Australia: è corsa contro il tempo per avere a disposizione James O’Connor già nel Rugby Championship

Il trequarti volerà alla volta del Sudafrica dove a sorpresa potrebbe addirittura giocare contro gli Springboks

ph. Rogan Ward/Action Images

Da “dimenticato” a quasi indispensabile? E’ la storia di James O’Connor. L’utility back è tornato in Australia e Cheika lo ha individuato come uno degli uomini della sua rosa per la prossima Rugby World Cup, ma le regole non gli consentono di averlo ancora a disposizione nel roster che si avvicinerà all’evento iridato passando dal Rugby Championship.

Clicca qui per leggere il calendario del Rugby Championship

La regola overseas
Dal 2013 O’Connor è approdato nell’Emisfero Nord per poter giocare con i club europei lasciando di fatto la nazionale australiana. Il giocatore classe 1990 è infatti fermo a 44 caps ufficiali con la maglia dei Wallabies e questo non gli consente di essere preso in considerazione, perchè la regola “overseas” dice – al momento – che per essere selezionati dal coaching staff della nazionale, giocando all’estero, servono almeno 60 caps.

Addio Sale Sharks: alla porta i Reds
Vista la situazione, O’Connor a chiesto e ottenuto (dopo una trattativa con il club inglese, ndr) di essere liberato dai suoi obblighi contrattuali per tornare in patria e legarsi a una franchigia del Super Rugby. I Reds si sono resi disponibili a offrire una possibilità al giocatore ma al momento, senza l’ufficialità di un contratto depositato, la situazione non può ritenersi sbloccata.

Intanto in ritiro…una quadro intricato
Nel frattempo Cheika ha diramato la lista di convocati per l’impegno del prossimo 20 luglio in Sudafrica, nella prima giornata del Rugby Championship, di cui non faceva parte ovviamente James O’Connor; rimasto in Australia ad allenarsi.  Ad oggi però i vicecampioni del mondo hanno perso un elemento della rosa come Marika Koroibete, il quale ha preferito stare a casa per rimanere vicino alla moglie in procinto di partorire.
Cheika, insieme al management federale, ha deciso allora di richiamare O’Connor – che a breve dovrebbe partire per la Rainbow Nation – per provare a vedere se, una volta sbloccata la situazione contrattuale nel giro di qualche giorno, il giocatore possa essere a disposizione dei Wallabies: “Solo Madre Natura sa quando Koroibete tornerà con noi – scherza l’head coach – fino ad allora O’Connor starà con noi e avrà la chance di inserirsi nei ritmi e negli schemi della squadra, poi valuteremo il da farsi”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby Championship: Aphiwe Dyantyi fuori per l’esordio del Sudafrica

L'ala salterà la sfida contro l'Australia per un infortunio rimediato in allenamento

16 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: i 30 convocati dell’Argentina per la sfida agli All Blacks

Il capitano sarà Creevy, escluso Juan Imhoff. Nel gruppo c'è anche un uncapped

16 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Verso il Rugby Championship 2019

Il punto della situazione dai 4 camp impegnati nella preparazione del torneo

14 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

All Blacks, Rugby Championship e RWC: Ben Smith è pronto alle ultime battaglie della sua carriera

L'estremo potrebbe essere addirittura il capitano dei campioni del mondo nel primo impegno ufficiale del 2019

11 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship 2019: Santiago Cordero con i Pumas

Mossa a sorpresa di Ledesma, che chiama in nazionale il giocatore degli Exeter Chiefs

6 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: i 34 convocati dell’Australia

Dopo tre anni torna in nazionale Christian Lealiifano. Per il momento non c'è ancora spazio per James O'Connor

4 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship