Il rugby giapponese verso un bivio: i Sunwolves destinati alla scomparsa?

Fra risultati e investimenti onerosi, la franchigia giapponese potrebbe lasciare il posto nel Super Rugby a un club di Top League

ph. Reuters

Un Super Rugby senza Sunwolves. Sembra essere questo il destino futuro del rugby giapponese, che dopo la coppa del mondo casalinga dovrebbe ridisegnare il proprio volto rispetto a come oggi lo conosciamo.

La palla ovale, in Giappone, è divisa in due livelli: da una parte i Sunwolves, franchigia federale nata soprattutto con la finalità di dare profondità e qualità alla nazionale giapponese, dall’altra il campionato nazionale, la Top League, dove le squadre delle corporations nipponiche rivaleggiano a suon di yen per aggiudicarsi il titolo finale.

I risultati ottenuti dai Sunwolves come serbatoio dei Brave Blossoms sono apprezzabili, come hanno potuto recentemente toccare con mano non solo gli Azzurri, ma anche i georgiani. Tuttavia il successo nel campionato australe rimane stentato, con questa terza stagione partita con tante sonore sconfitte consecutive, punteggiate in tempi recenti da tre vittorie che hanno un po’ rialzato il morale della truppa. E la franchigia costa, e non poco.

La coesistenza della Top League, che concede i propri giocatori ai Sunwolves, e della franchigia ha una data di scadenza che si avvicina: il 2020. Dopo la Rugby World Cup casalinga infatti, dove tutti vogliono ben figurare, finirà il connubio di interessi fra federazione e corporation, ovviamente molto influenti dato il loro apporto economico fondamentale al rugby giapponese. Fra due anni infatti la Top League non avrà più inizio a luglio, ma bensì a gennaio, sovrapponendosi così con il Super Rugby e creando un insanabile conflitto per il doppio tesseramento dei giocatori.

Un conflitto all’orizzonte che avrà uno sviluppo diverso a seconda della qualità dei risultati che la nazionale giapponese riuscirà ad ottenere proprio alla prossima Rugby World Cup. Secondo diversi osservatori, la strada sarebbe in qualche modo segnata: c’è un forte interesse, infatti, da parte delle maggiori squadre di club giapponesi a sostituire i Sunwolves nel Super Rugby, un palcoscenico ovviamente di prestigio ulteriore e più grande rispetto a quello della Top League.

In pole positions, ad ascoltare le voci che girano di questi tempi, ci sarebbero i Panasonic Wild Knights, i quali beneficeranno del rinnovato Kumagaya Stadium, nuova sede del club una volta finiti i lavori che lo stanno interessando. La conclusione è prevista per i prossimi mesi, con la squadra che si sposterà quindi di diciotto chilometri per stabilirsi, appunto, nella città di Kumagaya. I Wild Knights sono uno dei club più blasonati, con alle spalle la solidità di un’azienda di primo piano come Panasonic. E’ la squadra dei nazionali giapponesi Shota Horie e Kenki Fukuoka, ma anche di Digby Ioane, Berrick Barnes e David Pocock.

Nel prossimo 2020, infine, il Super Rugby pianifica un proprio rilancio. Se le squadre dovessero tornare ad essere diciotto, anche Suntory Sungoliath e Toyota Verblitz potrebbero parimenti essere alla finestra per lasciare il campionato domestico e lanciarsi nell’avventura Super Rugby. A quel punto la federazione punterebbe a promuovere una Top League riformata per fare da riserva di giocatori professionisti a sostegno dei tre club. Per il momento si parla ancora di rumors, con pochi fatti concreti. I Sunwolves sono oggi molto più seguiti a livello mediatico e di spettatori rispetto alle squadre della Top League, avendo vinto l’entusiasmo popolare come e più dei club delle corporations. Se il Giappone dovesse fare bene alla World Cup, la condanna della franchigia federale sarebbe tutta da riscrivere.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Sudafrica: Duane Vermeulen ha firmato con i Bulls

Il forte numero 8 torna nel Super Rugby

30 ottobre 2018 News
item-thumbnail

Quade Cooper tornerà a giocare nel Super Rugby nel 2019

E farà di nuovo coppia con Will Genia, come ai tempi dei Reds, anche se questa volta ai Melbourne Rebels

23 ottobre 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: Tony Brown sarà il coach dei Sunwolves

Il tecnico si impegnerà nella stagione 2019 alla guida della franchigia nipponica

27 settembre 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Ma’a Nonu ai Blues, ancora una volta

A 36 anni il centro ex All Black riparte dalla franchigia di Auckland, dove ha giocato nel 2012 e nel 2014

13 settembre 2018 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Il sistema di conference del Super Rugby non è al servizio del Rugby Championship

Australia e Sudafrica faticano a chiudere il gap con gli All Blacks anche perché le loro franchigie giocano poco contro le neozelandesi

1 settembre 2018 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Coach Mida: tutto quello che Scott Robertson tocca diventa oro

La carriera del capo allenatore dei Crusaders ha un tasso di successo impressionante, e il futuro sembra serbargliene altro. Lui, però, vuole rimanere...

13 agosto 2018 Emisfero Sud / Super Rugby