Pro14: Ulster e le altre, com’è andata la diciottesima giornata

Tutti i risultati del sabato del campionato celtico, con un occhio alla volata finale per i playoff

ph. Luca Sighinolfi

Si è conclusa nella giornata di sabato la giornata numero 18 del Pro14. Abbiamo già raccontato dei risultati negli anticipi di venerdì di Benetton, Scarlets e Edinburgh, tutte squadre coinvolte nella volata per i playoff della conference B. Sabato sera hanno anche giocato le Zebre a Thomond Park, dove, nonostante una buona prima frazione di gioco, sono uscite sconfitte.

Guarda anche: Pro14: gli highlights della bella prova zebrata sul campo di Munster

Di seguito, il quadro riassuntivo dei tre restanti match di sabato e il riepilogo della corsa ai playoff.

pro14
Glasgow Warriors v Cheetahs 

Glasgow non molla l’ambita prima posizione della conference A, battendo 35 a 17 i Cheetahs sul proprio campo. Una partita indirizzata bene sin dalle prime battute, con capitan Gibbins a sfondare oltre la linea dopo cinque minuti. Al quarto d’ora buona risposta sudafricana, con la meta di Small-Smith, non trasformata. I Warrors dimostrano però immediatamente che direzione vogliono imprimere alla partita, andando a segnare con Steyn al diciassettesimo e con Hughes al ventottesimo. Il tabellone non si sarebbe più mosso fino all’intervallo dal 21 a 5 provvisorio.

Nella ripresa i Cheetahs provano a riaprire i giochi subito: al 45′ Dweba supera ben quattro difensori per accorciare sul 21 a 12. I padroni di casa saranno però bravi a chiudere i conti solo dieci minuti più tardi, con MacDowell a chiudere una bella azione verticale e firmare la meta del bonus. I Cheetahs, mai domi, continueranno ad attaccare fino al termine della partita, ma verranno colti in fallo da un fulmineo contrattacco scozzese a quattro minuti dal fischio finale, con il seconda linea Scott Cummings a schiacciare infine oltre la linea. Rimane il tempo solo per la doppietta personale di Small-Smith che abbellisce il risultato finale.

Ulster v Southern Kings 

Era la partita più interessante per i destini del Benetton. I nordirlandesi, infatti, ospitavano i Kings con la consapevolezza che una vittoria avrebbe significato il sorpasso sulla compagine italiana. Così è stato: troppo forte Ulster per la franchigia sudafricana, che è peraltro rimasta attaccata al match più del previsto.

I padroni di casa hanno iniziato a spron battuto, mettendo subito a segno due mete con Stuart McCloskey e Rob Lyttle (5′ e 14′), ma i Kings hanno immediatamente replicato con l’ex Zebre Ulrich Beyers e l’ala Yaw Penxe per portarsi sul 14 a 12 dopo 26 minuti di gioco. Ulster è poi riuscito a spezzare l’equilibrio a cavallo dell’intervallo, segnando al 35′ con Marcell Coetzee e al 47′ con Robert Baloucoune. I Kings si sono quindi riportati sotto break a diciassette minuti dalla fine, dopo un breve periodo di dominio dell’ovale. La meta del 26 a 19 porta la firma di Michael Willemse. Poco dopo, però, i sudafricani si giocavano le chance di rientrare definitivamente in partita vedendosi comminare un giallo e un rosso a spese rispettivamente di Rudi van Rooyen e Tertius Kruger. Ulster ha quindi messo il sigillo finale con John Andrew per chiudere 33 a 19 e conquistare il secondo posto in classifica nella conference B.

Ospreys v Dragons

Secondo incrocio gallese della giornata e seconda vittoria per la squadra di casa: gli Ospreys superano i Dragons 29 a 20, grazie al poker di mete messo a segno dall’estremo Dan Evans.

Una serata da ricordare per il giocatore, che ha tolto le castagne dal fuoco a una squadra di Swansea che aveva chiuso in svantaggio la prima frazione, 10 a 17, per effetto delle mete Dragons di Rhodri Williams e Hallam Amos, con l’aggiunta dei 7 punti al piede di Jason Tovey. Dopo aver segnato al sesto del primo tempo, però, Evans tornava a timbrare il cartellino alla prima azione della ripresa. Le due mete in rapida sequenza (52′ e 61′) significavano prima il sorpasso e poi l’ottenimento della vittoria per gli Ospreys, grazie anche alle trasformazioni di Luke Price e del suo sostituto Sam Davies.

La strada verso i playoff

Nella conference A solo un punto separa Glasgow dalla matematica certezza della qualificazione ai playoff. Continua la corsa con Munster per ottenere il prezioso primo posto che da diritto al passaggio diretto alla semifinale. Nessuna delle due ha un calendario semplice da qui al termine, con i Warriors che rimangono leggermente favoriti per i tre punti di vantaggio e perché tra due giornate affronteranno, seppure a Dublino, un Leinster che invece è già sicuro della prima posizione.

Per la terza posizione rimane agguerrita la corsa fra Cardiff Blues e Connacht: entrambe hanno ottenuto cinque punti e si trovano ancora appaiate. I gallesi devono affrontare Munster in trasferta nella prossima giornata, mentre Connacht giochera a Parma. Nel turno successivo, il penultimo della stagione regolare, ci sarà lo scontro diretto a Galway.

Nella conference B la situazione è intricata, con ancora 4 squadre a lottare per 2 posti al sole (Leinster è già sicuro della prima piazza, come detto). Dopo i risultati del weekend fa corsa di testa Ulster, che però deve affrontare un mini-tour in Scozia contro Glasgow e Edinburgh, diretta concorrente, prima di chiudere in casa contro Leinster il 27 aprile. Segue a quattro lunghezze di distanza il Benetton che sarà all’RDS Arena di Dublino ad affrontare il Leinster nel prossimo turno, dove la squadra di Crowley è costretta a fare punti. Segue la sfida casalinga con Munster, prima dell’ultimo incontro a Parma con le Zebre.

Dietro il Benetton insegue un Edinburgh redivivo: gli scozzesi, rinvigoriti dai tanti ritorni dei giocatori internazionali e di alcuni infortunati, puntano a fare le scarpe alle dirette avversarie Scarlets e Ulster, i primi da affrontare a Llanelli e i secondi da attendere nella capitale. Chiude i conti un derby contro Glasgow che potrebbe dipendere molto dalle rispettive situazioni di classifica. Infine, ancora attaccati al treno playoff con le unghie e con i denti ci sono proprio quegli Scarlets che ospiteranno Edinburgh nella prossima giornata. I gallesi contano su un finale relativamente soft: Zebre in casa e Dragons a Newport per un colpo di reni finale in volata.

Il Pro14 si ferma adesso per una settimana, lasciando spazio ai quarti di finale delle coppe europee dove saranno impegnate Edinburgh, Munster, Glasgow Warriors, Leinster e Ulster in Champions Cup, e il Connacht in Challenge. La ripresa delle ostilità è fissata per il prossimo 5 aprile.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Benetton Rugby, le parole di Amerino Zatta: “Le squadre straniere ci guardano con più attenzione”

Il presidente dei veneti si è concentrato anche sulla continuità e la credibilità del progetto biancoverde

18 luglio 2019 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Rugby Championship, All Blacks: la formazione che sfida l’Argentina al debutto

Sevu Reece debutta da titolare, con altri quattro uncapped in panchina. Rientra Ben Smith, Sam Cane sarà il capitano

18 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Top14: Mathieu Bastareaud giocherà nel Lione prima di andare negli Stati Uniti

Il giocatore rimarrà in Francia per aiutare il club e la sua rosa, durante il periodo della Coppa del Mondo

18 luglio 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Un ex nazionale gallese nella Major League Rugby

Si tratta di Dominic Day, che dopo due anni ai Saracens si trasferirà in California

18 luglio 2019 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Speciale Rugby World Cup 2019: città e stadi – Toyota e Osaka

Quarta puntata del nostro viaggio nelle strutture e nelle località che ospiteranno la RWC 2019

18 luglio 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby Championship: il primo Sudafrica del 2019

Due esordienti (Elstadt e Herschel Jantjies) dal primo minuto, con diversi big a riposo

17 luglio 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship