Slow Motion #17: fabbricato in Italia

L’ultima delle tre mete segnate da Luca Sperandio ad Edimburgo è la migliore della settimana, nonostante la concorrenza

ph. Ettore Griffoni

Slow Motion è la rubrica di OnRugby che ogni settimana racconta la meta più bella del weekend, nei minimi particolari, corredata dal video. Il fanatico ovale la segue così: prima se la guarda tutta, e poi torna indietro a leggere paragrafo per paragrafo, alternando il tasto play a quello pausa. Qui la scorsa puntata. Buon divertimento.

Davvero difficile scegliere una sola marcatura tra le tante di pregevole fattura segnate in un weekend strapieno di rugby. Nella shortlist finale rientrano sicuramente la prima meta degli All Blacks all’Argentina, lo show della vecchia conoscenza del rugby italiano Sinoti Sinoti in quel di Newcastle per mandare a segnare il compagno Mark Wilson, la travolgente azione degli Harlequins che segnano una meta da 80 metri e il capolavoro di Montpellier contro Perpignan per mandare a segno Jan Serfontein.

Scegliamo però di premiare stavolta il made in Italy, raccontando l’ultima delle tre marcature personali di Luca Sperandio in Edimburgo-Benetton. Già in occasione della prima meta, il trequarti biancoverde aveva messo in mostra degne qualità da finisher, ma con la terza segnatura si è poi ulteriormente superato, producendosi in un notevole assolo.

L’azione comincia con un up and under di Ian McKinley non controllato dalla retroguardia scozzese, con l’ovale che rotola nelle mani di Dewaldt Duvenage. Il numero 9 sudafricano allarga in maniera rivedibile il gioco: il suo passaggio manca di spinta e si perde sul prato. L’errore si trasforma però per il Benetton in un colpo di fortuna: Viliame Mata va a farfalle nel tentativo di controllare il pallone, il quale rimbalza tra le braccia di Barbini. Il terza linea trova un’autostrada davanti a sé e non esita ad accelerare.

Barbini lancia quindi Sperandio sull’out di sinistra, ma l’ala viene rimontata da Duhan van der Merwe. Qui Sperandio è particolarmente lucido nell’esecuzione: il placcaggio dell’avversario lo butta a terra, ma è approssimativo e non si chiude, cosicché il nostro possa lasciare l’ovale per una frazione di secondo, recuperarlo e tornare a spingere sulle gambe.

L’azione manda fuori giri l’efficacia degli interventi di Blair Kinghorn ed Henry Pyrgos, che non riescono a bloccare Sperandio. Il giovane Leone, infine sospinto verso la rimessa laterale, è ancora più bravo nel trovare un modo per depositare in extremis l’ovale all’angolo dell’area di meta prima di essere trascinato oltre la linea.

Una prestazione offensiva davvero encomiabile quella del 22enne nato e cresciuto a Treviso, che con la tripletta di venerdì eguaglia già alla quinta giornata il numero di mete messe a segno lo scorso anno in 14 presenze. E soprattutto, è il primo italiano a vincere l’ambitissima palma assegnata ogni settimana con il nostro Slow Motion: un successone.

Lorenzo Calamai

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Slow Motion #33: Marlon Stockdale

Le qualità attoriali del giovane irlandese funzionali alla sua bella marcatura contro la Scozia

14 febbraio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

A Roma ritorna il #6 Sedie Wheelchair Rugby: appuntamento al PalaLuiss il 23 febbraio

L'iniziativa dedicata al rugby in carrozzina è al secondo anno consecutivo. Cinque ex azzurri presenti all'evento

13 febbraio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Il gran regalo di un ragazzo spagnolo all’Amatori Parma

Al club parmigiano è arrivata una lettera con un biglietto per Italia-Irlanda, in un modo del tutto particolare e significativo

29 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

La campagna fotografica per il IV Tempo di FIR, tra rugby e cultura

Quattro azzurri hanno posato davanti ad alcuni dei simboli del Musei Capitolini

28 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #32: Qualcosa rimane fra le pagine chiare e le pagine scure

Nonostante la stagione fallimentare, in Tolone ci sono ancora sprazzi di bellezza, come nella meta di Filipo Nakosi

21 gennaio 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Matias Aguero (e non solo lui): quando il rugbista si reinventa chef

Dopo Ongaro, Perugini e D'apice, un altro ex azzurro fa il suo esordio nel mondo della ristorazione

17 gennaio 2019 Terzo tempo