Slow Motion #27: la forza della disperazione

Nel cercare una rimonta (poi non riuscita), Gloucester ha tirato fuori dal cilindro una meta davvero spettacolare a Exeter

owen williams gloucester

Owen Wlliams durante Gloucester-Exeter (ph. Reuters)

Slow Motion è la rubrica di OnRugby che ogni settimana racconta la meta più bella del weekend, nei minimi particolari, corredata dal video. Il fanatico ovale la segue così: prima se la guarda tutta, e poi torna indietro a leggere paragrafo per paragrafo, alternando il tasto play a quello pausa. Qui la scorsa puntata. Buon divertimento.

La forza della disperazione può produrre risultati insperati, piccoli miracoli e imprese straordinarie, oppure lampi di pura follia che rimangono tali, perché poi non portano a nulla di realmente concreto. Nell’ultima giornata di Champions Cup, ad un certo punto il Gloucester può fare affidamento solo a quella per cercare di rimontare Exeter, scappato sul 10-22 nel corso di un match ben diverso da quello della settimana prima (17-29 per Gloucester, in casa dei Chiefs).

A rendere il tutto ancora più difficile c’è l’inferiorità numerica causata dal cartellino giallo dato a Josh Hohneck al 71′, che sta costringendo i cherry&white a rischiare il tutto per tutto con un uomo in meno. La palla, inoltre, è in mano a Jack Maunder e il cronometro segna il 76esimo minuto di gioco. Proprio il mediano di mischia dei Chiefs, tuttavia, decide di dare una mano agli avversari, sparando in cielo un calcio di fatto perpendicolare al terreno di gioco, tanto mal eseguito quanto rischioso. Il Gloucester infatti lo recupera e può attaccare e lo fa splendidamente, arrivando fino in meta con Tom Hudson.

È un’azione talmente bella che non potrebbe non rimanere isolata nel finale di partita, potrebbe pensare qualcuno. Lo sa anche Gloucester, che infatti prova a rendere memorabile la serata affidandosi a tutta la propria voglia di strafare e di dimostrare a tutti di essere una squadra unica nel suo genere. Provano a ripartire dai propri 22, affidandosi al piede di Owen Williams, ma il calcio dell’apertura ci ricorda che gli eccessi non sempre pagano i necessari dividendi (spoiler: pallone troppo lungo, palla recuperata e meta dei Chiefs che toglie il bonus a Gloucester e lo dà a Exeter).

Ma stiamo andando off topic: a noi interessava soprattutto “salvare” il ricordo della meta precedente, quella di Woodward, per non farla cadere troppo in fretta nel dimenticatoio di una pesante sconfitta casalinga.

Come detto, Gloucester recupera l’ovale dopo un brutto calcio di Maunder dalla base e può disporre di tutta l’ampiezza del campo per inventarsi qualcosa. La difesa di Exeter è già allineata e pronta a togliere spazio al primo ricevitore, Gerbrandt Grobler, ma il giocatore dei Chiefs all’esterno del placcatore non stringe la sua linea di corsa su Freddie Clark, che nel frattempo aveva battezzato proprio quell’intervallo proponendo un angolo interessante al seconda linea.

Il timing del passaggio è perfetto, Clark prende in contro tempo la difesa e piazza il break, riciclando bene il pallone per un Ben Morgan puntuale in sostegno. Il numero otto è placcato a terra da Steenson, che però non ha la forza né l’equilibrio per chiudere al meglio il placcaggio; Morgan quindi può liberare le mani e riciclare per Owen Williams, playmaker al posto dell’infortunato Danny Cipriani. A questo punto, la difesa dei Chiefs è collassata e non può più pareggiare la superiorità all’esterno.

A poco serve la salita disperata di Devoto, l’ultimo giocatore della linea ospite, per bloccare la ricezione di Twelvetrees, le cui mani sono fin troppo educate per sbagliare quel facile passaggio per Hudson, che finalizza un’azione in cui sono bastate intelligenza tattica (Clark) e abilità tecniche (Clark e Morgan) per far saltare i meccanismi difensivi di una delle squadre più forti d’Europa.

Daniele Pansardi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

FIR Camp: al via le iscrizioni per la prima edizione dei campus estivi federali

Un trittico di appuntamenti nato con la finalità di crescere come atleti e come individui

21 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #37: Avanti, siam ribelli

I Rebels segnano una meta pazzesca contro i Lions, nonostante la rocambolesca sconfitta finale

20 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il postino placca sempre due volte, ep. 4: come si analizza una partita?

Lo abbiamo chiesto a Nicola Gatto, video analyst del Benetton, e abbiamo cercato di capire come funziona nel mondo del Top 12

20 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il vero valore dello sport nella carezza di Médard e nelle lacrime di Parisse

Breve riflessione su due episodi accaduti sabato all'Olimpico

18 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il postino placca sempre due volte, ep. 3: attacco e difesa

Torna la rubrica con le domande dei lettori: oggi ci occupiamo dello schieramento dei giocatori in fase offensiva e difensiva

13 marzo 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #36: l’insostenibile leggerezza dell’Earls

Con un meccanismo perfetto da orologio di grande marca, l'Irlanda manda in meta la sua velocissima ala

11 marzo 2019 Terzo tempo