Premiership, la Federazione inglese avverte i club: salari poco sostenibili

La crescita esponenziale, e sovvenzionata dalla federazione stessa, dei compensi dei giocatori potrebbe rivelarsi un problema nel prossimo futuro

ph. Reuters

La stagione che sta incominciando ha già visto registrare un record: Charles Piutau è divenuto il giocatore di rugby più pagato al mondo raggiungendo un compenso annuo di un milione di sterline per giocare nei neopromossi Bristol Bears.

Sono invece 7 i milioni di pounds che le squadre della Premiership possono investire nell’ingaggio dei giocatori. Un cap ai salari che può comunque essere evaso grazie alla possibilità di designare due contratti da non considerare nell’ammontare totale. Una condizione che ha fatto sì che si realizzasse un brusco aumento nei compensi dei giocatori, che secondo la Rugby Football Union non è sostenibile nel lungo periodo.

Eppure è stata la stessa federazione inglese a mettere in campo aiuti economici ai club del massimo campionato per permettergli di pagare stipendi abbastanza alti da trattenere sul territorio nazionale i giocatori che vestono la Rosa. Un contributo di 112 mila sterline in quattro anni che però, a causa di un momento difficile per le casse della RFU, potrebbe subire un notevole calo dopo i prossimi due anni.

La federazione inglese è infatti attualmente impegnata in una opera di ristrutturazione economica che vedrà coinvolto il licenziamento di circa 62 persone per un risparmio annuale di circa 3 milioni di sterline, una misura resa necessaria dall’aumento dei costi fissi per l’ente centrale del rugby albionico, che in passato ha deciso di incrementare il gettone di presenza dei giocatori in nazionale.

Il Professional Game Agreement fra i club di Premiership e la federazione firmato nel 2016 prevede che dopo i primi quattro anni a costo fisso, la federazione contribuisca in misura proporzionale ai propri incassi: una misura utilizzata proprio in previsione di una possibile contrazione del guadagno annuale della RFU. Qualcosa a cui i club dovrebbero guardare con lungimiranza, come avverte Steve Brown, chief executive della federazione inglese.

“L’Inghilterra può permettersi di pagare i salari dei giocatori della nazionale, ma molte altre squadre non riescono a trattenere i propri giocatori nei loro paesi. I mercati di Francia e Inghilterra hanno guidato questo aumento dei salari che non è sostenibile per gli stessi club.”

“Non vedo lo stesso livello di crescita nei guadagni, non ci sono abbastanza soldi nel sistema, a meno che non ci siano radicali cambiamenti a livello commerciale” ha detto il dirigente al Telegraph.

“Sicuramente in Inghilterra, ma anche in Francia, l’inflazione salariale è andata oltre le possibilità di alcuni club, e anche di alcune nazionali.”

Lo scorso anno undici dei dodici club di Premiership hanno chiuso la stagione con il bilancio in rosso, facendo registrare una perdita totale di 20 mila sterline.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Premiership: la federazione inglese al lavoro per ripristinare promozioni e retrocessioni

La RFU è pronta a rivedere gli standard minimi sugli impianti e dovrebbe introdurre un play-off tra la prima e la seconda serie

15 Giugno 2024 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: Northampton Saints campioni d’Inghilterra

In un Twickenahm Stadium sold-out i neroverdi vincono il titolo dopo 10 anni dall'ultima finale

9 Giugno 2024 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: le formazioni di Northampton Saints e Bath per la finale

Tante le stelle in campo, fra cui anche un prossimo Azzurro

7 Giugno 2024 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

L’occasione di Finn Russell: la finale di Premiership per cementare il proprio lascito

L'apertura scozzese ha cambiato il volto del Bath e lo ha riportato in alto: ora un titolo darebbe un'altra dimensione alla sua intera carriera

6 Giugno 2024 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: la finale sarà Northampton Saints-Bath

Sabato 8 giugno di fronte a quasi 80000 spettatori l'atto conclusivo del campionato inglese

2 Giugno 2024 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Owen Farrell ha chiuso la carriera con i Saracens

Il numero 10 inglese ha giocato la sua ultima partita con il club londinese

1 Giugno 2024 Emisfero Nord