Slow Motion #29: Romain Ntamack, il talento del predestinato

Nella meta di Huget, c’è tanto del giovane trequarti che si sta confermando come uno dei giocatori più interessanti di tutta Ovalia

Slow Motion è la rubrica di OnRugby che ogni settimana racconta la meta più bella del weekend, nei minimi particolari, corredata dal video. Il fanatico ovale la segue così: prima se la guarda tutta, e poi torna indietro a leggere paragrafo per paragrafo, alternando il tasto play a quello pausa. Qui la scorsa puntata. Buon divertimento.

L’ultimo weekend dell’anno ha prodotto innumerevoli marcature pesanti di grande qualità in giro per i campi di tutta Europa. È stato ancor più difficile del solito, per certi versi, assegnare la palma di meta del fine settimana. Una scelta che, per bellezza ed importanza della segnatura, è ricaduta sul primo sigillo di Tolosa nella gara di Top 14 dominata contro Tolone.

In un Ernest Wallon stracolmo, la squadra di casa disputa una gara semplicemente strepitosa su tutta la linea, sempre in controllo del match. Per scoprire, però, chi è il grande responsabile del primo strappo dell’incontro serve citofonare a casa di Romain Ntamack (nominato, la scorsa settimana, nella nostra selezione dei migliori trequarti dell’anno solare 2018). Il figlio di Émile, uno dei centri giovani più talentuosi del panorama mondiale fa danni alla difesa avversaria ogni qualvolta il pallone transiti tra le sue mani.

Poco dopo la mezzora di gioco, appena fuori dai 22 m avversari, Ntamack esegue un side-step a velocità supersonica, mettendo a sedere il primo difensore, battendone poi un altro paio, e facendo collassare la difesa di Tolone, che riesce a fermarlo a pochi passi dalla meta, ma è chiaramente sbilanciata, e viene punita poco dopo.

Leggi ancheTop 14: tutti i temi più interessanti del turno 13 in ‘parole e numeri’

Antoine Dupont, mediano di mischia locale, infatti, dopo un paio di fasi utili a fissare ulteriormente l’apparato difensivo ospite, imprime un’accelerazione notevole, allargando il gioco sull’apertura Thomas Ramos, che coadiuvato dal solito ineffabile Ntamack, gestisce in modo sublime la distribuzione dell’ovale, attivando la corsa super efficace del veterano transalpino Yoann Huget, che vola oltre la linea senza grossi patemi, siglando la meta più bella (e probabilmente importante) di un incontro che ha ribadito, se ce ne fosse stato ancora bisogno, che Tolosa è tornato al vertice del Top 14, e del rugby mondiale in generale.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Il postino placca sempre due volte, ep. 4: come si analizza una partita?

Lo abbiamo chiesto a Nicola Gatto, video analyst del Benetton, e abbiamo cercato di capire come funziona nel mondo del Top 12

20 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il vero valore dello sport nella carezza di Médard e nelle lacrime di Parisse

Breve riflessione su due episodi accaduti sabato all'Olimpico

18 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il postino placca sempre due volte, ep. 3: attacco e difesa

Torna la rubrica con le domande dei lettori: oggi ci occupiamo dello schieramento dei giocatori in fase offensiva e difensiva

13 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #36: l’insostenibile leggerezza dell’Earls

Con un meccanismo perfetto da orologio di grande marca, l'Irlanda manda in meta la sua velocissima ala

11 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il postino placca sempre due volte, ep. 2: alla base del rugby

Fabrizio ci ha chiesto qualche delucidazioni su alcuni ruoli del nostro sport, e abbiamo cercato di accontentarlo

6 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #35: Duecentocinquantasette secondi

Un'azione di gioco infinita, con i polmoni di Cory Hill premiati dopo lo sforzo collettivo di tutta la squadra: è la meta della settimana

26 febbraio 2019 Terzo tempo