Richie McCaw: “L’eliminazione dalla Rugby World Cup ’07 è una delle cose migliori che mi siano successe”

Il terza linea degli All Blacks, con il passare degli anni, ha modificato il punto di vista personale sul k.o. di Cardiff

ph. Sebastiano Pessina

A distanza ormai di oltre una decade, nonostante quel tonfo abbia rappresentato anche l’ultima grande delusione del movimento tuttonero, in Nuova Zelanda, la sconfitta di Cardiff contro la Francia, nel quarto di finale mondiale, il 6 ottobre 2007, resta una ferita ancora aperta. Un k.o. che, entrato di forza nell’immaginario collettivo oceanico, rievoca vecchi fantasmi, legati soprattutto al beffardo andamento di quella sfida, inizialmente gestita, in pieno controllo, da parte dei ragazzi di Graham Henry, prima di scivolare via, lentamente, nelle mani francesi. Una delusione cocente, descritta in termini apocalittici dalla stampa neozelandese, per certi versi paragonabile e paragonata ad altre grandi debacle della storia dello sport, come il ‘Maracanazo’ brasiliano nel calcio, al mondiale 1950, seppur in un contesto molto diverso.

Leggi anche: La prima lista di All Blacks verso la Rugby World Cup 2019

Una serata, quella in terra gallese, su cui è tornato recentemente Richie McCaw, leggendaria terza linea e capitano degli All Blacks, approcciandosi a quell’evento nefasto, però, da un’angolatura del tutto particolare.

Parlando al podcast ‘A Few Hard Man’, infatti, l’ex Crusaders ha dichiarato che, se inizialmente quella partita poteva essere la risposta più adatta ad una domanda su quale fosse la cosa peggiore mai accadutagli nel contesto ovale, con il tempo si è reso conto che quella serata del Millenium Stadium è stata una delle cose migliori ad essergli successe.

“Senza quella delusione non avrei messo lo stesso impegno, ed investito il medesimo tempo per archiviare tutto quello che abbiamo ottenuto negli anni successivi. Non credo che gli All Blacks avrebbero avuto successo per otto anni se non avessimo attraversato quella nottata, che ci ha mostrato la difficoltà di vincere un Mondiale. Quel k.o. ha messo tutto nella giusta prospettiva, facendo sì che, dopo Cardiff, nulla venisse più dato per scontato”, ha spiegato dettagliatamente Richie McCaw.

Una lezione amara, dalla quale, tuttavia, è nata un’epopea di colore nero, con la squadra di Henry prima, ed Hansen, poi, che ha alzato ulteriormente l’asticella della propria competitività, inanellando successi dopo successi per più di dieci anni consecutivi, e la sensazione è che non abbia nessuna intenzione di fermarsi, con la Rugby World Cup nipponica già nel mirino.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby World Cup: ufficializzate le fasce per il sorteggio dei gironi dell’edizione 2023

Per l'Italia, in terza, da un lato l'incubo per un nuovo raggruppamento di ferro, dall'altra la "speranza" Giappone

3 Ottobre 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Cinque anni fa il miracolo di Brighton, quando il Giappone sconfisse il Sudafrica

La partita più incredibile nella storia dei Mondiali di rugby

19 Settembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: posticipati i sorteggi della fase a gironi

Rinviato il momento della formazione delle pool per la prima fase del torneo iridato

8 Settembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup: un’unica selezione per tutti i mondiali fino al 2031

Le sedi delle edizioni 2027 e 2031 del torneo maschile e quelle 2024 e 2028 di quello femminile saranno scelte a maggio 2022

13 Agosto 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: la coppa inizia il suo “Tour de France”

Il trofeo sarà esposto in 23 città sul territorio transalpino

31 Luglio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Rugby World Cup 2027: Putin appoggia la candidatura della Russia

Potrebbe esserci una nuova prima volta a livello iridato

29 Luglio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup