World Cup 2019, il capitano del Giappone Michael Leitch: “Questa volta non ci sarà l’effetto sorpresa”

I padroni di casa puntano al passaggio del turno contando sulla spinta che arriverà dal pubblico

scozia giappone test match Michael Leitch

ph. Reuters

“Quello che abbiamo fatto nel 2015, quando battemmo il Sudafrica, ha fatto svanire da quel momento in poi l’effetto sorpresa nei nostri confronti. Ora le squadre ci affrontano con attenzione e preparazione”, parola di Michael Leitch capitano del Giappone che si prepara a giocare in casa la prossima Rugby World Cup.

La nazionale del Sol Levante è stata inserita nella Pool A, insieme a Irlanda, Scozia, Samoa e Russia, e ha come obiettivo quello di superare la prima fase per approdare ai quarti di finale: “Un po’ di pressione ci sarà, ma disputare le partite davanti al nostro pubblico penso che sarà un vantaggio. Abbiamo una grande chance diventando magari fonte di ispirazione per i bambini e i ragazzi del Paese. Personalmente non vedo l’ora di iniziare a giocare davanti a loro”.

Clicca qui per leggere il calendario e gli orari della Rugby World Cup 2019

Poi prosegue con un’analisi sulle avversarie: “Molti di noi hanno già giocato il Mondiale 2015 e sappiamo che tutte le squadre in questa competizione possono rappresentare una minaccia: è ovvio poi che, visto il precedente iridato, la sfida con la Scozia sarà per noi un qualcosa di particolare. Quattro anni fa andammo vicino al colpaccio, salvo poi perdere con loro (finì 45-10 a favore degli scozzesi) e venire eliminati”.

Infine un pensiero sui Sunwolves: “Avere una franchigia è necessario per progredire al giorno d’oggi, nel mondo del rugby; anche perchè la sola Top League non ci basta. L’esclusione dal Super Rugby, non fa tramontare comunque i Sunwolves. Ci sono due possibilità all’orizzonte: o lo spostamento nel Rapid Rugby (torneo dell’area asatico-pacifica) o il trasferimento in Europa”. 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019