’ultima vittoria gallese a Twickenham nel 6 Nazioni? Sam Warburton, che a pochi giorni dalla gara è tornato a farsi sentire. 10 le sue partite contro gli inglesi, con un record di 4 vittorie e 6 sconfitte, una voce sicuramente da ascoltare: “Più che le rivalità personali, queste partite esaltano i giocatori per il loro carico di storia. Rappresentare il Galles a Londra, e vincere, è qualcosa di incredibile. Come giocatori sappiamo che è una rivalità nazionale che esiste da sempre e continua ad esserci”.

Il Galles è reduce dallo stop casalingo contro la Francia: “Realisticamente, avremmo potuto fare meglio. Non è mai semplice concretizzare tutte le opportunità che si hanno in ogni partita, ma ci sono delle marcature che erano alla nostra portata e non abbiamo concretizzato. I giocatori ora stanno vivendo due lunghe settimane di preparazione, con la testa già al campo”. È indubbio che sarà una sfida tra due grandi terze linee, con i “kamikaze kids” inglesi Curry e Underhill che fanno paura: “Ma io ho sempre detto che in questo gruppo vedevo diversi giocatori di valore assoluto anche a livello internazionale, ed eccoli lì”.

Per il Galles è indubbio che i tanti infortunati hanno frenato le possibilità di ripetersi dopo la vittoria del Torneo nel 2019, ma sembra che le cose stiano migliorando. Potrebbe essere della gara Dan Biggar, che sta recuperando in maniera efficace dal suo stop, e soprattutto questa sfida potrebbe vedere il ritorno in campo, dopo oltre quattro mesi, di Liam Williams e Josh Navidi, entrambi fermi dalla scorsa Coppa del Mondo. Lo staff tecnico gallese sta facendo di tutto per riaverli a disposizione, e se saranno in condizione con tutta probabilità entreranno nei 23 convocati. Molto più in dubbio la presenza di North, che ha subito una concussion nella sfida con la Francia, mentre ha chiuso in anticipo la sua stagione Hallan Amos, infortunatosi al ginocchio con i Cardiff Blues.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni, Laporte: “CVC acquisirà il 14,5% del Torneo”

Il vicepresidente di World Rugby ha reso nota l'operazione durante l'assemblea generale della federazione francese

item-thumbnail

Il Sei Nazioni non si tocca, parola del CEO dell’Irlanda

"Dobbiamo preservare ciò che abbiamo. Niente miglioramenti con la Georgia al posto dell'Italia", ha spiegato al Podcast 'Off the Ball'

30 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Andrea Masi

L'ex giocatore azzurro ha composto la sua formazione, dove non mancano alcuni compagni di squadra

25 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni