La partita decisiva per il Benetton

Bordeaux-Connacht deciderà il destino dei Leoni: se gli irlandesi non vinceranno, i biancoverdi andranno ai quarti

Jack Carty, con Bundee Aki sullo sfondo (ph. Reuters)

La partita decisiva per le speranze di qualificazione del Benetton Rugby ai quarti di finale di Challenge Cup si gioca allo stade Chaban-Delmas di Bordeaux. I padroni di casa, terzi e già eliminati dal torneo, affronteranno sabato pomeriggio (calcio d’inizio alle ore 16) il Connacht, primo a pari merito con i Sale Sharks a quota 17. Dal risultato della sfida tra francesi e irlandesi si conoscerà il destino dei biancoverdi, vittoriosi venerdì sera a Grenoble con un netto 7-39 e secondi nel proprio girone con 20 punti dietro, gli Harlequins.

Perché è decisiva

Ai quarti di finale passano le prime cinque di ciascun girone e le tre migliori seconde tra le cinque Pool. Due di questi tre posti sono di fatto già assegnati. Uno è per i Northampton Saints (21 punti), vittoriosi venerdì sera contro il Timisoara; l’altro sarà per una La Rochelle e Bristol nel Girone 4, perché gli inglesi presumibilmente vinceranno con bonus contro l’Enisej e i francesi affronteranno le Zebre a Parma, partendo con i favori del pronostico. E anche se i rochelais dovessero perdere contro gli italiani restando a 20 punti, la sconfitta dovrebbe annullare l’enorme divario di 57 punti che c’è al momento tra La Rochelle (+122) e Benetton (+65).

Nel Girone 3, invece, la situazione è meno definita proprio a causa della sfida tra Bordeaux e Connacht. Ci sarebbero anche i già citati Sharks, ma gli inglesi affronteranno in casa il Perpignan e una loro vittoria sembra altrettanto scontata. Non è lo stesso per gli irlandesi, almeno sulla carta.

I girondini, allenati da Rory Teague, hanno disputato una fase a gironi troppo altalenante per poter lottare in zona qualificazione: hanno pareggiato in casa con Perpignan alla seconda giornata, per poi subire ben 50 punti in casa da Sale. Alla rivincita, tuttavia, sono stati capaci di vincere in Inghilterra, quando però era ormai troppo tardi per rientrare in corsa.

Bordeaux non scende in campo con la formazione migliore possibile, ma non mancano i giocatori di primo livello in campo: il centro neozelandese Tamanivalu, il mediano di mischia (e leader della squadra) Baptiste Serin, il flanker Woki e il seconda linea Galarza in particolare. Partiranno dalla panchina Adrien Pélissié e il pilone della nazionale Jefferson Poirot. Tra i big, invece, non ci saranno Semi Radradra, Kane Douglas, Brock James e Nans Ducuing.

Il Connacht schiera invece quasi tutti i titolari di fatto, anche se in mediana ci saranno Horwitz e Kerins al posto di Carty e Blade, i titolari delle maglie 10 e 9, che si accomodano in panchina. Per il resto, Andy Friend non ha voluto rischiare: dentro Farrell, Aki, Roux, McKeon e Bealham tra gli altri, con il chiaro obiettivo di espugnare la fortezza girondina.

Per la qualificazione del Benetton, servirà una vittoria di Bordeaux o un pareggio. In caso di arrivo a pari punti tra Connacht e trevigiani, i Leoni sarebbero avvantaggiati da una migliore differenza punti (il Connacht è a +20).

All’andata, giocata allo Sportsground di Galway, tra le due squadre è finita 22-10.

Le formazioni

Bordeaux-Bègles: 15 Darly Domvo, 14 Nicolas Plazy, 13 Seta Tamanivalu, 12 Ulupano Seuteni, 11 George Tilsley, 10 Lucas Meret, 9 Baptiste Serin, 8 Leroy Houston, 7 Alexandre Roumat (c), 6 Cameron Woki, 5 Cyril Cazeaux, 4 Mariano Galarza, 3 Viliamu Afatia, 2 Maxime Lamothe, 1 Laurent Delboubes
A disposizione: 16 Adrien Pélissié, 17 Jefferson Poirot, 18 Vadim Cobilas, 19 Afa Amosa, 20 Nathan Decron, 21 Jules Gimbert, 22 Simon Desaubies, 23 Geoffrey Cros

Connacht: 15 Tiernan O’Halloran, 14 Darragh Leader, 13 Tom Farrell, 12 Bundee Aki, 11 Matt Healy, 10 David Horwitz, 9 Stephen Kerins, 8 Eoin McKeon, 7 James Connolly, 6 Paul Boyle, 5 Quinn Roux (c), 4 Gavin Thornbury, 3 Finlay Bealham, 2 Shane Delahunt, 1 Peter McCabe
A disposizione: 16 Jonny Murphy, 17 Matthew Burke, 18 Dominic Robertson-McCoy, 19 James Cannon, 20 Eoghan Masterson, 21 Caolin Blade, 22 Jack Carty, 23 Eoin Griffin

Arbitro: Marius Mitrea (Italia)
Assistenti: Adam Leal (England), Paul Dix (England)

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

La vittoria del Connacht elimina il Benetton dalla Challenge Cup

Gli irlandesi rimontano negli ultimi dieci minuti a Bordeaux e condannano i veneti

19 gennaio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: La Rochelle espugna Parma. Zebre battute 10-22

Agli emiliani non basta la meta di Biagi e un ottimo primo tempo

19 gennaio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: il Benetton domina a Grenoble e vince 7-39

Ottima prestazione dei biancoverdi, che marcano cinque mete. Ma per conoscere il proprio destino bisognerà aspettare sabato pomeriggio

18 gennaio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Zebre Rugby: il XV per chiudere in bellezza con La Rochelle

Ultimo turno di Challenge Cup per i ducali: Canna torna titolare, 8 i cambi rispetto a una settimana fa

18 gennaio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Challenge Cup: il Benetton Rugby va a caccia della qualificazione a Grenoble

Ai Leoni serve una vittoria con bonus, per poter attendere speranzosi i risultati del sabato

18 gennaio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Cosa serve al Benetton per passare il turno in Challenge Cup

Con una vittoria a Grenoble, i Leoni dovranno sperare soprattutto nel Bordeaux e in un'eventuale sconfitta del Connacht

14 gennaio 2019 Coppe Europee / Challenge Cup
  1. marcoV 19 gennaio 2019, 11:59

    Redazione, Craig Maxwell-Keys non è stato sostituito da Mitrea!??

  2. marcoV 19 gennaio 2019, 12:00

    Quotazioni dei bookmakers fin troppo possibiliste, secondo me Connacht difficilmente sbaglierà partita!

  3. Bariddu 19 gennaio 2019, 12:14
  4. aldo68 19 gennaio 2019, 12:55

    Quindi se le Zebre vincono 58-0 passa il Treviso? 🙂

  5. mauro 19 gennaio 2019, 13:56

    Lo so, non dovrei scrivere ma oggi faccio un’eccezione.
    Cara @redazione, oggi sono vent’anni che Ivan ci ha lasciato.
    Ivan non è il nome di un’accademia da asterisco, Ivan Francescato è stato ed è nei cuori di chi lo ha amato come atleta il più grande, dopo di lui non ne son venuti più di grandi come lui.
    Capisco che forse l’ufficio stampa delle zebre non lo ha incluso nelle notizie da pubblicare ma se un rugbista, praticante o scrivente, dimentica Ivan è condannato a correre da solo nel campo o a scrivere di nulla.
    Arriverderci a tra un anno, sperando che la prossima volta lo ricordiate

  6. DropMan 19 gennaio 2019, 15:29

    Nel girone 2 le francesi ci stanno facendo un gran favore!!

    • gian 19 gennaio 2019, 15:33

      non ci fanno nessun favore, vada come vada è l’unico girone in cui si sa che ne passa una sola

      • gian 19 gennaio 2019, 15:35

        l’unica cosa che non so è che se vanno a pari punti i warriors e gli ospreys, chi passa, ma gli ospreys al massimo arrivavano secondi a 17, quindi fuori

        • gian 19 gennaio 2019, 15:45

          finita e dubbio tolto, passa worcester con, al momento, 17, seconda, sempre adesso, lo stade a 15, pau e ospreys a 13…

          • DropMan 19 gennaio 2019, 15:49

            Vero vero, ho sbagliato…allora dobbiamo solo attendere il Bordeaux!

          • gian 19 gennaio 2019, 15:50

            tristemente sì, o l’enisei w 60 punti delle zebre 😀
            comunque a worcester stanno facendo sagra, pare, adesso tutti e due con bonus offensivo e stade sopra di 5 a 4/5 min dalla fine

          • gian 19 gennaio 2019, 16:03

            però, lo stade è riuscito a subire 17 punti in 10 minuti scarsi e nonostante ne abbia fatti 3 ha perso, quindi classifica worcester 22, ospreys e pau 13, stade 12

  7. Bariddu 19 gennaio 2019, 16:21

    ahi, la vedo male per il Bordeaux

    • gian 19 gennaio 2019, 16:33

      in 3 minuti 10 punti e sono sopra di uno…

    • Bariddu 19 gennaio 2019, 16:33

      come non detto,13 a 12 per bordeaux. ma che piede ha Meret? centra i pali da metacampo…

  8. gian 19 gennaio 2019, 16:31

    e l’opzione suicidio bristol, mi sa che ce la siamo giocata, negli altri campi non è che vada meglio,

  9. gian 19 gennaio 2019, 16:41

    e intanto calvisano fa i 5 pt e quindi l’anno prossimo c’è una domestica di sicuro, bene

  10. Bariddu 19 gennaio 2019, 16:44

    20-19 fine primo tempo.

  11. gian 19 gennaio 2019, 16:46

    botta e risposta, meta e trasformazione connacht e risposta bordeaux, 20 a 19 praticamente al riposo, sale, intanto, che non si sa mai, è sopra solo di 10

  12. gian 19 gennaio 2019, 17:30

    sale prende il largo, BO e partita praticamente chiusa, una prece per bordeaux

  13. demon1981 19 gennaio 2019, 17:36

    Grave errore di Bordeaux in attacco e Connact ringrazia e rientra in partita…

  14. demon1981 19 gennaio 2019, 17:42

    Calcio, Connact sopra di 2
    Mi sa che le speranze di Treviso sono ridotte al lumicino..

    • gian 19 gennaio 2019, 17:46

      ma non si può andar fuori perché tu perdi una partita di 1 e questi ne portano a casa 2 di 2 punti negli ultimi 5 minuti…

      • demon1981 19 gennaio 2019, 17:53

        la partita l’ha persa Bordeaux, quando ha scelto di andare in touche anzichè prendere i 3 punti ai pali al minuto 70.
        Treviso ha disputato un ottimo torneo ma alla luce delle convoczioni per il 6 Nazione avrebbe avuto mezza squadra scarica e non pronta per affrontare la fase finale.

  15. Bariddu 19 gennaio 2019, 17:45

    evabbè, per un pelo fino al 78′ eravamo qualificati… :'(

  16. tifoso ignorante 19 gennaio 2019, 17:46

    Per un intercetto a 2 minuti……..😣

Lascia un commento