Italia: Rob Howley sarà il nuovo ct della nazionale a partire dal 2020

Il tecnico gallese siederà sulla panchina degli Azzurri, da capire se prima o dopo il prossimo Sei Nazioni

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Vins 10 Settembre 2019, 11:40

    Per una volta sarebbe bello dare la possibilità ad un nostro allenatore di prendere in mano la squadra ad inizio quadriennio e non con un anno di ritardo rispetto alla “concorrenza”. Per cui spero che dopo aver battuto Namibia e Canada e aver fallito l’obiettivo sbandierato dei quarti di finale, il buon COS venga accompagnato all’uscio, forte delle zero vittorie in 18 partite del 6N.

    • LiukMarc 10 Settembre 2019, 11:52

      Attendo con ansia i risultati di Howley (niente contro di lui, anche se era quello della Warren-ball, mica rugby champagne). In questi anni comunque credo che manco Jones ne avrebbe vinta una con l’Italia, my humble opinion.
      D’accordo sulle tempistiche (anche se in termini assoluti, non necessariamente rispetto alle altre squadra – anche Jones mi pareva avesse un contratto “a quadriennio iniziato”), non le capisco nemmeno io (anche perchè la continuità post-Mondiale a noi ci fila poco, coi senatori che si ritirano)

      • Sandokan 10 Settembre 2019, 12:05

        Anche John Kirwan, senza nessuna esperienza da allenatore, ha vinto qualche partita al Sei Nazioni, con una nazionale di ragazzini in maggioranza provenienti dal campionato italiano e con uno staff ridotto all’osso.

        • LiukMarc 10 Settembre 2019, 12:10

          Niente da dire che Co’S abbia deluso in termini di risultati, mi chiedo solo se a) qualcuno avrebbe fatto meglio? (domanda da un milione di dollari che non sapremo mai), b) Howley? Quello degli autoscontri (con giocatori che noi non abbiamo per capacità tecniche e atletiche), mah…
          Poi io da tifoso come te spero solo che possa portare l’Italia alla sua più lunga serie di risultati positivi di sempre, ma sono un po’ scettico (anche perchè a noi serve mettere in piedi una baracca che funziona, cosa che Co’S probabilmente avrebbe saputo fare meglio di Howley)

          • Sandokan 10 Settembre 2019, 12:20

            Condivido (con un po’ di cinismo) le tue speranze, ma non mi scandalizzo del cambio. I managernel mondo del professionismo (non solo sportivo) devono portare i risultati e se non ci riescono (pur facendo del loro meglio in buonissima fede) e’ normale cambiare.

          • Vins 10 Settembre 2019, 12:23

            Su Howley infatti non ho detto una parola dato che non ho idea del perché sia stato scelto. Sicuramente non per dare continuità al lavoro di COS.
            Sul fatto che con Jones non avremmo vinto neanche una partita sulle ultime 18 del 6N ho i miei enormi, anzi enormissimi, dubbi. Ma i “se” non contano nulla. Nei fatti invece la gestione COS è stata una delle più perdenti (se non la più perdente) del nuovo millennio per la nazionale, in corrispondenza tra l’altro della migliore stagione di sempre di una nostra franchigia. Aggiungo: i risultati fanno il paio con una strategia di gioco ancora non chiara dopo 3 anni e con dichiarazioni spesso oltre il limite del ridicolo.
            Capisco che cambiare tanto per cambiare sia sbagliato. Ma sinceramente credo sia sbagliato anche accettare la sconfitta come condizione inevitabile e dunque confermare un allenatore soltanto per il suo ottimismo sulle prospettive future.

          • LiukMarc 10 Settembre 2019, 12:51

            @Vins, lo so che non hai detto nulla, era una mia speranza rispetto al lavoro fatto fino ad ora da O’Shea. Che, sia chiaro, penso che abbia avuto risultati pessimi, sia come vittorie che come sistema di gioco (che è ancora peggio). Ma penso anche che la nostra nazionale, anzi il nostro movimento, non possa pretendere chissà che risultati. Perchè è traballante per non dire costruito sulla sabbia. La gestione Co’S è stata perdente ma in termini di numeri non saprei (credo che Mallet sia stata peggio).
            Io continuo a pensare che O’Shea sia un allenatore discreto, ma un bravo manager, che è una figura che a noi serve forse più dell’Head coach. Qualcuno che dia una struttura e una direzione, che leghi i vari pezzi del (povero) movimento e faccia remare franchigie e nazionale nella stessa direzione. Cosa che in Irlanda viene fatta di prassi mi pare.
            Per quello mi attacco al fatto che almeno fino al 2023 lo avrei fatto lavorare, con assistenti nuovi e in numero maggiore magari, in modo tale che lui facesse un lavoro che gli è più congeniale (e venisse pagato per quello ovviamente).
            @Sandokan, se il ragionamento è questo, allora anche a livello di federazione dovrebbero andarsene (e da un pezzo), ma sappiamo che per la Fir la coerenza sta sempre a casa d’altri in questi casi.

          • Sandokan 11 Settembre 2019, 03:01

            @LiukMarc
            Si, anche in Federazione i manager che non portao risultati (anche facendo del loro meglio in buonissima fede) dovrebbero essere sollevati dal loro incarico dopo un quadriennio. Comunque da come scrivi sembrerebbe che il ct della Nazionale non fosse parte integrante della FIR, mentre lo e’.

      • Jock 10 Settembre 2019, 17:30

        Certo che se gli amici come Liuk, che sono sul posto e sono più vicini alle cose, scrivono così, c’è da sperare che sappia fare anche altro, il nostro nuovo. A me pareva che warremball l’avesse impostata Gatland, evidente sbagliavo.

        • LiukMarc 10 Settembre 2019, 19:33

          Ok, ammetto di non avere notizie di prima mano (mi fiderei più di Mr Ian sul Galles), però se sei per 10 anni l’attack coach di Gatland e per 8 e mezzo la tua nazionale gioca cosi, mi viene da pensare… 🙂
          Poi spero che se davvero arriva saprà dare un gioco arioso ed efficace, ci mancherebbe

          • nergal 11 Settembre 2019, 11:32

            bisogna cercare di fare un gioco che sia il più efficace ed efficiente possibile, poi che tipo di gioco sia è indifferente. Io spero che si apra un nuovo corso che abbia come obbiettivo sviluppare il nostro gioco sui giocatori che ci sono adesso ma soprattutto su quelli che ci saranno nei prossimi anni(spesso ho letto su queste pagine che le ultime under italiane sono molto prestanti fisicamente) in modo da creare un idea di gioco che possa andare oltre il cambio di allenatori e giocatori

    • Dusty 10 Settembre 2019, 14:35

      E se passa ai quarti cosa dirai?

      • Vins 10 Settembre 2019, 15:17

        Ma magari! Diciamo che giudico questi suoi tre anni abbastanza deludenti sul piano del gioco e dei risultati e ad un mese dalla partita clou della sua gestione non sono affatto ottimista circa le possibilità di una nostra vittoria. Ovviamente tiferò per lui e per l’Italia e spero di poter salire sul carro dei vincitori, con un classico cambio di opinione all’italiana 🙂

      • Matt Bry 10 Settembre 2019, 16:20

        Ai quarti?!? Mi scusi se mi permetto ma siamo ben consapevoli di chi siamo e di chi abbiamo nel nostro girone? Passano le prime due e nel nostro pool oltre a Namibia e Canada abbiamo i due volte di fila campioni del mondo ed ancora in carica Nuova Zelanda mentre l’altra, la squadra che per quanto mi riguarda arriva più in forma e probabilmente vincerà la coppa del mondo: il Sud Africa. E lei vuole qualificarsi ai mondiali. Sarebbe come se la finlandia vincesse i mondiali di calcio o la Grecia i mondiali di Basket. Il fatto è che stiamo diventando esattamente come i fans football… Pretendiamo che una squadra con un giro d’affari che sfiora a malapena i 40 mln di euro competa o peggio ancora batta squadre e federazione con investimenti che sfiorano il mezzo miliardo di euro! Purtroppo per noi, e non pensiate che non mi piacerebbe disintegrare la squadra e nazione più arrogante e saccente sulla faccia della terra (Inghilterra). Ma come dicevo purtroppo per noi in questa società capitalistica lo sport è fatto anche o a volte solo di capitale. Ovvero l’Udinese o il Chievo non andranno mai in Champions e l’Italia non sarà mai competitiva nel 6N o nella WRCup. Ed è quello che provava a dire Steve Hansen con quelle dichiarazioni, certo provocatorie ma estremamente vere!

        • Camoto 10 Settembre 2019, 18:03

          @matt ok con il discorso. Ma com gli esempi che fai dai speranze 🙂
          Nel basket la Grecia ha vinto 2 europei e nel 2006 arrivò seconda ai mondiali battendo gli USA (non in versione dream team) nelle semi.
          L’Udinese in Champions ci è andata ben 3 volte, l’ultima nel 2012-2013.
          Ora mi hai fatto credere che possiamo battere il Sudafrica!

          • Camoto 10 Settembre 2019, 18:26

            Ops 2006-2007 anche il Chievo ha una partecipazione in Champions

          • cammy 10 Settembre 2019, 18:32

            ocio che in quell’anno è stata pure retrocessa..

        • Mich 12 Settembre 2019, 10:01

          Concordo sulla visione non troppo ottimistica, ma gli esempi sono scivoloni sui quali lavorare. Persino io che detesto il calcio e non lo seguo mai, so certe cose.
          Un pò come i realty show che, per quanto si possa ignorarli, alla fine se ne conoscono partecipanti e vicende semplicemente perchè internet o trasmissioni di intrattenimento e disinformazione come Studio Aperto o TG5 decidono che sono notizie importanti da dare.

    • Diesel83 10 Settembre 2019, 15:42

      A me il lavoro fatto da COS piace ed è piaciuto. Ha preso la nazionale lasciata in macerie da Brunel e nei limiti del suo possibile ha ricreato un gruppo e avvicinato il nostro gioco agli standard più moderni. È stata grazie anche alla sua credibilità che l’Italia è potuta rimanere nel PRO14 . Credere seriamente di colmare un gap di competitività nell’arco di un quadriennio e per di più magari assecondando il purismo dell’atleta italico era ed è oltre le capacità di qualsiasi CT, soprattutto se per controparte si è in presenza di un datore di lavoro poco favorevole a discutere un piano di sviluppo programmatico basato su innovazione del sistema.

      • Diesel83 10 Settembre 2019, 15:45

        Aggiungo che vincere partite al 6N quando giochi contro Galles, Irlanda e Inghilterra: 3 delle prime 5 squadre del Ranking… non è nelle nostre corde e comunque contro Francia e Scozia ce la siamo quasi sempre bene o male giocata a meno di episodi.

  2. Inquietudine ovale 10 Settembre 2019, 11:40

    Che senso ha alla vigilia del mondiale?

    • LiukMarc 10 Settembre 2019, 11:49

      Tra l’altro

    • Sandokan 10 Settembre 2019, 12:06

      Quasi tutte le altre nazioni, alla vigilia del Mondiale, sanno gia’ che dopo il Mondiale cambieranno gli allenatori.

      • western-province 10 Settembre 2019, 12:09

        le altre nazionali lo sanno a giugno (vedi Schmidt e Gatland), non una settimana prima

        • kinky 10 Settembre 2019, 12:19

          guarda che noi lo sappiamo oggi del cambio….magari nell’ambiente lo sapevano da giugno come gli altri. alla fine noi siamo solo spettatori!

          • bangkok 10 Settembre 2019, 12:28

            Nell’ambiente si sapeva già 3 mesi fa.

          • massimiliano 10 Settembre 2019, 12:30

            …e quindi non è stato detto nulla fino ad oggi per dimostrare che magari il mondiale andrà da schifo ma chi di dovere (chi…?) aveva agito preventivamente? E confermando De Carli, detto il de-motivatore? Mi chiedo perché Franco Smith si sia impelagato così…magari lui sa qualcosa noto solo nell’ambiente!

          • LiukMarc 10 Settembre 2019, 12:51

            O magari a Smith non avevano detto tutto… 😉

  3. LiukMarc 10 Settembre 2019, 11:40

    Vorrei commentare la notizia, ma credo che la Redazione mi bannerebbe.
    Qualcuno però me ne spieghi il senso, alla luce del fatto che abbiamo capito (noi tutti, la Fir pare di no) che al rugby italiano servano programmazione e continuità (che non credo vengano dati dall’allenatore della mischia meno performante degli ultimi 20 anni).

    • xnebiax 10 Settembre 2019, 12:53

      Mi aggrego.
      Su De Carli poi lo dico da anni.
      Howley poi è una barzelletta.

      • LiukMarc 10 Settembre 2019, 13:14

        Niente contro di lui, ma non è Gatland, nè Jones. Se si caccia Co’S per prendere un allenatore “più bravo” non è il nome di Howley che mi viene in mente.
        Poi sinceramente, come dice @bangkok qui sotto, spero che Co’S vedendo che non gli facevano fare i cambiamenti che voleva lui, abbia detto “ciaone e bacioni” a Gavazzi, sarebbe meno da neurodeliri rispetto ad aver cacciato un professionista che ci ha messo anima e corpo in un lavoro da pazzi (anche se comunque da schiaffi pesanti, sempre IMO of course).

  4. carlo s 10 Settembre 2019, 11:43

    Credo che Franco Smith avrebbe potuto dare di più in termini di head coach, comunque giusto sostituire CoS

    • bangkok 10 Settembre 2019, 12:31

      Forse non è la FIR che sostituisce CoS, ma lui stesso che se ne va.
      CoS è più un organizzatore (DOR) che un ct e se non ha la possibilità di organizzare, perché la FIR non glielo permette fa bene ad andarsene.

      • massimiliano 10 Settembre 2019, 12:36

        anche io sono di questo parere. Ripeto per la centesima volta che non mi piace come ct, ma penso abbia già un ruolo manageriale altrove.

      • Jock 10 Settembre 2019, 13:23

        E’ come dice Bangkok, che è ben al corrente; si sapeva da fine giugno. E’ lui che va via, deciso da diverso tempo, come è stato per Mike CATT, entrambi perché si sono resi conto che non abbiamo la struttura di base sufficiente. E con questa organizzazione, si sono resi conto di non poter fare di più. Per me gravissima jattura, mai che si riesca a impostare una programmazione. Un altro allenatore bruciato, scelto uno nuovo buono, ma aveva il materiale gallese e plasmato da GATLAND in mano. O’ SHEA va in un club di Premiership inglese, non siamo ancora sicuri quale dei due di cui si parla.

        • bangkok 10 Settembre 2019, 13:33

          Alleluja Alleluja!!!!
          Jock è tornato!!
          Alleluja Alleluja!!!!!!

          • Jock 10 Settembre 2019, 13:36

            Piglia in giro, sai, piglia in giro, te cognoso, mascareta.

          • LiukMarc 10 Settembre 2019, 13:43

            Dai che uno alla volta tornano tutti! 😀

        • LiukMarc 10 Settembre 2019, 13:37

          Ah, ecco cosi è diverso (e fa più “male”, perchè gente che scarsa non è decide di dire “basta” perchè il livello su cui lavorare è troppo basso). E direi che se è cosi davvero fa capire che tutte le ottimistiche affermazioni di O’Shea erano davvero per tirare sul il morale, e non scemenze a caso, perchè non ci credeva nemmeno lui.

          • Jock 10 Settembre 2019, 14:09

            Tra poco arriva @mamo.

          • Jock 10 Settembre 2019, 14:13

            Sembra proprio siano queste le ragioni; guarda CATT, si è piazzato con FARRELL in IRLANDA, salutando per tempo, mica è sceso di livello. E sempre ad allenare i tre questi. Anche O’ SHEA pare abbia avuto buone offerte da tempo.

          • mamo 10 Settembre 2019, 16:23

            Mi hai cercato Jock ?

          • Jock 10 Settembre 2019, 17:20

            Ciao @mamo

        • Camoto 10 Settembre 2019, 18:07

          Ehillaaaaa.
          Ben trovati @mamo e @jock.
          Non dico tornati perché a questo ci credo solo dopo 1 mese.

          • mamo 10 Settembre 2019, 18:19

            E il tuo compare Fracasso dov’è ?

          • Camoto 11 Settembre 2019, 00:01

            Il compare sta preparando le arringhe per i mondiali.
            Lasciamolo lavorare

          • Sergio Martin 11 Settembre 2019, 01:31

            A questo punto mancano solo @giovanni e @San Isidro… Ciao a tutti!

          • LiukMarc 11 Settembre 2019, 09:04

            Ed ecco pure Sergio!!
            Guarda, il giorno che vedo rispuntare i nomi di San, giovanni “il re delle sfogliatelle” (cit), berton, mez, Stefo, Rabbi, gsp, mi prendo ferie e faccio un festone 😀
            (chiedo troppo, vero?)

          • Jock 11 Settembre 2019, 09:24

            Solito sciagurato. Ci si vede, @camoto?

        • Sandokan 11 Settembre 2019, 03:09

          COS ha potuto programmare tranquillamente per quattro anni, con uno staff di collaboratori e dei poteri che nessuno prima di lui ha mai avuto.
          Come programma, che investiva un po’ tutto il sistema rugby italiano, andava anche benissimo in teoria, ma purtroppo i risultati non sono arrivati e a livello seniore quattro anni sono un lasso di tempo assolutamente adeguato per aspettarsi risultati.

          • Jock 11 Settembre 2019, 09:25

            @sergiomartin, ben trovato, custodisco la foto gelosamente.

  5. try 10 Settembre 2019, 11:46

    quando è che faremo scadere il contratto dell’allenatore in mezzo ai mondiali? Tralasciando che questa notizia cade nel momento più sbagliato noto che gli ultimi allenatori sono arrivati al mondiale dopo 4 anni che spesso hanno avuto questa iperbole:
    -1 anno entusiasmo alle stelle: In italia c’è materiale per fare bene.
    -2 anno entusiasmo: Dobbiamo proseguire su questa strada ma abbiamo molto da lavorare.
    -3 anno leggero sconforto ma voglia di reagire: I miglioramenti si vedono nonostante le sconfitte. Ma la strada è quella giusta.
    -4 anno sconforto misto faccia di bronzo: Non dobbiamo mollare nonostante le sonore sconfitte che prendiamo a desta e a manca. Siamo convinti che la strada è quella giusta. Vedo cose positive.
    -mondiali: risultati frutto della progettazione dell’italrugby…

    Almeno arriviamo ai mondiali con entusiasmo 🙂

    • Sandokan 10 Settembre 2019, 12:11

      Infatti, alla luce di quanto suesposto, dovremmo cambiare allenatore tutti gli anni!!! 😛
      Brad Johnstone al primo anno ha vinto al Sei Nazioni, Brunel al primo anno ha vinto addirittura due partite al Sei Nazioni (che sarebbe tutto quello che ci serve, oggi come oggi, per fare passi avanti in maniera continuativa), O’Shea al primo anno ha vinto col Sudafrica… la soluzione e’ avere tutti allenatori “al primo anno”! E’ semplice!

  6. F.A.L 10 Settembre 2019, 11:49

    Cambia sempre tutto e De Carli sempre lì è..mah

    • try 10 Settembre 2019, 11:54

      amico del presidentissimo?

      • Jock 10 Settembre 2019, 14:08

        E pensa che tra un anno c’è gente che lo rivota e lo rielegge…

    • Sandokan 10 Settembre 2019, 12:16

      Mi perplimo un po’ anch’io, pero’ per coerenza ci dovrebbero essere molti piu’ interventi di apprezzamento per l’operato di Orlandi, che per molti anni e’ stato l’allenatore di una mischia che faceva sudare un po’ tutti nel mondo.
      Se non vogliamo ringraziare Orlandi perche’ diamo tutto il merito ai giocatori e niente agli allenatori, allora non possiamo biasimare De Carli, perche’ allora non possiamo dare tutto il demerito agli allenatori e niente ai giocatori.
      Basta prendere una posizione coerente.

      • massimiliano 10 Settembre 2019, 12:32

        io ricordo lacrime di sangue quando venne dato l’annuncio del cambio Orlandi-De Carli…

      • davo 10 Settembre 2019, 13:47

        tant’e’ che poi nelle squadre di club mica poi fanno cosi’ pena? vedremo per il prossimo quadrienno e poi giudicheremo meglio 🙂

  7. try 10 Settembre 2019, 11:53

    Avrei una domanda per il presidente Gavazzi:
    Questo allenatore e staff le va bene?
    Oppure dipende dai risultati?
    Inoltre il magico trio irlandese tanto sbandierato torna a casa tutto? Aboud e il suo progetto giovani che fine faranno?

    • massimiliano 10 Settembre 2019, 12:33

      Aboud rimane come vice di Ascione

      • LiukMarc 10 Settembre 2019, 12:53

        Che già cosi fa ridere, se poi si pensa da quanto sta li il prof…

  8. Mr Ian 10 Settembre 2019, 11:58

    In Italia facciamo ridere.
    In Galles non vedono l ora di togliersi dai piedi Howley e lo andiamo a prendere noi, uno che era riuscito a rendere il gioco offensivo del Galles quasi nullo, togliendo la warren ball c era il vuoto pneumatico…

    • Sandokan 10 Settembre 2019, 12:03

      Effettivamente in Italia abbiamo un gioco d’attacco spumeggiante e sarebbe un peccato metterci le mani.

      • massimiliano 10 Settembre 2019, 12:13

        dopo due anni di warren ball con un primo centro dalle mani di granito e l’autonomia offensiva di 20/25 minuti cosa pretendi? Se tanto mi dà tanto con questo ingaggio Morisi torna in panca…grande lo zio al

      • Rugbymaniaco 10 Settembre 2019, 12:19

        Effettivamente… 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

      • Jock 10 Settembre 2019, 13:34

        HOWLEY non penso proprio sia un incapace, ricordo di averlo osservato in passato, e ha avuto, in ogni caso, lunga e ottima scuola di un signor movimento, GATLAND ci ha sempre contato molto. Ma è un fatto che, per quanto riguarda la panchina siamo scesi di uno o due notch, secondo me. Per un motivo o per l’latro, JONES, GALTHIE’, SMITH, CHEIKA, gente di primissima fascia, ci hanno fatto marameo. Siamo famosi per bruciarli, secondo me.

        • Mr Ian 10 Settembre 2019, 13:44

          Quando ci fu l annuncio dell addio di Gatland, nell immediato c’è stata una corsa ad accaparrarsi i suoi collaboratori, tutti però tranne uno…
          Attenzione, che Howley non mi piaccia è solamente una questione di stili e gusto personale, però di sicuro in questo Galles c’è tutto tranne il suo zampino. Il suo CV è ricco perchè hai lavorato insieme ad Edwards coach della difesa e McBryde per i set pieces.
          Si è vero, stiamo scendendo di fascia nella scelta degli allenatori, perchè siamo l unica Union che non segue un percorso chiaro come movimento, non c’è un passaggio dalla franchigia alla panchina della nazionale, non c’è una condivisione di idee di gioco in scala. Mettiamo nomi come figurine.
          Così come fu all epoca con Smith, avremmo il ct della nazionale in casa, a Treviso. Ma facciamo di tutto per complicarci la vita.
          All epoca della nomina di O Shea avevo espresso le mie perplessità come allenatore, ma assolutamente no come DoR. A noi serviva questa figura, parlo al passato perchè è arcinoto che smuovere certe posizioni di comodo ormai è impossibile..siamo degli incapaci

          • aries 10 Settembre 2019, 13:54

            Straquoto!

          • massimiliano 10 Settembre 2019, 14:09

            spero non sia stato scelto per le doti di yes man, a questo punto!

    • Marte_ 10 Settembre 2019, 12:25

      Adesso, io mi fido. Però non ha un CV pessimo e se Gatland lo vuole con sé dal 2008 e a targhe alterne con B&I Lions, proprio scemo non sarà. Anche perché Googlando ho visto che lo voleva Munster.

      • Sandokan 11 Settembre 2019, 03:14

        Mi sa che solo Mallet e Brad Johnstone (forse Brunel, dipende da come la si vede) avevano un CV migliore di Howley.
        Comunque anche per lui e’ giusto che parlino i risultati.

    • xnebiax 10 Settembre 2019, 13:32

      Esatto MrIan.

  9. Marte_ 10 Settembre 2019, 12:05

    Non conosco Howley, mi dispiace per Conor ma 0 vittorie al 6N pesano, fiducioso per Smith, incredulo per De Carli

    • Flaviuz 10 Settembre 2019, 12:20

      Hai riassunto il mio stesso pensiero

      • madmax 10 Settembre 2019, 17:00

        Mah! Ci stiamo preparando a tornare Tier2? Per chi pensa che COS abbia fatto male, senza gli equiparati ne prenderemmo il doppio, alla faccia del movimento. Vediamo cosa farà Howley ma tutti gli allenatori dell’Italia hanno dimostrato la validità della proprietà transitiva, invertendo l’ordine dei fattori, il prodotto, ahime’, non cambia….

        • Sandokan 11 Settembre 2019, 03:20

          Siamo gia’ nel Tier 2.
          Nella storia (centenaria) del 4/5/6 Nazioni nessuno ha paerso tante partite consecutivamente come noi in questo momento.
          Se questo non ti basta come risultato negativo, non so cosa ci voglia. La nazionale italiana (non e’ un segreto) e’ spesso stata in crisi di uomini e idee (pensa alle nazionali di Brad Johnstone, di Malett o di Kirwan, per esempio, che non avevano il sostegno della Celtic League per abituare i giocatori della nazionale a giocare assieme ad alto livello), ma qualche partita del 6 Nazioni ogni tanto la portava a casa, magari una ogni due anni… da circa quattro anni nemmeno quella!

  10. Cippi 10 Settembre 2019, 12:24

    Notizia che mi lascia sconfortato.
    Per la tempistica dell’annuncio, perché mi piaceva l’atteggiamento di CoS, perché sembrava stessimo percorrendo un percorso un po’ più lungo per dei frutti più interessanti.
    Peccato.
    Speriamo che il prossimo riesca a mantenere e dare più sprint per la filiera dei giocatori.

    • Sandokan 12 Settembre 2019, 03:17

      Ti faccio notare che non c’e’ stato nessun annuncio, per lo meno ufficiale.

  11. Marte_ 10 Settembre 2019, 12:34

    Comunque la butto lì..
    Se fanno Conor Director of Rugby con ampi poteri di scelta su formatori e giocatori, in Nazionale ci vanno Howley e Smith, cacciano De Carli e prendono Cutitta.. Beh in quel caso divento Gavazziano 😀

    • LiukMarc 10 Settembre 2019, 13:09

      Piacerebbe molto anche a me, e a sto punto guarda mi basterebbe anche solo una delle due cose, ma figurati.

    • giomarch 10 Settembre 2019, 13:12

      Se ridistribuiscono le cariche facendo fare il magazziniere ad ascione ed il water boy a checchinato mi aggrego..

    • luke10 10 Settembre 2019, 13:21

      Sarebbe bello, ma ne dubito ahimè.

    • Obelix-it 10 Settembre 2019, 13:53

      Piacerebbe anche a me. Ma credo che in quel caso il Gav non ci sarebbe più….

  12. maxsavo 10 Settembre 2019, 12:34

    giusto così ed inevitabile, non si può continuare allo stesso modo senza risultati in quattro anni.. non conosco Howley ma di sicuro ha molta esperienza avendo affiancato uno dei migliori coach degli ultimi venti anni.

  13. kinky 10 Settembre 2019, 12:42

    Domanda: non parlano di cosa farà O’Shea dopo. Rimane qui come DoR o va proprio via?

    • massimiliano 10 Settembre 2019, 12:47

      un dor ce lo abbiamo già, quello che fa i ruttini durante le interviste. Magari mi sbaglio, ma Cos sta scappando a gambe levate dal rugby italiano!

    • xnebiax 10 Settembre 2019, 12:54

      Cos se ne va proprio.
      Così si riinizia da capo.

  14. xnebiax 10 Settembre 2019, 12:48

    Oddio.
    Che disastro.
    Il peggior nome immaginabile.
    Uno incapace di vincere.
    La peggior notizia mai capitata al rugby italiano.

    • bangkok 10 Settembre 2019, 13:30

      La peggiore è e sempre sarà Gavazzi presidente FIR

    • Unforgiven79 11 Settembre 2019, 09:25

      “Uno incapace di vincere”… beh-beh-beh… gli hanno lasciato in mano il Galles un anno e ci ha vinto il 6 Nazioni.

  15. Machete 10 Settembre 2019, 12:57

    per una nazione come la nostra il problema non è tanto il tecnico ma i giocatori…se questi sono scarsi o cmq non all’altezza di sicuro non è colpa di chi dirige la squadra….puoi mettere anche hansen gatland o jones e non cambierà molto
    dispiace per COS ma le zero vittorie al 6N pesano molto

    • xnebiax 10 Settembre 2019, 13:07

      Suvvia.
      Una cosa è Gatland che porta il Galles (squadra con metà del talento atletico che hanno ABs, RSA, ENG) a vincere gran slams e un’altra cosa è Howley che quando ha sostituto Gatland a capo del Galles ha fatto sembrare gli stessi giocatori immediatamente incapaci.

      • Machete 10 Settembre 2019, 13:14

        nel 2012 da capo allenatore ha vinto il 6n con tanto di grande slam

        • LiukMarc 10 Settembre 2019, 13:19

          Ammetto di essermi dimenticato del 2013 (2012 c’era Gatland). Dove comunque vinse senza grande slam (se non sbaglio perse la prima), e dopo una stagione orribile (fu pesantemente criticato mentre allenava per l’infortunio di Gatland a giugno-ottobre, tant’è che Gatland tornè nei test match con Australia e NZ mi pare).

          • Machete 10 Settembre 2019, 13:23

            vero era il 2013 ma la sostanza non cambia…..è cmq un buon tecnico….da cui non aspettarsi miracoli

      • giomarch 10 Settembre 2019, 13:17

        Concordo che non lo avrei scelto, ma è altresì vero che quando lo ha sostituito i lions erano assenti.. Non era lo stesso Galles..

    • LiukMarc 10 Settembre 2019, 13:08

      Però non abbiamo preso Hansen, Gatland o Jones, ma un assistente (ok, Gatland non sarà scemo quindi se lo ha tenuto cosi tanto tempo Howley non sarà scarso) che quando ha fatto il “sostituto” di Gatland nel 2017 ha portato il Galles se non sbaglio al peggio 6N in 10 anni (se non ricordo male dal 2007)… insomma tutt’altro che un fenomeno. Poi spero spacchi i deretani ai passeri eh…

      • Machete 10 Settembre 2019, 13:17

        finchè i nostri non saranno più o meno a livello degli altri i jones gatland e hansen saranno irrilevanti

        • LiukMarc 10 Settembre 2019, 13:28

          Esattamente il mio punto. Allora a che pro mandare via O’Shea (se così è stato e non ha preso lui la decisione), che almeno stava inziando un percorso e sembrava avere i giocatori (e le franchigie a sentire le parole di Zebre e Treviso) dalla sua? Per aspettarsi risultati diversi? Un miracolo sportivo? Io rimango scettico, perchè appunto non mi hai preso il fenomeno che poteva darti una scossa vera.

          • Machete 10 Settembre 2019, 14:26

            perchè zero vittorie al 6N pesano e alla fine i risultati contano…….
            poi può essere che abbia chiesto lui di andarsene……

          • Sandokan 11 Settembre 2019, 05:19

            Dopo quattro anni stava “iniziando” un percorso?

          • LiukMarc 11 Settembre 2019, 09:09

            Sandokan, per me non è un percorso di 4 anni che ci serve. Ce ne serve uno di 12.
            Vero che qualche risultato in più era lecito attenderselo, anche vero che forse per la prima volta un CT dell’Italia si è trovato con una nazionale distante come non mai dalle concorrenti, che ha fatto emergere la realtà che prima (in un modo o nell’altro) sembrava poter cambiare: siamo una Tier2 che ogni tanto ne azzecca una. Ma tutte le altre sono molto più forti di noi, dall’Inghilterra alla Scozia.
            Secondo me Co’S aveva davvero un “chiaro percorso in testa” su cosa fare, ma serviva pazienza e programmazione, cose molto anglosassoni, poco italiane.

          • Sandokan 11 Settembre 2019, 09:50

            Alora non vedo perche’ mettere in croce Ascione che sta “iniziando” un percorso di 42 anni… e da un paio di anni si “iniziano” anche a intravvedere dei risultati…

          • Sandokan 11 Settembre 2019, 09:55

            Ti assicuro che negli ambienti di lavoro anglosassoni ci saranno forse pazienza e programmazione, ma ci sono anche continui controlli alle tappe intermedie e ci DEVONO essere ogni volta i risultati programmati, altrimenti si prendono provvedimenti immediati.

            Trovo invece molto italiano programmare a lungo termine senza nessuna tappa di controllo intermedio, lasciando nel frattempo tutto alla buona fede di chi ci crede.

          • LiukMarc 11 Settembre 2019, 12:45

            Carina quella della programmazione da 42 anni 🙂
            Non dico che non ci debbano essere risultati intermedi, ma dipende da cosa vogliamo come risultati. Tutto sta nel capire qual è il giusto target in ogni caso. Abbiamo battuto la Georgia, fatto 1-1 col Giappone, sotterrato la Russia. Il che dice esattamente il livello in cui siamo.
            Co’S ha lanciato diversi giovani e le franchigie parlano di unità e collaborazione che non si era mai vista. I controlli “in interim” ci devono essere, ma mi sembra che qui si sia deciso di ripartire da zero, no?

          • Sandokan 12 Settembre 2019, 03:23

            Non lo so se qui si sia deciso di ripartire da zero o meno (da que che ho capito, se ne vanno Catt e COS, ma il resto del management resta, con Smith che e’ stato ingaggiato per tempo), fatto sta che stiamo facendo il filotto di sconfitte piu’ lungo della storia secolare del 4/5/6 Nazioni (record!) e non si puo’ far finta che vada bene cosi’.

            Non mi sembra che chiedere di portare a casa una partita ogni dieci al 6 Nazioni sia chiedere troppo… finora c’erano riusciti praticamente tutti e con squadre spesso in grave difficolta’.

        • xnebiax 10 Settembre 2019, 13:30

          Mah.
          Guarda, io concordo con te che i giocatori a disposizione sono assolutamente determinanti.
          Però ci sono grandi differenze fra i vari allenatori.
          Poiché l’Italia non ha i giocatori del livello Tier 1 ma compete contro le altre Tier 1 e poiché il 99% del budget FIR dipende dalla nazionale maggiore, l’Italia ha assoluto bisogno di un ct bravissimo in grado di far performare con costanza al meglio delle loro capacità i giocatori. COS è stato un ottimo DOR, e a volte l’Italia ha giocato al meglio possibile con lui (per esempio venerdì scorso contro l’Inghilterra), ma non con costanza.
          Howley temo che ci farà costantemente giocare al di sotto delle nostre (già limitate) possibilità.
          Io avrei tenuto COS come DOR e messo Crawley CT, ma forse costava troppo.

          • Machete 10 Settembre 2019, 14:39

            e se questa squadra non possa performare più di così?
            hai mai pensato che questo sia il massimo a cui si possa arrivare con questi giocatori???

          • xnebiax 10 Settembre 2019, 17:21

            A me sembra chiaro che a volte riescono a giocare al loro meglio (vedi Inghilterra) e altre no (vedi Francia). Io mi accontento di un allenatore capace di farli giocare il 60% delle partite al loro meglio. Non mi sembra di chiedere la luna.
            Howley li farà giocare quasi mai al loro meglio perché non è un bravo allenatore.
            Comunque ne riparliamo quando l’Italia sarà 16a nel ranking mondiale.

      • Superignazzio 10 Settembre 2019, 20:31

        anche andy farrell è assistente ☺

  16. Jason85 10 Settembre 2019, 12:59

    Secondo me l’Italia negli ultimi 20 anni ha sempre avuto buoni/ottimi allenatori. Il problema non sarà certo Howley così come non lo erano Mallet, Brunel, O’Shea ecc.

  17. Airone valle Olona 10 Settembre 2019, 13:06

    Un nome che non mi aspettavo.
    Una tempistica quantomeno opinabile (sarà anche una decisione presa da tempo ma a 10gg dal mondiale magari si poteva aspettare ancora qualche settimana) e la sensazione di dover nuovamente ricominciare tutto da capo.
    Personalmente spiace per Conor ma i risultati sono stati veramente al di sotto di ogni aspettativa.

  18. luis 10 Settembre 2019, 13:12

    Allora dovete spiegarmi: Cos se ne va perchè non ha portato risultati e lasciamo al propio posto il responsabile tecnico dell’alto livello che di risultati non ne ha mai portati ? ( ma di voti si . .).cosa i sta a fare ….meglio che vada a Sale e poi vedrete che i risultati arriveranno….. redo che il problema non sia il ct ma l’intera organizzazione del sistema rugby italico, a tutti i livelli . . . incapaci a gidare il movimento nell’era del professionismo.

  19. lear2 10 Settembre 2019, 13:14

    Tre giorni fa ho postato il commento di sotto riportato.
    Vedo che ci sono andato molto vicino. ???
    – lear2 7 Settembre 2019, 13:20
    Scusate ma avete parlato di Mallet dopo quella stronzata di Bergamauro a mediano di mischia contro l’Inghilterra?!
    Gatland forever

    • massimiliano 10 Settembre 2019, 13:23

      beh, se ci sei andato vicino allora posso dire che mia suocera somiglia alla Bellucci 🙂

      • lear2 10 Settembre 2019, 13:55

        …. quando mai hai dato un commento coerente? solo polemiche sterili….

        • massimiliano 10 Settembre 2019, 14:15

          non mi sembra, anzi di solito cerco di articolare le risposte, ma se questa è la tua opinione, libero di tenertela. Poi, le risposte vanno capite. Comunque, la mia era una semplice battuta, come la faccina ahimè d’ordinanza stava a dimostrare. Addolorato per i tuo senso dell’umorismo.

  20. giomarch 10 Settembre 2019, 13:21

    Dalla scelta mi vien da scherzare sul fitness…
    Adesso Zanusso braciole di brontosauro e warren ball…

  21. gian 10 Settembre 2019, 13:25

    Sono d’accordo sul fatto di sostituire COS in panca, meno a farlo andare via, de Carli, invece, è riuscito a distruggere la mischia di Brunel (non solo colpa sua, per carità, ma c’ha messo del suo), a cui si attaccava quell’Italia, è sopravvissuto a quella tregenda di ultimi due anni, è riuscito a non combinare niente con COS e restare ancora lì… Applausi!

    • Jock 10 Settembre 2019, 13:30

      Benissimo scritto. Con Maus cxhe dopo sei mesi passati in CANADA non so che fine abbia fatto, ma disponibilr lo sarà di sicuro. DE CARLI male davvero. E che non ci tocchi TRONCON per la difesa…

    • Machete 10 Settembre 2019, 13:30

      brunell aveva Castro Lo Cicero Ghiraldini e 2 seconde di ruolo che spingevano dietro…….qui c’è ferrari fabiani e lovotti…con 2 terze adattate come seconde…..
      de carli avrà le sue colpe ma devi capire che la materia umana è “leggermente” scesa di qualità

      • Obelix-it 10 Settembre 2019, 13:57

        Ho visto allenatori di mischia buoni fare miracoli con gente ben piu’ scarsa…..
        Ovvio che non ci sia paragone con la mischia di BrumBrum, ma si puo’ di certo fare meglio—

        • Bimbubam 10 Settembre 2019, 14:31

          Per dire, stanno tutti a dire che la Georgia abbia la migliore mischia del mondo (opinabile) ma due anni fa Cuttitta è andato in Romania per 20 giorni, ha sistemato la mischia e gli ha fatto vincere il 6 nazioni B. Poi la Romania ha ben altri problemi (tipo che la settimana dopo hanno mandato a casa tutto lo staff), però secondo me De Carli ha le sue colpe. E anche se non le avesse, è lì da un po’ e farebbe bene un cambio di aria in nazionale

          • Machete 10 Settembre 2019, 15:00

            parli di 6N B ci sta che li è più facile sistemare le cose
            non dico che De Carli non abbia sbagliato e ci stava bene un volto nuovo visto che hanno sostituito tutto lo staff…..ma non si può dire che le colpe siano solo sue

          • LiukMarc 10 Settembre 2019, 16:00

            Vero. Allora le colpe non sono solo di Co’S. Però uno va via (di sua sponte o meno) e l’altro rimane. Non mi torna lo stesso 🙂

          • Obelix-it 11 Settembre 2019, 12:19

            x Machete: Cuttitta e’ stato anche in Scozia, ed i quel periodo la mischia scozzese andava da dio… non si e’ di certo fatto una reputazione per 20 gg in Romania..

      • Sandokan 11 Settembre 2019, 03:23

        Chi ha scelto di avere terze adattate a seconde in campo?

      • gian 11 Settembre 2019, 13:04

        quando ha preso in mano l’italia sì, gli ultimi tempi lo cicero era a fare televisione sparando qualche bordata alla fir, castro rotto e messo in campo per nome, più che per altro, l’ha quasi ammesso anche lui, gli ultimi anni di brunel hanno bruciato una generazione di piloni attaccandosi a questi grandissimi nomi, comunque è vero che la qualità media è inferiore, ma i problemi principali non sono quelli

  22. mauro 10 Settembre 2019, 13:30

    Modesto parere: il mago G potrebbe mettere sotto contratto anche tale Gesù Cristo, noto per aver messo a punto la tecnica della camminata sull’acqua, ma se al suo fianco a tutte le cene continuiamo a fargli sedere accanto Ascione e dispersi nel mucchio De Carli e Troncon a rinnegarlo, mi sa che non supera il venerdì e verrà rimpiazzato da Barabba

    • massimiliano 10 Settembre 2019, 13:34

      amen Mauro, amen!

    • LiukMarc 10 Settembre 2019, 13:46

      Chiaro, ma è più facile cambiare (o far cambiare) allenatore che cacciare i “fedeli alla poltrona” della Fir. Che sconforto (sai se Co’S davvero è andato via perchè “siamo troppo scarsi?” sarebbe da ridere per non piangere…)

    • try 10 Settembre 2019, 13:48

      🙂 🙂 🙂
      Mauro diciamo che ti sei fatto capire.

    • giomarch 10 Settembre 2019, 13:50

      I trenta centri di formazione comprano tutto..
      Risorgerebbero comunque…
      Il problema del rugby è chi li vota, quella è la vera simonia…

    • Jock 10 Settembre 2019, 14:06

      Pensa te che Ultima Cena…

  23. RFC 10 Settembre 2019, 13:34

    Giustamente Cos se ne scappa da questo movimento di imcapaci, ma io gli avrei chiesto di candidarsi alla presidenza e fare la guerra a gavazzi!
    Mi sarebbe piaciuto vedere quanti l’avrebbero votato.

    • aries 10 Settembre 2019, 14:00

      Ľunico sistema possibile rimasto è il colpo di stato

  24. jazztrain 10 Settembre 2019, 14:15

    Prima Mallett, poi Brunel, ora COS.
    Siete contenti? Ora cosa direte quando avremo le prossime sconfitte? Rob Howley, vai a casa?

    Da quando seguo, leggo queste frasi: Mallett a casa, meglio Brunel; poi Meno male che c’è Brunel! Era meglio Mallett! Ora c’è Conor O’Shea… O’Shea a casa!

    Non vedo l’ora di vedere il prossimo tiro al piccione!

    • mauro 10 Settembre 2019, 14:25

      Forse non hai letto tutti i commenti. A me sembra sia già incominciato, qualche pallino è anche andato a segno

      • jazztrain 10 Settembre 2019, 16:56

        Non ho letto, ma non mi stupisco, già abbiamo il prossimo capro espiatorio.

  25. Totalmente incompetente 10 Settembre 2019, 14:26

    Con questa notizia mi e’ andata definitivamente di traverso la giornata…
    Abbiamo già rinnegato il sentiero verso la programmazione, la ristrutturazione del sistema , ecc… siamo tornati cambiare , come se questo davvero fosse il problema.
    Mi cascano le braccia e non so davvero se riuscirò ad assistere al solito ineluttabile ciclo
    Mai che si abbia l’” ignoranza” di arrivare in fondo a qualcosa… ci meritiamo la situazione in cui siamo

  26. LiukMarc 10 Settembre 2019, 14:31

    E comunque rugbymeet riporta che Gavazzi ha visto comunque possibili sostituti (4) e che quindi la cosa si sapeva da tempo (Co’S che cosa ci hai fatto ad andartene…), e che W. Smith gli aveva suggerito Rennie. Che a sto punto ritengo ci abbia spernacchiato alla grande

    • xnebiax 10 Settembre 2019, 14:47

      Che COS sarebbe andato via mi era stato detto già un paio di mesi fa, ma non penso si sapesse già il sostituto.
      Dall’articolo di rugbymeet sembra chiaro che gli altri candidati costavano troppo. Jones, Rennie e Cheika non ce li possiamo permettere.
      Certo, sinceramente io penso che ci siano allenatori più bravi di Howley in Mitre 10 cup. Basta vedere cosa hanno raggiunto McKee con le Fiji e Haig con Georgia. Nomi con curricula molto meno altisonanti ma con gavetta di qualità. La FIR invece va a prendersi quello che nei media anglosassoni e soprattutto gallesi è considerato come il peggior allenatore al livello internazionale Tier 1.

  27. fracassosandona 10 Settembre 2019, 14:51

    HOWLEY…
    sarei curioso di sapere se in tutta la federazione ci sia almeno qualcuno che sa come si pronuncia…
    Tra quattro anni dovrà vederne 10 prima di trovare uno disponibile a sostituire howley, sempre che questi non se ne vada prima…
    e alla fine Head Coach sarà De Carli…

    • LiukMarc 10 Settembre 2019, 15:15

      Tra le altre cose… comunque mi fa già male a pensare al prossimo 6N, figuriamoci tra 4 anni.

  28. Dusty 10 Settembre 2019, 14:54

    Sono di una tristezza infinita. Prima dovremmo costruire qualcosa e poi preoccuparci di avere un buon coach. Altri quattro anni buttati nel cesso e poi si riparte con un altro allenatore che fra quattro anni farà la stessa fine. Mai che si riesca a fare qualcosa di buono in questo paese. Scusate ma sono sconfortato.

  29. Dusty 10 Settembre 2019, 14:58

    E comunque auguro a Conor tutto il meglio sapendo che ovunque andrà farà bene perché quattro anni all’interno del caos Italia ti forgiano alla grande per affrontare qualsiasi situazione per il dopo avendo ben imparato quello che NON si deve fare per il bene del rugby.

  30. TommyHowlett 10 Settembre 2019, 15:03

    Tempismo eccezionale. Comunicare il cambio di ct alla vigilia di un mondiale in cui le speranze di passaggio del turno sono prossime allo zero, ma quelle di beccare due imbarcate nelle partite finali sono decisamente concrete, è un lusso tipico dell’Italia rugbystica. Nel 2007 questo atteggiamento masochistico ci costò una qualificazione data quasi per scontata, distruggendo il rapporto di fiducia tra giocatori e ct. Vedremo cosa succederà qua in Giappone… Ad ogni modo vediamo un po’ cosa potrà mai fare questo Howley; l’unico altro head coach italiano con passato da mm ha fatto decisamente bene… Di certo noi lo aspettiamo come ogni buon cristiano aspetta il Messia…

  31. BMV 10 Settembre 2019, 15:11

    Ah ah ah prima di un mondiale si comunica il non rinnovo ingaggio! Grande FIR! Ancora una volta ci stupisci x la tua capacità! Tutti a casa altro che COS! L’unico che non ha colpe va via ah ah ah

    • LiukMarc 10 Settembre 2019, 16:55

      Ad essere 100% sinceri non mi pare che ci sia un comunicato Fir. Non saprei le fonti di Onrugby (e R1823, e rugbymeet)…

  32. BMV 10 Settembre 2019, 15:19

    Fate un atto d’amore x il rugby italiano dimettetevi tutti!

  33. Sankt Pauli Rugby 10 Settembre 2019, 16:09

    Wow Rugbyrama da la notizia citando Onrugby come fonte. Ma Onrugby da chi ha avuto la notizia ? non ho visto comunicato uffciali a riguardo

  34. Parvus 10 Settembre 2019, 16:19

    la cartina di tornasole è de carli che resta e catt che va via!!!
    catt è già scappato, ci resterà per altri 4 anni ascione, e de carli…….
    a me pare che ascione sia da lameno 20 anni…, a capo della commissione tecnica, qualcuno ha notizie più sicure della mia supposizione???
    cos doveva diventare di fatto il direttore, tenersi a tutti i costi catt, integrare smith, e portare cuttita dove gli spetta.
    speriamo che alle prossime votazioni, ci sia un cambio TOTALE.
    la vedo brutta….

    • Sandokan 11 Settembre 2019, 10:00

      Effettivamente Catt ci ha regalato un gioco d’attacco che spumeggiante e’ dir poco! 😉

  35. Superignazzio 10 Settembre 2019, 16:39

    non ho neanche la forza di commentare…
    mi cadono veramente le balle per terra

  36. Giana7 10 Settembre 2019, 17:17

    senza nulla togliere alla professionalità di De Carli ma credo che da quanto visto sul campo lui fosse il vero capro espiatorio. non concepisco questa sua
    riconferma. sicuramente O’Shea in termini organizzativi avrebbe potuto darci ancora una grossa mano ma questo è. buon mondiale all’attuale ct, spero che riesca a dimostrare che con lui si siano sbagliati e buon lavoro in futuro al nuovo coach Howley.

  37. mediano 10 Settembre 2019, 17:36

    Entro nella discussione, senza avere al vs. competenza.
    Però anche a me sembra chiaro che il problema non sia certo il CT. I giocatori sono quelli, e nel rugby i miracoli non esistono. COS secondo me ha fatto qualche errore (vedi Esposito…) ma, come dice il proverbio, non si cava sangue dalle rape (detto con rispetto per i giocatori).
    Purtroppo in 20 anni, nonostante un aumento vertiginoso della base, non siamo stati capaci di programmare.
    Da Dominguez-Troncon non abbiamo aperture e mediani di livello, non abbiamo più una mischia come si deve,
    etc. Ci vorrebbe il coraggio di ripartire davvero da zero, via tutti, dal Presidente al magazziniere, e pensare alla Nazionale del 2030. Ma siamo in Italia………………….

  38. Azazello 10 Settembre 2019, 17:37

    Sinceramente non capisco la sorpresa di molti che si aspettavano un nuovo allenatore di livello superiore.Come se la nazionale Italiana fosse una squadra appetibile per un allenatore di rango,ma chi volete che venga a rovinarsi la reputazione(come ha fatto il povero COS)per un movimento privo di basi e gestito malissimo da tanto,troppo tempo?
    In bocca al lupo ad Howley,ne ha davvero bisogno.

    • carlo s 10 Settembre 2019, 19:15

      da quanto si legge Eddie Jones si era proposto, soltanto che il prezzo fuori budget, non è quindi che qui possano arrivare solo allenatori da Tier2. Brunel ad esempio non mi pare si sia bruciato con la nazionale italiana visto che ora allena quella francese.

      • LiukMarc 10 Settembre 2019, 19:41

        Vero, ma ha fatto talmente bene anche gli che gli hanno dato un baby sitter che lo sostituirà tempo di scendere dall’aereo una volta tornati… 🙂

      • aries 10 Settembre 2019, 20:10

        Per me la questione Jones non è primariamente legata al budget, piuttosto ad essere ingestibile, forse, sarebbe stato più il personaggio che lo stipendio. Mi sbaglierò…

      • Azazello 11 Settembre 2019, 09:20

        Forse Jones si era proposto ad un prezzo spropositato solo per riempirsi le tasche di soldini e poi goderseli in pensione,a queste condizioni allenare l’Italia potrebbe essere anche sopportabile.Per quanto riguarda Brunel lo considero un miracolato dall’ottusaggine francese che insiste nel volere allenatori di casa a discapito di una nazionale che ha potenzialità enormi se gestita da allenatori di livello:proviamo ad immaginare i francesi in mano a Jones,che cataclisma di squadra sarebbe potuto venir fuori..

  39. Andrea B. 10 Settembre 2019, 18:03

    La nazionale la può allenare anche il Mago Zurlí (Cit.)… Con il massimo rispetto di Howley, che per quanto, come lo definiscono alcuni, allenatore da tier 2, proviene da una filiera ed una tradizione di altissime competenze rugbistiche, che in Italia ci sogniamo.

  40. ivo romano 10 Settembre 2019, 19:27

    In tempi non sospetti speravo in Bortolami-Troncon non penso che potrebbero fare peggio di COS.

  41. rugbyunion4life 10 Settembre 2019, 20:06

    Il COS taumaturgico lascia alla fine di un quadriennio ricco più di aspettative che di risultati. Mi pare, ormai, che fare nomi sia superfluo: è la FIR profonda che andrebbe riformata (o estirpata, se preferite). Fino ad allora si andrà avanti a vista.

  42. Amedeos 10 Settembre 2019, 20:27

    Leggo commenti da far rabbrividire. Dopo 4 anni non vedo cosa abbia fatto di buono O’Shea, così a occhio…mi sembra che il nuovo abbia un curriculm sia.da giocatore che da allenatore migliore di quello uscente, uno ha giocato nei Lions, quell’altro estremo dell’Irlanda battuta dall’Italia, uno ha vinto da secondo un 6N, l’altro ha lasciato in rovina gli Arlequins. Nei commenti pare che l’Italia abbia sostituito Shmidt col sottoscritto. Bah….onestamente credo si possa solo andare a guadagnare, dopo aver visto piloni.sinistri a destra terze in seconda e lo scompiglio nei 3/4, e nessuno schema di gioco, oltre a non aver vinto manco una partita al 6N. Non credo abbia trovato di meglio e che scappi.

    • Superignazzio 10 Settembre 2019, 20:43

      COS è talmente scarso che rimarrà a spasso per un bel pó… proprio
      in italia non si riesce a fare rugby professionalmente!

    • Giambo 10 Settembre 2019, 23:20

      Mi sa che tu non hai ancora capito ciò che Munari ripete da almeno 2 anni: con questi giocatori nessuno, e sottolineo nessuno, avrebbe potuto fare meglio di COS. Munari l’ha sempre detto: i giocatori sono quelli, COS in questo momento è il meglio che ci possiamo permettere, e se parla sempre con ottimismo in sala stampa è solo perché se dicesse la verità il gruppo lo scaricherebbe come fecero con Mallet quando quest’ultimo disse “Italiani no buoni per il rugby”. Ciò che ora sarebbe servito era riconfermare COS, magari mettergli attorno gente più competente di De Carli e più numerosa del solo Smith. E’ dal 1999 che cambiamo allenatore ogni 4 anni, e puntualmente peggioriamo costantemente. E senza offesa per Howley, passare dal tecnico che ha vinto il titolo con gli Harlequins, all’assistente che la stampa britannica considera in maniera unanime il peggiore dello staff gallese mi sembra un passo indietro enorme. Con giocatori come i nostri, anche Hansen, Jones e Schimidt assieme perderebbero sempre, mettiamocelo in testa prima di sparare addosso a COS.

      • Corry.ro 11 Settembre 2019, 10:16

        Ci sono delle contraddizioni nel tuo discorso. Vorresti tenere COS perché i giocatori son questi e chiunque altro non farebbe meglio, ma sostituire De Carli che, secondo il tuo parere non è all’altezza. Mha! Personalmente ritengo invece che nessun altro allenatore precedente abbia avuto una rosa di giocatori più competitiva di questa atteso i risultati nel Pro14 del Benetton e, per alcuni aspetti, anche delle Zebre. Domando infatti come mai in un recente passato si vinceva qualche partita nei 6N (veggasi con Scozia, Irlanda e Galles), addirittura con giocatori del Top10, senza contare le vittore nei test con Argentina, Fiji, Samoa ecc.. ed aver raggiunto anche l’8° o 9° posizione nel ranking. Ma la cosa più grave non sono solo le sconfitte dell’era COS ma l’assenza e ripeto “assenza” di schemi di gioco essenziali ed appropriati al nostro dna di gioco. Non ho mai visto la nazionale, tranne in rarissime occasioni, convincere o mettere in atto un piano di gioco che possa essere definito tale. Una sorta di complesso di inferiorità ancor prima di iniziare le partite unito all’ansia del risultato a tutti i costi che poi ti porta a commettere le banalità a cui ripetutamente assistiamo e che ritengo non siano frutto dell’incapacità dei giocatori (per tornare al discorso competitività delle franchigie). Detto ciò non voglio dire che COS non sia una persona competente o un buon tecnico ma, ad oggi, ritengo sia stato, tra tutti quelli che lo hanno preceduto, il meno adatto e colui il quale non è riuscito, negli anni della sua gestione (e parliamo non di 1 ma di ben 4 anni), a forgiare la squadra secondo la sua ideologia né, tantomeno, si sono effettivamente visti i miglioramenti dallo stesso vantati. Per quanto tempo ancora avrebbero dovuto dargli fiducia?

        • Giambo 11 Settembre 2019, 11:36

          Mi sa che sei tu che non capisci. Io sono d’accordo con quanto dice Munari: non è COS il problema, ma i giocatori che gli danno da allenare e la filiera che li produce. Riguardo il discorso De Carli penso che sarebbe stato giusto sostituirlo per il semplice fatto che la nostra mischia, pur non disponendo di materia eccelsa, è regredita tantissimo anche nei fondamentali. Nessuno chiede a De Carli di arare le mischie inglesi o irlandesi, ma quantomeno che evitino di fare errori banali sì. Anche riguardo il discorso franchigie la tua critica a COS non regge: chi ha portato Crowley e Bradley in Italia? Chi li ha convinti ad abbracciare due cause perse come la Benetton e le Zebre di 3 anni fa? Senza contare che COS in nazionale non può disporre di gente del calibro di Ratuva, Ioane, Baravalle, Nasi, Brex, Duvenage, Faiva e Halafihi, gente che più di una volta ha tolto le castagne dal fuoco alla Benetton in Pro14, ma che in Nazionale non può giocare. E riguardo al discorso che una volta vincevamo una tantum è molto semplice: una volta avevamo Troncon, Parisse con 80 min sulle gambe, Castrogiovanni, Perugini, Masi, Festuccia, Bergamasco, Dominguez… oggi chi abbiamo? Canna con il calcetto a scavalcare? Lovotti che gli tocca giocare 40 partite l’anno poiché è l’unico pilone decente che abbiamo? Esposito? Senza contare che una volta si vinceva quasi sempre contro una Scozia in crisi profonda, oggi la Scozia in crisi non lo è più, noi invece sì. Ecco spiegato perché una volta ogni tanto vincevamo, mentre oggi non più. E come puoi vedere COS non ha colpe. E tenerlo altri 4 anni sarebbe stato logico, visto e considerato che nel 2015 ereditò un gruppo allo sfascio e due franchigie che campavano alla giornata. Oggi abbiamo quantomeno un gruppo unito, e due franchigie con degli ascensori per i giovani che hanno almeno un progetto in mente. Se fare tutto questo in 3 anni è poco allora continuate a credere nella bacchetta magica.

      • Amedeos 11 Settembre 2019, 11:57

        Di quello che dice munari mi importa poco, quello che conta sono i risultati. Su De Carli che è additato da tutti quale male assoluto posso solo dire questo, se spostare piloni da destra a sinistra e piloni a fare il tallonatore è una sua idea, beh non ho parole, ma il coach è O’shea che potrebbe invitarlo gentilmente a desistere e schierare lui i giocatori, di contro, se l’invenzione è sua De Carli ha poco da fare…no? Adattare le terze in seconda? 0 schemi di gioco? Formazioni fotocopia? Parisse non in condizione che gioca 80 minuti? Aperture messe a centro perché manco si è capaci di portare la gente in panchina? Potrei continuare ancora ma non ho voglia. O’shea arrivava da perdente (ci sono le classifiche che parlano) e va via da perdente. So da me che chiunque arrivi non vinceremo un sei nazioni o un mondiale, mi basterebbe perderle tutte contro squadre che ci schierino contro il top team, e non le riserve. Uno che analizzi davvero com’è andata la partita senza momentum, attimum, fit e strade giuste. Comunque, rispetto agli anni precedenti è fuori discussione che questa squadra sia più forte,quando mai abbiamo avuto delle terze così e anche fra i 3/4, e pure i numeri dicono che è la peggior nazionale di sempre.

  43. umberto 10 Settembre 2019, 20:35

    http://zupo-mattinopadova.blogautore.repubblica.it/
    forse la fonte è quella

    per quelli che “tanto peggio di cos non si può fare”… riguardatevi le storie di berbizier, mallet, brunel e ora cos e trovate le differenze
    Se siete giovani andate e rileggerle… se siete anziani andate e rileggerle;
    era Vico che parlava di corsi e ricorsi della storia?

  44. ermy 10 Settembre 2019, 21:44

    Ancora state a parlare dell’allenatore?
    Il problema è il manico, se non cambia nulla cambierà mai! Son quasi 40 anni che osservo, da dentro, da fuori, da sopra e da sotto… non è mai cambiato niente!!! O meglio, ogni passo in avanti è stato fatto in grave ritardo, il livello raggiunto è sempre stato già vecchio! Già obsoleto.
    Se non c’è un cambio radicale mai ci sarà un salto di livello, MAI!

    • Hrothepert 11 Settembre 2019, 00:37

      ermy, sono daccordissimo con te, qui si continua a parlare di allenatori; i quali, generalmente e a parte Brunel, che, infatti, poi ha fatto disastri anche con la Francia, hanno poche colpe (se non quella di promettere, al loro arrivo, cose irrealizzabili e di non avere, nel proseguo, il coraggio di dire le cose come stanno, l’ unico che ebbe il coraggio e l’ onestà intellettuale per farlo fu Mallet con il suo “Italiani no buoni pe’ Rugby!!”); quando il problema è il movimento nel suo complesso; qui andava rivoltato tutto, come un calzino, da anni, come hanno fatto i celtici e seguirne il modello (sopratutto quello scozzese), ma, qui, non si può fare, perchè tra club di dilettanti/amatori, che si credono di essere i Saracens, figli di zone della Penisola, che a forza di autodefinirsi Il Galles d’ Italia, si sono convinti di essere davvero come i Gallesi, Federazioni e Presidenti Federali che sono l’ espressione di tutto ciò, tutto rimane nel più assoluto provincialismo italico!!!
      Se anni fa avessimo intrapreso la strada lungimirante, di cui sopra, non saremmo arrivati lo stesso ai livelli dei nostri competitors, ma a toglierci qualche soddisfazione in più magari si.

    • LiukMarc 11 Settembre 2019, 09:16

      Il punto ermy (e sono d’accordo con te) è che il manico non si schioda, nemmeno di fronte all’evidenza che in 20 anni il rugby in Italia professionistico non lo è ancora diventato (se non per la generosità del sior Luciano), nonostante giochiamo il 6N (per me è un paradosso allucinante). Si parla di Co’S perchè – vero che non ha portato risultati – secondo me era uno che sapeva cosa c’era da fare (una montagna di roba), aveva le competenze per farlo ed era disposto a tirarsi su le maniche, ma evidentemente non era roba per noi, che ci accontenteremmo di vincerne una ogni 2 anni al 6N ma continuare a tirare a campare con club sull’orlo del fallimento, coppette da nulla e Accademie itineranti…
      Qualcuno facesse una bella intervista ad Ascione e Gavazzi mettendogli davanti all’evidenza risorse spese vs risultati,e vedi come ne parliamo 🙂

  45. fabiogenova 10 Settembre 2019, 21:46

    E’ importante capire se O’Shea passerà a Director of rugby dell’ovale italiano. Perchè se così non fosse, ricominciare da capo sarebbe dura. L’unico che doveva essere certamente tagliato, De Carli, è ancora lì. Ma soprattutto, tagliare l’head coach vuol dire mandare un messaggio implicito ai tifosi italiani; noi della federazione abbiamo lavorato bene, è il coach che non è riuscito a sfruttare le potenzialità di quello che gli abbiamo messo a disposizione. E’ come se un preside interrogasse i bambini di prima elementare sulla concezione dell’ontologia di Heidegger e se la prendesse con il maestro perchè questi non rispondono.

  46. fulvio.manfredi 10 Settembre 2019, 22:19

    Terminata la Coppa del Mondo Gavazzi convocherà una bella conferenza stampa dicendo: “Cari amici, cosa dovevo fare di più? Ho interpellato Jones, ma costava decisamente troppo; ho sentito Cheika, idem con patate; mi hanno consigliato anche Rennie dei Glasgow Warriors, ma non ne ha voluto sapere. A quel punto…: a quel punto speriamo che si sia consultato almeno con Franco Smith, che mi pare l’unico che lì dentro possa capirne qualcosa e che, tra l’altro, col nuovo CT dovrà collaborare. E noi continuiamo a sperare…

    • Superignazzio 11 Settembre 2019, 07:50

      ho smesso di sperare quando ho letto il titolo di questo articolo ieri pomeriggio…
      COS era la speranza, perchè aveva già un quadriennio di lavoro e si era calato nell’ambiente, magari col tempo avrebbe ottenuto anche delle riforme e dei miglioramenti per il movimento
      adesso si ricomincia daccapo con il discorso ascensore, che c’è ma privatamente tra club diversi, il problema degli U23 e così via, storie trite e ritrite già da anni

      • Corry.ro 11 Settembre 2019, 10:27

        Perché dici che si ricomincia daccapo! Non penso che il nuovo allenatore butti a mare tutto ciò che di buono si sarebbe fatto con la gestione COS. Sarebbe da matti!

        • Superignazzio 11 Settembre 2019, 11:27

          perchè tempo che il nuovo arrivi, impari la lingua, allacci dei legami in giro sul territorio, capisca dove si trova e come può muoversi, ci si raccapezzi di dove ha lasciato l’altro, ha perso minimo un paio d’anni
          se invece che fare come COS fa semplicemente l’allenatore allora è più semplice, ma meno conveniente per noi che come movimento avremmo bisogno di una ristrutturazione a lungo termine

  47. Parvus 11 Settembre 2019, 09:53

    mi accodo ad emry, ma l’ho sempre sostenuto che il preside deve essere ASSOLUTAMENTE cambiato, tanto peggio di così non si potrà fare. la nostra federzione sembra un mattatoio per bravi allenatori.
    con il preside deve uscire anche il dott. ascione e molti altri, de carli compreso.

  48. Parvus 11 Settembre 2019, 09:57

    mi è scappato il post, mi scuso.
    volevo ultimare, riproponendo una riflessione che ho letto, ma non ricordo chi l’ha scritta…., noi abbiamo bisogno di un progetto da 12 anni (per intenderci 3 mandati), non da 4 anni.

    buona giornata a tutti e anche a chi dirige la nostra federazione.

  49. rollus 11 Settembre 2019, 15:27

    Su Howley non credo ci si possa esprimere, Mi sembra che non abbia mai guidato una squadra del 6N, è una scommessa anche per lui: peggio di così non si può fare, quindi lui al massimo otterrà qualche vittoria, al peggio altra striscia di sconfitte. Fare peggio di COS sarà ben difficile. C’è da dire che dopo il mondiale tanti giocatori ormai al limite come età andranno via, Howley dovrà non solo creare una squadra con una parvenza di gioco e che non venga umiliata 8 volte su 10, ma dovrà stabilire delle gerarchie, delle leaderships, e non mi sembra una cosa facile. Oltre a prendere dei giocatori in grado di tenere il campo per 80 minuti
    Ultima cosa: dobbiamo noi essere i primi a capire dove e come vogliamo arrivare: Howley non ci farà vincere il 6N o sbancare a Cardiff o a Londra, né nel 2020 né nel 2021, mettiamocelo in testa, iniziamo a vedere un briciolo di gioco e di sostanza in campo.

    • rollus 11 Settembre 2019, 15:31

      Per guidato una squadra del 6N intendo proprio come allenatore, non come subentrato a qualcun altro e per un periodo limitato, come è successo nel 2013 e 2017.

  50. Mich 12 Settembre 2019, 10:09

    Quanto peso sulle spalle di COS, depositario di chissà quali verità scomode ed indicibili.
    Va via tra i fischi della maggior parte di noi, quando magari sa bene che forse non ha potuto fare il suo lavoro come avrebbe voluto, o che magari, com’è più evidente, ha fatto del suo meglio con il materiale umano e la struttura federale che aveva.
    Giusto cambiarlo, assolutamente. I topo manager che, indipendentemente dalla potenzialità aziendali, non vanno devono essere rimossi e sostituiti foss’anche per semplice immagine.
    Chiedo solo ai suoi detrattori di indicare qualcuno, Gatland o Hansen inclusi se lo credono, che avrebbe potuto fare meglio.
    Io vengo dagli sport da combattimento, e non credo che se fossi stato preparato per anni da Freddie Roach oggi avrei qualche cintura in più, rispetto alle 0 che ho.
    Personalmente, da tifoso e sportivo, ringrazio COS per la sua disponibilità e per il lavoro svolto, augurandogli sinceramente il meglio e dò il benvenuto al nuovo coach.

Lascia un commento

item-thumbnail

Italia: annullato ufficialmente il tour in Nuova Zelanda

Gli Azzurri non giocheranno nessun test nella finestra internazionale estiva. Presto il nuovo CT

10 Maggio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Nazionale italiana: 8 nuovi azzurri, dopo la delibera dello scorso consiglio federale

Sale così a 709 il numero dei giocatori ad aver indossato la maglia della Nazionale maggiore in Test Match ufficiali

4 Maggio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: salta il tour in Nuova Zelanda. Niente test match con gli All Blacks

Manca solo la conferma ufficiale, ma la federazione neozelandese si starebbe già muovendo in altre direzioni

4 Maggio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Guy Novès: “Italia? Cosa vecchia. Lusingato, ma ho già rifiutato”

L'ex CT della nazionale francese ha rivelato che un interesse ad affidargli la panchina azzurra c'è stato, anche se in passato

12 Aprile 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Avvicendamento in arrivo alla guida e nello staff della Nazionale italiana?

Stando ad alcune indiscrezioni potrebbero avvenire importanti cambiamenti nello staff tecnico degli azzurri

10 Aprile 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale